Pubblicità

Alla ricerca dell'equilibrio interiore

equilibrioLa ricerca dell’equilibrio interiore è un cammino lungo e difficile. E’ un cammino di conoscenza di sé e di crescita personale, che richiede un continuo processo di riflessione (elaborazione), tra quello che la realtà ci presenta e una nostra risposta che sia adeguata ma che sia anche accettabile da un punto di vista emotivo. E’ un cammino affascinante, perché si comincia a fare attenzione alle molteplici sfumature psicologiche con cui il nostro Io affronta il quotidiano.

Ma è un percorso difficile perché ci rendiamo conto della necessità, per stare meglio, di sradicare alcuni vecchi schemi comportamentali che ci condizionano fin dall’infanzia o dall’adolescenza, e di costruire, in maniera più consapevole, un modo di agire diverso.

Alcuni di questi schemi, di cui sentiamo la necessità di cambiare, sono primitivi, appartengono alla natura umana di ogni epoca, e sono presenti nella parte psichica più arcaica del nostro cervello, che ci collega ad un mondo che agisce nell’inconscio più profondo. In questa parte sono archiviati le emozioni, i ricordi e i comportamenti di quando eravamo alle soglie della vita animale. Paura, aggressività, fuga ad esempio, sono alcune di queste emozioni più antiche e radicate geneticamente.

Questi schemi emotivi si attivano spontaneamente nei primi mesi di vita dell’individuo, quando il bambino reagisce all’ambiente attivando e strutturando su di essi, in base all’interazione con la realtà, delle proprie autonome risposte. Ma spesso, il processo evolutivo di costruzione di nuovi schemi con i quali affrontare in maniera sempre più elaborata la realtà, sotto l’effetto di traumi emotivi, si può interrompere e mantenere l’individuo in parte bloccato a stadi primitivi e infantili.

Molti meccanismi e condizionamenti comportamentali di oggi scattano automatici quando vengono sollecitati da quei vecchi stimoli e, visto che non hanno più una reale corrispondenza con quello che succede nel presente, creano di fatto ostacoli per una vita piena e soddisfacente.

Per liberarsene bisogna portare più attenzione e interpretare quello che ci capita interiormente e abituarsi a non reagire in base ad automatismi. Non bisogna cioè lasciarsi guidare impulsivamente, ma imparare ad agire in base alla situazione reale, ancorando il proprio comportamento al presente e alle scelte reali che esso comporta. Imparare a riflettere prima di agire, con la nostra parte più matura e saggia, può forse richiedere un po’ di allenamento e di fatica, ma ci può proiettare verso un futuro, di relazioni e di sentimenti, più sereno.

La consapevolezza di come e quanto il nostro mondo emotivo debba svilupparsi, per raggiungere uno stadio più distaccato e dare risposte comportamentali più coerenti rispetto a quello che riteniamo sia giusto, può farci scoprire diversi da come vorremmo effettivamente essere e far scoppiare contraddizioni che ci fanno sentire a disagio.

equilibrioAnche quando crediamo di essere su una buona strada e di aver percorso un cammino soddisfacente, un evento qualsiasi o semplicemente un mattino alzandoci, possiamo improvvisamente scoprire di essere come tornati indietro. Quanto prima ci sentivamo adulti, forti e sicuri di noi, quanto ci si può sentire tutto d’un tratto inadeguati, deboli, infantili.

Insomma non c’è una strada comoda e lineare per arrivare alla meta, anche perché la meta non esiste se non come punto ideale e utopistico. La metafora usata nella tradizione e nella filosofia indiana, della vetta da conquistare, può aiutare a capire meglio quale sia lo sforzo che richiede la crescita personale. Riguarda il percorso di chi, ricercando tra la vegetazione e il terreno il sentiero giusto da seguire, ogni tanto alza il capo per rassicurarsi che la direzione per arrivare verso la vetta lontana è giusta, ma quante volte sbaglierà sentiero e quante volte tornerà indietro senza accorgersene subito. L’equilibrio è la capacità di mantenere costante il passo senza perdersi d’animo, sta nell’essere tenaci, nel non scoraggiarsi, nel sapere rivedere il percorso quando ci sembra non vada più bene, nell’avere fiducia che si arriverà e che ci si è avvicinati un po’ di più, nel saper valorizzare le tappe conquistate e i passi fatti in avanti, nell’accontentarsi, nei momenti di pausa, di quello fatto finora, nello scoprire quanti paesaggi nuovi, fiori e frutti meravigliosi ci siano dietro un nuovo sentiero intrapreso, che magari avremmo scelto prima ma che ci faceva paura perché sconosciuto. Sì perché certe altre volte invece tutto ci sembra così esageratamente difficile e ci sentiamo stanchi e senza forze. Ed anche questo è naturale, ed è un limite che va accettato.

L’equilibrio è anche fatto dell’accettazione dei limiti e delle ambivalenze che sono proprie dell’essere umano e di noi come individui. I limiti e gli schemi comportamentali che ci portiamo dentro fin dall’infanzia e che acquisiamo nella vita, possono essere rivisti gradualmente, per produrne degli altri più adeguati e corrispondenti alle nostre nuove esigenze. Le ambivalenze vanno accettate nella loro caratteristica che a volte fa pendere la bilancia dell’equilibrio ora da una parte ora dall’altra. Difficile dire qual è il giusto equilibrio tra mente e corpo, tra individuo e società, tra aspetto emozionale e quello cognitivo della mente. Ci sono spinte in noi che ci tengono ancorati a necessità emotive primarie e a bisogni materiali di sopravvivenza, come i bisogni di cibo, di affetto, di sicurezza, di autoaffermazione. E ci sono altre spinte che invece ci spingono più in alto, al di sopra di una visione egoica dell’esistenza, e ci portano verso realizzazioni creative, ideali altruistici e sociali, aspirazioni spirituali. Sono due polarità del nostro essere che vanno accettate e non possono essere messe in conflitto tra loro. Integrare questi aspetti ambivalenti, che a volte portano contraddizioni e confusione nel nostro agire, significa riconoscerli come parti di noi sulle quali di volta in volta contare ed operare delle scelte.

La crescita sta nel creare una tendenza positiva, che ci porti ad aver chiaro di volta in volta quale sia la scelta più giusta da fare, riducendo l’influenza negativa degli schemi infantili, dei limiti personali e dei comportamenti ambivalenti.

 
Dott. Alessandro Costantini
Psicologo, Psicoterapeuta - Ferrara

 

  |   Letto: 4496 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.