Pubblicità

Andare al lavoro, che gioia Gli impegni rendono felici

lavorareEcco la classica notizia che farà storcere la bocca a molti: lavorare rende felici? Ma stiamo scherzando? Eppure secondo la scienza è così che stanno le cose: più si lavora, meglio si sta, e non solo dal punto di vista economico.

La gaiezza che un'agenda fitta di impegni regala è diversa da quella che si prova quando si va in vacanza, è una gioia pacata che nasce dalla soddisfazione quotidiana, ma non necessariamente è meno utile o piacevole. Anzi, è questo il carburante di cui ha bisogno l'essere umano, l'unico "animale creatore" che, come scriveva Nietzsche, per essere felice deve ricostruire se stesso ogni giorno.

Le teorie del filosofo tedesco hanno trovato conferma in uno studio dell'università di Chicago pubblicato su Psychological Science, secondo il quale una vita di impegni, lavoro e responsabilità mette il cervello al riparo da depressione, angoscia, rabbia e apatia. Ne sanno qualcosa gli ex lavoratori che dopo aver perso il posto sprofondano in un buco nero o i pensionati che dopo una vita di lavoro continuano a svegliarsi con la voglia di andare in ufficio. Il malessere di queste persone, secondo lo psicologo comportamentale Christopher Christopher Hsee che ha condotto lo studio, non nasce solo da problemi di ordine pratico ma neurologico. Ritrovarsi di colpo senza impegni "svuota" letteralmente il loro cervello, lasciando via libera ai pensieri negativi.


Hsee e colleghi hanno analizzato le reazioni di 98 studenti ai quali era stato chiesto di completare due questionari a distanza di 15 minuti l'uno dall'altro. Per ottenere il secondo elenco di quesiti i volontari avevano due opzioni: o farselo consegnare direttamente a mano, o andarlo a prendere in un altro ufficio. Naturalmente, il 68% di loro ha scelto l'opzione "pigra" e gli scienziati hanno poi verificato che coloro che invece avevano scelto di fare due passi erano anche quelli che, stando alle risposte del questionario, si dichiaravano più felici. La conclusione di Hsee è che chi vive in modo più attivo e preferisce fare una cosa piuttosto che non farla, è anche più soddisfatto della propria vita.

Una teoria simile a quella emersa anni fa da un altro studio, iniziato da un gruppo di antropologi, psicologi e neuroscienziati dell'Harvard Study of Adult Development nel 1937 e studiare_lavorare
proseguito fino al 2009. La maxi-ricerca ha preso in esame 268 matricole di sesso maschile del prestigioso ateneo, monitorandone l'evoluzione fisiologica e psichica nel corso degli anni. I dati raccolti hanno dimostrato che è più felice chi riesce ad adattarsi, indipendentemente da ciò che gli capita lungo il cammino. Nell'adattamento sta il segreto di una buona vita, e quindi anche nella volontà di andare a lavoro ogni giorno, magari rinunciando alle ferie per stare con i figli o i genitori. L'importante è non perdersi, avere le idee chiare, mettere a frutto quelli che Anna Freud, figlia di Sigmund, aveva battezzato "meccanismi di difesa", riempiendo la quotidianità con una concquista al giorno. Seguendo una tecnica simile, il British Household Panel Survey, nel 2003, è arrivato alla conclusione che gioventù non equivale affatto a contentezza, e questo proprio perché da giovani non si lavora, o comunque si ha molto più tempo libero a disposizione.

"L'iperattività - spiega lo psichiatra Alessandro Meluzzi - produce l'eustress, letteralmente il "giusto stress", una sindrome di adattamento a qualsiasi evento perturbatore dell'equilibrio di un organismo. Questa reazione è molto importante, perché l'essere umano ha bisogno di vivere concentrato sul presente: avere molto tempo libero spinge a pensare al passato e al futuro, e a vivere rispettivamente nella nostalgia o nell'angoscia. Il lavoro ci costringe a vivere giorno per giorno, ed è questo il segreto della felicità".

Lo psicologo e saggista Martin Seligman, direttore del Centro di psicologia positiva dell'università della Pennsylvania, ha escogitato una batteria di esercizi per incrementare la felicità, finendo col delineare una "science of happiness" che ha nell'autostima, nella cortesia e soprattutto nel lavoro duro i suoi punti cardine. Secondo Seligman, considerato il fondatore della psicologia positiva, per curare la società bisogna occuparsi prima delle persone sane e poi di quelle malate. E a quanto pare la medicina più efficace starebbe proprio in quel cartellino che ogni giorno siamo costretti a timbrare.

Tratto da "Repubblica.it"

  |   Letto: 1332 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.