Pubblicità

8 segnali d’allarme di una violenza domestica non ancora evidente (prima parte).

Facciamo un passo indietro per poter riconoscere tempestivamente l’insorgere della violenza domestica.


segnali violenza1Nella pratica professionale, è comune ricevere un sacco di richieste d’aiuto da donne, non perché sono vittime di abuso, ma perché non sono sicure di non esserlo mai state.

    
I professionisti e le persone che hanno esperienza in questo campo suggeriscono che, se vi state chiedendo se avete subito, o state subendo, un abuso, ci sono buone probabilità che sia così.

Un’altra cosa certa è che chiunque può ascoltare la vostra storia e darvi una sua opinione, professionale o meno che sia, ma le sole persone che possono sapere se siete abusate, o meno, siete voi.
Perché solo voi potete vedere cose che non vede nessun altro.

Inoltre, i primi segnali di abuso sono quelle cose di cui non si accorge nessuno, a volte nemmeno le vittime.
Non sono delle grandi bandiere rosse che sventolano davanti a voi vistosamente.
Essi iniziano molto prima che una mano vi venga posata addosso o che un rapporto della polizia venga archiviato.
Sono segnali sottili e silenziosi.
Scattano nelle vostre viscere e, quindi, possono essere ascoltati solo da voi.


Qui di seguito ci sono otto segnali precoci di allarme, che avvertono di un possibile abuso domestico futuro.


1. Avete più paura della reazione del vostro compagno che della situazione in sè.

“Ero ad una festa, quando tornai alla mia macchina e vidi che qualcuno aveva chiaramente sbattuto contro il mio paraurti e poi era scappato. Stando lì a guardare la vernice scrostata e l’angolo leggermente rientrato, la mia prima reazione non fu di frustrazione per la situazione, ma piuttosto di preoccupazione per quando sarei tornata a casa e l’avrei raccontato a mio marito, perché sapevo che si sarebbe arrabbiato parecchio.
Come previsto, quando tornai a casa e lui vide la mia macchina, cominciò a urlare, insultare, inveire e vaneggiare. Non era stata colpa mia, ma per lui lo era sempre e tutta la sua rabbia fu diretta verso di me”.

Se, come la donna di questo esempio, passate i vostri giorni avendo paura di come i vostri compagni reagiranno a ciò che vi succede, non vi sentite al sicuro con loro.
Se rimanere imbottigliate nel traffico e tornare tardi per la cena è il problema minore, confrontato a come vi reagirà il vostro partner, dovreste prendere consapevolezza del fatto che questo è un segnale di possibili episodi futuri di violenza domestica.


2. Vi turba discutere con il vostro compagno perchè vi fa paura.

“Quando discuto con il mio uomo, ciò mi sconvolge. Mi sconvolge che la persona che amo sia arrabbiata con me o viceversa. Mi sconvolge perché lo amo e non mi piace avere tensioni nella nostra relazione.
Ma, più di tutto, perché mi fa paura.
Mi fa paura pensare che potrebbe picchiarmi per la rabbia. Ho paura che potrebbe andarsene e tradirmi solo perché è arrabbiato con me, o che farà qualcos’altro di deleterio anche solo a livello emotivo”.

Di solito, discutere, anche se spiacevole, non ci fa paura. Se a voi succede il contrario, potrebbe esserci qualcosa di cui preoccuparvi seriamente.


3. Quando siete coinvolti in una discussione con il partner, cercate l’uscita più vicina.

Questo concetto potrebbe sembrare già chiaro così, ma non lo è.
Molte persone potrebbero non aver ancora realizzato, a livello cosciente, che lo fanno pure loro. Ed anche se lo realizzano, spesso cercano di convincere se stesse che sono solo pensieri irrazionali, perché il loro partner non le ha mai picchiate prima.
Ma allora perché si tengono vicino all’uscita durante una lite?

Considerate che questa sensazione deriva dal vostro istinto viscerale, che vi dice che non siete al sicuro.
E questo è il segnale d’allarme, che troppe persone trascurano, ma che è, in realtà, l’unico a cui dovrebbero prestare attenzione.
Quando state discutendo con il vostro compagno e, in un angolo della vostra mente, state già pianificando la vostra fuga, non ignorate questo piccolo campanello d’allarme, perché potrebbe avvertirvi di un pericolo ben più grande.


4. Non vi fidate di loro.    

La fiducia si guadagna e si perde facilmente.
Molte relazioni possono finire proprio per questo motivo, ma ciò che molte persone non sanno è che tradire ripetutamente la fiducia degli altri è una forma di abuso.
Se l’altra persona sta pretendendo la vostra fiducia, o vi fa sentire in colpa se non vi fidate di loro, senza darvi un motivo per farlo, potreste essere vittime di una manipolazione o di un abuso a livello emotivo.
Nessuno sa cosa provate per il partner, eccetto voi, ma quel che è certo è che, se non riuscite a fidarvi di lui, dovreste rendervi conto di avere un problema serio.

 

[clicca qui per leggere la seconda parte]
    
            
    
    

Fonte: PsychCentral.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 5947 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La Sindrome da Alienazione Parentale

Bambino o arma? Le dinamiche psicologiche della sindrome da alienazione parentale: ansia narcisista, ansia borderline e ansia traumatica. La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS), un termine coniato da Richard A. Gardner negli anni '80, descrive una condizione – usualmente generata nel contesto di co...

Il modello del duplice controllo

Nel presente articolo si andrà ad esaminare il modello del duplice controllo che descrive in modo più accurato le componenti reattive del desiderio e le sottostanti forze motivazionali che lo innescano, in particolare nelle donne che si trovano in relazioni a lungo termine. La Dottoressa Rosema...

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...

iPhone o Android? Una scelta che ricalca la vostra personalità!

Il vostro cellulare può rivelare chi siete! Dimmi che cellulare usi… E ti dirò chi sei! In un’era, in cui il digitale la fa da padrone, non c’è frase più appropriata di questa! ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.