Pubblicità

Abuso e violenza domestica

Sistemi di credenze pericolose aprono la strada alla creazione di un ambiente favorevole alle dinamiche abusanti!

violenza domesticaLa violenza domestica  rappresenta una piaga sociale in costante aumento; un recente sondaggio ha infatti mostrato come 8 centri antiviolenza su 10 hanno riportato un incremento della ricerca di aiuto da parte delle donne.

Mentre i fattori finanziari contribuiscono al problema, le cause della violenza domestica vanno maggiormente ricercate in quelle problematiche psicologiche che devono essere affrontate per interrompere il ciclo di abusi.

Vi sono infatti due dinamiche emotive che contribuiscono notevolmente alla violenza domestica; il primo riguarda una distruzione individuale dei processi di pensiero (o “voce interiore critica”) che determina un abuso sia verso di sé che i propri partner: possono essere presenti pensieri come “Tu non sei un uomo se non la controlli” oppure “lei sta facendo di te un pazzo”.

L’altro fattore riguarda ciò che lo psicologo Robert Firestone ha definito “vincolo di fantasia”. Questa dinamica subentra improvvisamente e acquisisce il senso che l’altra persona può fare tutto ciò che vuole ed è responsabile della vostra felicità.

Questi due sistemi di credenze pericolose aprono la strada alla creazione di un ambiente favorevole alle dinamiche abusanti.

Mentre le donne hanno più probabilità di sperimentare la violenza domestica, le forme di abuso possono manifestarsi in tutte le tipologie di coppie, sia di sesso opposto o dello stesso sesso, sia sposati o celibi.

Secondo un sondaggio effettuato dal Bureau of Justice Statistics Crime Data Brief, gli uomini rappresentano il 15% delle vittime di violenza domestica segnalati.

Tuttavia, i molti casi in cui sono gli uomini a divenire violenti verso le donne sono preziosi per esaminare alcuni atteggiamenti e stereotipi sociali verso gli uomini, che a loro volta possono aumentare i casi di violenza.

Nonostante i notevoli progressi verso la creazione della parità tra i sessi, viviamo ancora in una società patriarcale.

Lo stereotipo sociale che vede e descrive l’uomo come più forte, maschile e potente rispetto alle donne, può essere distruttivo per quegli uomini che sono più a rischio di divenire violenti.

La vergogna innescata dall’idea che essi possano apparire deboli o poco virili può innescare irascibilità e impulsi violenti improvvisi.

In alcune persone, il sentirsi messi in discussione dal partner può essere doloroso, suscitare paura e soprattutto rabbia.

In questi casi, se la frase o la semplice parola è vissuta come un insulto, una minaccia o una provocazione, l’agito violento è scatenato dalla suddetta “voce interiore critica”.

Questa “voce” è un processo distruttivo attraverso cui le persone rimuginano su elementi negativi che vengono riferiti sia a sé stessi che ai loro partner.

Più una persona ascolta e alimenta tali pensieri, tanto più si nutrono sentimenti di ostilità e di necessità a reagire, con un’escalation che determina il comportamento violento.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Esempi tipici di tali pensieri includono:

  • “lui/lei mi sta controllando. Non posso permetterlo, perché non sono un debole!”
  • “Lei/lui si sta prendendo gioco di me. Come si permette!?”
  • “Come osa trattarmi in questo modo?”

Oltre ad ascoltare questa voce interiore, le coppie coinvolte nella violenza domestica sono spesso intrappolate in una connessione distruttiva, un’illusione che non possono vivere senza l’altro.

Si assiste ad una fusione identitaria, in cui entrambi i partner sentono di non poter “stare in piedi” senza l’altro; questa illusione contribuisce a ciò che abbiamo già introdotto prima, ossia il “vincolo di fantasia”.

Questa sensazione malsana di fusione rende difficile liberarsi dal rapporto, nonostante questo possa essere diventato ostile e pericoloso; e rende anche più semplice il tollerare gli abusi, perché l’altro è vissuto come estensione di sé piuttosto che come un individuo separato.

La formazione di un legame di fantasia incoraggia inoltre l’atteggiamento persecutorio verso l’altra persona; supporta anche l’idea che un partner, all’interno della coppia, possa esercitare il proprio potere e controllo sull’altro.

Dall’altra parte, la minaccia dell’abbandono porta il soggetto abusante a sentirsi giustificato nella propria rabbia verso il partner; la percezione di tale minaccia intensifica le reazioni aggressive, siano esse fisiche o verbali.

Sulla base di tali premesse, se si vuole prevenire la violenza domestica bisogna soffermarsi su quale comportamento promuovere in situazioni di questo tipo.

A tal proposito, un programma americano che ha riscosso un notevole successo per le pratiche di insegnamento ai detenuti maschi nonchè autori di reati di violenza domestica, ha messo in risalto come il simulare situazioni tipiche possa aiutare tali soggetti a identificare il momento in cui sentivano crescere la rabbia attraverso il premere un pulsante, indicante “pausa”, proprio perché avvertivano un momento particolare di stress.

Da ciò si evince che questi uomini sono in grado di prendere decisioni più ragionevoli in termini di comportamento.

Il programma ha infatti lo scopo di modificare i pensieri distruttivi e le voci interiori critiche che alimentano i comportamenti aggressivi.

Questo approccio determina nei soggetti una presa di responsabilità delle proprie azioni; li aiuta a individuare i momenti in cui sono “attivati” e rendersi conto che non importa quanto possano sentirsi infuriati e provocati, perché quelle stesse emozioni sono in grado di gestirle e controllarle.

Il programma insegna loro la capacità di discernere tra il proprio sé reale e un “anti-sé”, costituito dalle loro prime esperienze di violenza.

Essi imparano che in quei momenti di stress, possono scegliere di rimanere centrati su sé stessi nonostante le difficoltà, o agire difensivamente divenendo violenti a causa dell’identificazione con la persone o le persone che li ha abusati da bambini.

Questi soggetti imparano a calmarsi, a riconoscere i propri sentimenti e ad assumersi le responsabilità delle proprie azioni.

Essi sviluppano la capacità di avere un dialogo paritario con il proprio partner, cercando di creare un rapporto di scambio reciproco.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

 

Siamo tutti in grado di diventare ciò che vogliamo essere nelle nostre relazioni; programmi come “Manalive” hanno contribuito a riabilitare uomini violenti aiutandoli a conoscere il loro vero sé, insegnando loro a riconoscere le proprie emozioni, e consentendo loro di provare compassione e perdono verso di sé e gli altri.

Attraverso una conquista del senso di sé come individui separati riescono a migliorare l’autostima, la responsabilità e l’empatia; imparano così strategie più efficaci per riconoscere quando subentra il ciclo distruttivo di violenza e soprattutto a stare lontani dalla loro voce critica interiore, restando centrati sul loro vero sé.

Molte persone che commettono abusi sono stati essi stessi vittime di abusi da bambini o esposti ad abusi sui propri familiari.

Per rompere questo ciclo e ridurre i casi di violenza domestica nelle generazioni successive, bisogna attuare programmi che sono efficaci e fornire anche l’aiuto di cui hanno bisogno per non trasmettere le stesse dinamiche ai propri figli.

Programmi di riabilitazione centrati sull’autoriflessione, autocontrollo, empatia e resilienza possono così migliorare le strategie di coping ed evitare il ricorso alla violenza.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1870 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.