Pubblicità

Abuso di sostanze, violenza e suicidio

Esiste una relazione tra l'abuso di sostanze, la violenza ed il suicidio? Quali sono le implicazioni cliniche per i terapeuti?

abuso di sostanze violenza e suicidioIl suicidio rappresenta l'undicesima causa di morte negli Stati Uniti; rappresenta oltre 34.000 morti all'anno. Ed un numero ancora maggiore di persone tenta il suicidio.

Sulla base dei dati delle indagini condotte dalla comunità, circa il 5% degli adulti ha compiuto un serio tentativo di suicidio.

I problemi di salute mentale sono alcuni dei fattori di rischio più noti e ben studiati legati all'ideazione suicidaria, ai tentativi di suicidio e alla mortalità per suicidio.

Approssimativamente il 90% di tutte le persone che hanno commesso il suicidio hanno soddisfatto i criteri per una o più condizioni psichiatriche diagnosticabili.

Le condizioni di salute mentale più fortemente associate a tentativi di suicidio fatali e non fatali comprendono depressione, disturbo bipolare, schizofrenia, disturbo da stress post-traumatico, disturbo da uso di sostanze e/o alcool.

Poiché i fornitori dei trattamenti di salute mentale sono regolarmente a contatto con pazienti a rischio di suicidio, rappresentano una risorsa importante per la diagnosi precoce e la prevenzione del comportamento suicidario.

Uso di sostanze e rischio di suicidio

Sebbene sia difficile confrontare l'impatto relativo tra i diversi problemi di salute mentale con il rischio di suicidio, è stato riscontrato che i disturbi da alcool e uso di sostanze sono fortemente correlati al rischio di suicidio.

Individui con disturbo da uso di sostanze - ovvero una diagnosi di abusi o dipendenza da alcool o droghe - hanno una probabilità di 6 volte maggiore di riportare un tentativo di suicidio rispetto a quelli senza un disturbo di questo tipo.

Numerosi studi condotti su individui in trattamento per droghe o alcool mostrano che i precedenti tentativi di suicidio e attuali pensieri suicidi sono abbastanza comuni.

Recenti studi condotti su veterani indicano che gli uomini con un disturbo da uso di sostanze hanno circa 2-3 volte più probabilità di morire per suicidio rispetto a quelli che non sono tossicodipendenti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Tra le donne, un disturbo da uso di sostanze aumenta il rischio di suicidio di 6,5 volte.

Identificare i tossicodipendenti che sono maggiormente a rischio di suicidio

Anche se esiste un'associazione coerente tra disturbo dell'uso di sostanze e comportamenti suicidi, la stragrande maggioranza di quelli con problemi legati alla sostanza non morirà mai per suicidio.

Pertanto, è importante identificare quegli individui con disturbi da uso di sostanze che potrebbero essere particolarmente a rischio per il suicidio.

Oltre alla dipendenza da sostanze, l'umore depresso si pone come elevato fattore di rischio per comportamenti suicidari nella popolazione generale e predice anche una maggiore probabilità di suicidio in chi ha problemi di alcool o droghe.

Il legame tra depressione e comportamenti suicidari in soggetti con disturbi da uso di sostanze può essere particolarmente forte data la elevata comorbilità tra disturbi dell'umore e di uso di sostanze. Sebbene non sia stato esaminato a fondo, è possibile che i disturbi dell'umore indipendenti ed i disturbi dell'umore indotti da sostanze possano predisporre ad un maggior rischio di suicidio.

Ricerche emergenti suggeriscono che alcune persone con particolari tipi di uso e abuso di sostanze possono avere maggiori probabilità di intraprendere comportamenti suicidari.

Ad esempio, gli individui che usano oppiacei, cocaina e sedativi possono avere un rischio notevolmente più alto rispetto a quelli che usano altre droghe.

Tra coloro che hanno un disturbo da consumo di alcool, una maggiore gravità del consumo è associata a maggiore probabilità di tentato suicidio e mortalità suicida.

Disturbi concomitanti di consumo di alcool e droghe possono essere indicatori particolarmente forti di un aumentato rischio di suicidio.

Quindi la gravità del disturbo da uso di sostanze (cioè un maggiore numero di sostanze o uso improprio di più di una sostanza) può prevedere una maggiore probabilità di suicidio.

Comportamento violento verso gli altri

La tendenza ad impegnarsi in comportamenti violenti è un fattore di rischio potenzialmente importante per il suicidio nei tossicodipendenti.

Fino al 75% di coloro che iniziano il trattamento per la dipendenza riferisce di essersi comportato in modo violento - per esempio aggressione fisica, aggressione, utilizzo di armi contro gli altri e via dicendo.

La ricerca emergente indica anche che la violenza può parzialmente giustificare la connessione tra abuso di sostanze e rischio di suicidio. Ad esempio, in coloro che cercano un trattamento per i disturbo da uso di sostanze, la percezione di avere difficoltà a controllare il proprio comportamento violento era associata ad una maggiore probabilità di un precedente tentativo di suicidio.

Pubblicità

Tiet e colleghi hanno ipotizzato che le persone che hanno difficoltà a controllare la loro rabbia possono essere più propense ad agire in modo impulsivo, dirigendo così la violenza su sé stessi piuttosto che sugli altri.

Le persone con disturbi dell'alcool e comportamenti antecedenti aggressivi sono più propensi a segnalare pensieri suicidi o tentativi di suicidio passati.

In uno studio recente su più di 6.000 adulti che hanno iniziato il trattamento per la dipendenza, coloro che hanno commesso atti violenti gravi - ad esempio stupro, omicidio, aggressione con lesioni gravi - presentavano più del doppio delle probabilità di riportare maggiori tentativi di suicidio.

Questa scoperta è stata vera anche dopo aver statisticamente controllato le caratteristiche demografiche, la depressione e la vittimizzazione del passato. Un altro studio ha confrontato le vittime di incidenti con persone che hanno completato il suicidio.

Il comportamento violento nell'ultimo anno di vita di un individuo è stato collegato ad una maggiore probabilità di suicidio, anche nel caso in cui si controllassero disturbi dell'alcool e altri potenziali fattori di rischio di suicidio.

Violenza verso il partner

La violenza nei confronti di un partner può essere un fattore predittivo particolarmente importante per la presenza di pensieri e comportamenti suicidi nei soggetti con disturbi da uso di sostanze.

In uno studio che ha esaminato i dati di un campione di 488 individui che hanno iniziato il trattamento per droghe e alcool, l'aggressività fisica nei confronti di un partner è stata associata a più alti livelli di ideazione suicidaria rispetto all'aggressione nei confronti di un amico o sconosciuto.

Inoltre, è comune una storia di violenza domestica negli uomini con problemi di alcolismo che portano a termine il suicidio. Le persone che hanno perpetrato la violenza domestica avevano maggiori probabilità di essere separate dai loro partner, quindi mancavano di supporto sociale – un fattore chiave di protezione del rischio di suicidio.

Comprendere il legame tra violenza e rischio suicidario

Diversi fattori possono spiegare perchè l'interazione con la violenza interpersonale è associata ad un aumentato rischio di comportamenti suicidari nei soggetti con disturbi da uso di sostanze.

La violenza è correlata con una maggiore gravità dell'abuso di sostanze; quindi il comportamento violento può essere un indicatore proxy della relazione tra gravità dell'abuso di sostanze e rischio di suicidio.

Inoltre, la violenza può essere un indicatore di una maggiore impulsività, che è stata trovata aumentare il rischio di suicidio. La relazione tra l'impulsività come entità indipendente - distinta dall'aggressività - ed il rischio di suicidio è stata raramente studiata.

Uno studio che ha esaminato l'aggressività impulsiva - cioè l'aggressività reattiva - ha rilevato che non aumentava la probabilità di tentato suicidio in confronto ad una aggressione premeditata, ossia un'aggressione proattiva.

Un'altra possibile spiegazione del legame tra violenza e suicidio è che la violenza, in particolare la violenza sul partner, può creare un significativo isolamento sociale, che aumenta il rischio di suicidio.

Implicazioni cliniche

Meccanismi causali che spiegano i legami tra abuso di sostanze, violenza e comportamenti suicidari non sono completamente compresi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061

Tuttavia, la letteratura fornisce diverse importanti implicazioni cliniche per i fornitori di trattamenti di salute mentale. In tutte le situazioni, è importante includere domande sul comportamento violento e sull'abuso di sostanze nelle valutazioni del rischio di suicidio.

Chiaramente, gli utenti che segnalano una combinazione di precedenti tentativi di suicidio e/o di gravi piani di suicidio, depressione, abuso significativo di sostanze ed episodi di violenza interpersonale hanno un rischio significativamente elevato di futuri comportamenti suicidari.

Per tali pazienti, il trattamento che si concentra su uno solo dei suddetti domini - ad esempio, la depressione - potrebbe non essere efficace.

I terapeuti dovrebbero sviluppare una strategia che affronti direttamente ciascuno di questi problemi e contenga misure specifiche per la gestione di una crisi suicida acuta.

Dovrebbero inoltre prendere in considerazione la possibilità di collaborare con uno psichiatra per la prescrizione di quei farmaci che affrontano direttamente il disturbo da dipendenza.

I terapeuti dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di indirizzare i pazienti violenti verso terapie di gestione della rabbia o terapia comportamentale di coppia progettata per affrontare i comportamenti aggressivi e migliorare la risoluzione dei problemi comunicativi ed interpersonali.

La ricerca è necessaria per determinare se tale trattamento integrato riduce efficacemente i comportamenti suicidari in soggetti ad alto rischio con disturbi da uso di sostanze e/o comportamento violento.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 840 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.