Pubblicità

A cosa serve sognare? Ripartiamo da Freud

Freud definì il sogno come appagamento mascherato di desideri rimossi. Di quali desideri sognare rappresenta il soddisfacimento?
I DESIDERI DEL SOGNO

sognare - ripartiamo da freudInnanzi tutto, Freud distingue tre origini di desiderio: in primo luogo un desiderio può essersi destato durante la veglia, ma essere rimasto inappagato. Desideri di questo tipo non sono coscientemente vissuti come tali durante il sonno, ma non si possono considerare come appartenenti al sistema inconscio.

In secondo luogo, un desiderio può essere sorto recentemente durante la veglia, ma essere stato rifiutato e quindi rimosso. Tali desideri sono dunque inconsci.

In terzo luogo, può trattarsi di un desiderio che non ha alcuna relazione con la vita di veglia, ma che appartiene al passato ed è soggetto stabilmente alla rimozione. Questo tipo di desideri è del tutto incapace di passare al di là del sistema inconscio. Si può, poi, ancora indicare una quarta fonte dei desideri dei sogni negli impulsi di desiderio attuali (ad esempio la sete) che sorgono durante la notte.

Sebbene, come si è visto, si possa parlare di molteplici fonti di desideri, ad esse, secondo Freud, non si possono attribuire la stessa importanza e la stessa forza di provocare il sogno. Un desiderio rimasto irrealizzato durante la veglia non è sufficiente a produrre il sogno di un adulto, ma deve trovare altrove un rinforzo.

Scrive Freud: “Suppongo che il desiderio conscio possa diventare un suscitatore del sogno soltanto se riesce a destare un desiderio affine inconscio, con cui si rafforza”. I desideri inconsci sono sempre vigili e pronti ad allearsi con un impulso cosciente trasferendo su di esso la loro forte intensità per trovare espressione. In questo modo, il sogno rivelerà solo il desiderio cosciente e solo questo sembrerà essersi realizzato.

Psicologi in evidenza
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Ora, se si rammenta che l’origine dei desideri inconsci è remota, ovvero che si tratta dell’infanzia, e che senza la forza di questi non si ha sogno, non si potrà non riconoscere che: “il desiderio che si rappresenta nel sogno dev’essere un desiderio infantile”.

Tuttavia non solo i desideri insoddisfatti, ma anche i problemi non risolti, le preoccupazioni, i propositi recenti costituiscono i residui della vita del giorno e cercano di esprimersi anche durante la notte. Proprio come i desideri coscienti, anche gli altri residui diurni si servono dei desideri infantili inconsci per penetrare nella coscienza mentre dormiamo. Nel caso in cui i resti diurni siano costituiti da preoccupazioni o altri elementi dolorosi, il sogno potrà avere un contenuto penoso e anche l’affetto che l’accompagna potrà essere tale, al punto da poter persino portare allo sviluppo dell’angoscia.

Questa osservazione sembrerebbe, in un primo momento, contrastare la tesi che il sogno sia sempre la soddisfazione di un desiderio, ma l’analisi dimostra che: anche i sogni sgradevoli sono realizzazioni di desideri al pari degli altri sogni. In essi un desiderio inconscio ha afferrato l’opportunità offertagli dai resti diurni penosi, dando loro il suo sostegno.

Per chiarire il rapporto tra resti diurni e desideri inconsci, Freud si avvale, ne “L’interpretazione dei sogni”, di un’analogia, quella dell’imprenditore e di chi detiene il capitale, dove il primo corrisponde ai residui del giorno e il secondo al desiderio inconscio. L’imprenditore non può fare nulla senza il capitale, ha perciò bisogno di chi affronti le spese, allo stesso modo l’esborso psichico per il sogno è sempre fornito da un desiderio proveniente dall’inconscio. Del resto, proseguendo con l’analogia, a volte il capitalista è egli stesso imprenditore e, nel sogno, questo è il caso più frequente. Anche altre variazioni del rapporto economico hanno un parallelo con il sogno: l’imprenditore può dare egli stesso un piccolo contributo al capitale; molti imprenditori si possono rivolgere ad uno stesso capitalista o molti capitalisti possono accordarsi per aiutare un imprenditore.

Sebbene ai resti diurni si debba riconoscere una posizione subordinata nella formazione del sogno, essi ne devono essere elementi essenziali dal momento che l’analisi mostra che nel contenuto di tutti i sogni si rintraccia un legame con un’impressione recente.

Non solo i residui diurni sono sempre presenti nel sogno, ma essi spesso hanno un carattere indifferente. Il motivo per cui questi elementi recenti ed indifferenti penetrano così spesso nei sogni come sostituti dei pensieri onirici più remoti va indicato nel fatto che essi hanno molto poco da temere da parte della censura.

La relazione tra gli elementi preconsci e le tendenze inconsce può assumere due differenti espressioni. In un caso sono i residui diurni (che non saranno allora insignificanti, ma rilevanti) a trovare l’elemento inconscio ricevendo da esso forza e acquistando la capacità di provocare il sogno. In un secondo caso, è la tendenza inconscia che, nella sua spinta verso la coscienza, si allea con i resti del giorno preconsci e li potenzia. Nel primo caso si parla di sogni costruiti dall’alto, nel secondo di sogni costruiti dal basso.

LA FUNZIONE DEL SOGNO

Occorre ancora fornire qualche chiarimento sulla funzione dei sogni. Secondo Freud, il sogno ha il valore di una liquidazione di quegli stimoli psichici che disturbano il sonno, affinché essi vengano eliminati e il sonno possa continuare. La sua funzione è allora quella di essere “il custode del sonno”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

Senza il sogno, le tendenze inconsce, in quanto inaccettabili, condurrebbero la coscienza al risveglio, e questo è in effetti ciò che a volte si verifica nel caso dei sogni d’angoscia. Questi spesso hanno un contenuto totalmente privo di deformazione, che è sfuggito alla censura. Il sogno d’angoscia è un appagamento scoperto di un desiderio rimosso ed in esso l’angoscia è la reazione. Se ci risvegliamo, la funzione del sogno come custode del sonno è fallita. “Ma”, osserva Freud, “anche il guardiano notturno si trova nella situazione di dover svegliare i dormienti quando si sente troppo debole per scacciare da solo la perturbazione o il pericolo”. Altre volte, invece, continuiamo a dormire dicendoci nel sonno che si tratta solamente di un sogno, anzi questo atteggiamento è generale al punto da potersi ritenere che durante tutto lo stato di sonno sappiamo con la stessa sicurezza che stiamo sognando quanto che stiamo dormendo.

Alla luce di quanto osservato, il desiderio di dormire acquista un carattere essenziale per la comprensione del sogno: “Il desiderio di dormire…dev’essere quindi ogni volta incluso tra i motivi della formazione del sogno e ogni sogno riuscito è un appagamento di questo desiderio”.

Tutti i sogni si possono allora considerare sogni di comodità dal momento che ogni sogno è una reazione ad uno stimolo che disturba il sonno al fine di poter continuare a dormire.

Il sogno costituisce così un compromesso. Esso è al servizio del sistema preconscio e di quello inconscio, poiché realizza entrambi i desideri: quello inconscio rimosso e quello preconscio di dormire.

 

 

(Articolo a cura della Dottoressa Mina Rienzo - Psicologa-psicoterapeuta)

 

 

  |   Letto: 4827 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

Desiderio e psicosi: una prospettiva Lacaniana

E' il desiderio il patrimonio esclusivo della dicotomia nevrosi/perèversion? Quali sarebbero gli argomenti lacaniani a sostegno dell’assenza del desiderio nella psicosi? In secondo luogo, quale potrebbe essere invece il tipo di desiderio che opera nella psicosi? La prospettiva Lacaniana re-intro...

Cos'è la psicoanalisi?

La psicoanalisi è stato il primo trattamento per quei pazienti che non rispondevano positivamente ad altre metodi medici e psicologici disponibili a quel tempo. Spesso quando si pensa alla psicoanalisi, l'immagine che viene ad essa associata è quella di Freud che fuma il sigaro e la sua barba b...

Psicoanalisi e Psicologia

Qual è la differenza fra la psicoanalisi e la psicologia? Due nomi simili che racchiudono però grandi differenze. Scopriamo insieme la natura di queste due realtà nello sviluppo che entrambe hanno avuto Che cosa è la psicologia? Etimologicamente, troviamo che la parola è composta dalle radici greche psi...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.