Pubblicità

Ambiente, genetica e psicopatia

L’ambiente e la suscettibilità genetica possono porsi come fattori di rischio in grado di aumentare la probabilità di sviluppare la psicopatia?

psicopatia ambiente geneticaQuando ci si accosta allo studio della psicopatia, è bene chiedersi se possa esistere una base evolutiva per questo pericoloso disordine.

La psicopatia è considerata da Blair e collaboratori un disturbo dello sviluppo, il che significa che attraverso il suo normale andamento di sviluppo, il cervello sperimenta stress o cambiamenti biochimici che non favoriscono un decorso neurologico adeguato.

Questa idea è supportata sia dalla branca della psicologia comportamentaleche da quella neuroscientifica; innanzitutto, nella psicologia comportamentale, si sospetta che un grave abuso durante l’infanzia possa porsi come fattore sottostante la psicopatia e, in secondo luogo, nelle neuroscienze, si è osservato che molti soggetti psicopatici mostrano un significativo sotto-sviluppo in diverse regioni cerebrali.

L’ambiente di un organismo è fondamentale per l’evoluzione, in quanto si pone come fattore di selezione dietro ai quali, i geni, passano alla generazione successiva.

Ad esempio, se i geni stanno creando strutture organiche che hanno un vantaggio in un ambiente particolare, allora l’organismo riproduce e trasmetti questi geni.

Probabilmente i geni promuovono un particolare tipo di comportamento all’interno di questo ambiente che promuove il suo successo riproduttivo, di nuovo, permettendogli così di essere nuovamente trasmessi.

Se supponessimo che l’abuso e il trauma infantile possa essere ciò che si cela dietro lo sviluppo della psicopatia, abbiamo l’ambiente in questione, solo che è più di un fattore di selezione, in quanto si pone come fattore causale.

Chiaramente, però, non tutti i bambini che soffrono di traumi o abusi diventano psicopatici, e questo potrebbe essere dovuto sia a delle componenti genetiche che a caratteristiche temperamentali specifiche.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568

Se un bambino presenta degli alleli specifici, ossia variazioni specifiche per un determinato gene, allora l’impatto dell’ambiente potrebbe essere aumentato o diminuito.

Le neuroscienze sottolineano che le variazioni del gene per le monoaminossidasi (MAO) sono da tempo implicate nel comportamento violento.

Le MAO non sono altro che enzimi che “rompono” le monoammine, esattamente come succede per la serotonina e altri neurotrasmettitori.

Secondo un recente studio del 2011, anche le proteine SNAP, ossia una famiglia di proteine che sono implicate nei meccanismi di trasporto e di rilascio delle vescicole sinaptiche, sono implicate nella psicopatia.

Gli scienziati si sono quindi chiesti se sia possibile che un ambiente traumatico o di abusi possa avere a che fare con l’implicazione di questi geni?

Un ambiente stressante potrebbe, in teoria, alterare il tasso di trascrizione di alcuni genti; questo fenomeno è conosciuto come epigenetica, in quanto i cambiamenti immediati nel DNA, causati da interazioni sociali, diete e altre situazioni, modifica le molecole di mRNA e i cosiddetti gruppi istoniali, ossia proteine basiche che interagiscono con il DNA.

Pubblicità

Entrambe possono cambiare la velocità di trascrizione dell’mRNA e potenzialmente la velocità di traslazione del DNA.

Il risultato finale significherebbe un maggiore o minore numero di determinate proteine, come le MAO e le SNAP, e ciò potrebbe provocare tratti psicopatici.

Oltre a questo, gli alleli per queste due categorie di proteine, potrebbero produrre strutture proteiche alterate, il che significa che non si modifica solo il numero di queste proteine, ma anche la loro unicità strutturale.

È stato dimostrato nei roditori che lo stress non favorisce la neurogenesi, e questo potrebbe essere il motivo per cui nel cervello psicopatico si osserva una mancanza di materia grigia nel lobo frontale e delle anomalie nell’amigdala.

Non è quindi difficile ipotizzare che delle anomalie neuronali siano connesse al comportamento psicopatico mostrato da questi individui, soprattutto perché le interazioni tra l’amigdala ed il lobo frontale sono coinvolte nell’elaborazione della paura e della moralità.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Ma queste anomalie potrebbero avere anche a che fare con l’espressione degli alleli sopra menzionati?

Potrebbe essere che il trauma e l’abuso abbiano effetto sull’espressione delle MAO e delle SNAP ripercuotendosi così sullo sviluppo neuronale.

Quindi, bisogna ora soffermarsi sull’ereditarietà; i bambini possono ereditare i geni per MAO e SNAP dai loro genitori, nonché l’espressione di tutti gli alleli che determinano una determinata trascrizione genetica: omozigote dominante, eterozigote, e omozigote recessiva.

Se la psicopatia risiede qui, allora ci saranno probabilità diverse che verranno espresse e quindi non necessariamente potrebbe manifestarsi la psicopatia.

Quest’unico aspetto, ovviamente, non è in grado di spiegare le anomalie neuronali rintracciate negli psicopatici.

In un modo alquanto “complesso”, gli psicopatici potrebbero ereditare l’ambiente dei loro genitori; se un genitore psicopatico è stato sottoposto ad abusi e traumi infantili, allora forse agirà violentemente e aggressivamente nei confronti dei propri figli.

I figli, a loro volta, non avranno solo i loro geni, ma saranno sottoposti a quegli stessi stress ambientali che hanno subito i loro genitori.

Volendo concludere, nell’impossibilità di poter affermare con certezza nessuna delle suddette ipotesi, si può comunque constatare che l’ambiente e la suscettibilità genetica possono porsi come fattori di rischio in grado di aumentare la probabilità di sviluppare comportamenti psicopatici.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1772 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.