Pubblicità

Aspetti problematici della genitorialità. Parlarne si può.

gravidanza2

La nascita del primo figlio è un evento che comporta da un lato un’immensa gioia, dall’altro implica una serie di problematiche che troppo spesso vengono vissute come tabù dai genitori stessi e dalla rete sociale che li circonda.

I neo-genitori sanno quanto questo sia faticoso e talvolta fonte di conflitti interpersonali e interiori, ma spesso è difficile parlarne perché ci si sente sottoposti a un insostenibile giudizio sociale.

L’avere un bambino ha un grande valore sia per la realizzazione personale, sia di coppia. Sul bambino desiderato e immaginato si proiettano grandi aspettative, fatto che, se per certi versi è normale e rappresenta un’idealizzazione sana, per altri versi rischia di far perdere di vista la sua esistenza come individuo a favore della soddisfazione personale e della gratificazione dei bisogni dei genitori. Quando le aspettative sono irrealistiche e irrealizzabili, o ancora di più di fronte a bambini che hanno dei problemi, i genitori sperimentano frustrazione e senso di incapacità e ciò è rischioso per il benessere del figlio e per l’armonia della coppia.

I motivi per cui si sceglie di avere un figlio sono molti, per lo più inconsci. Le coppie che sono riuscite, come individui e come nuova famiglia, ad avere una propria autonomia psichica dalle famiglie di origine e un legame forte tra di loro, ma rispettoso delle differenze, sono probabilmente in una situazione privilegiata per realizzare un progetto genitoriale soddisfacente.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - 00152 ROMA
Cell: 339 6306112

Tuttavia esistono diversi tipi di coppie, che affrontano la nascita di un bambino in modo problematico. Per esempio, le cosiddette coppie fusionali, nelle quali i partners si aspettano una condivisione totale e non sono in grado di considerarsi individui autonomi, rischiano di non riuscire a reggere l’arrivo di un “terzo” nella loro vita. In questi casi spesso si crea un nuovo legame fusionale tra uno dei genitori e il figlio, che comporta l’allontanamento fisico o emotivo dell’altro genitore.

Diverso è il caso delle coppie rigide-disimpegnate per le quali il matrimonio o la convivenza e l’avere un bambino sono frutto più di convenzioni sociali che di scelte personali, una sorta di conformismo alle regole o alle costrizioni esterne.

famiglia2Un caso particolare è quello delle coppie che stanno insieme proprio a causa della gravidanza. In questi casi, i partners devono affrontare due eventi critici contemporaneamente, il matrimonio (o convivenza) e la nascita del bambino, non avendo però avuto modo di formare prima un’identità di coppia. Sebbene molte coppie riescano a fronteggiare nel migliore dei modi questa situazione, non sono rari i casi in cui si va incontro ad accuse reciproche, incentrate sul bambino, o alla separazione.

In ogni caso, diventare genitori, comporta una serie di sfide personali e relazionali.

Innanzitutto, è la percezione di se stessi che si modifica. Il nuovo ruolo che si assume come madre e come padre mette in moto un meccanismo per cui ci si confronta con la propria infanzia nel rapporto con il bambino e riattiva tutte le fantasie riguardo alle figure genitoriali reali e interiorizzate. Inoltre vengono messi in discussione i valori e gli scopi che si sono perseguiti fino a quel momento a tutti i livelli, per esempio sociali e lavorativi. Ci si confronta con il proprio senso di adeguatezza o inadeguatezza e con la propria autostima in una situazione del tutto nuova e piena di incognite.

Inoltre, è la relazione di coppia che va incontro a un cambiamento. I neo-genitori possono sentirsi maggiormente uniti dalla nascita di un figlio e condividere un progetto di vita estremamente gratificante. Tuttavia, un figlio richiede una dedizione e una cura che possono aumentare le tensioni tra i coniugi. Per esempio è necessaria una ridefinizione dei tempi e degli spazi, che necessariamente vengono in parte sottratti alla vita di coppia. È necessario che i partners creino un confine chiaro tra quella che è la relazione di coppia e quella che è la relazione genitoriale, così che a ciascun ambito sia dedicato uno spazio emotivo e affettivo sufficiente. Spesso le coppie disfunzionali proiettano le difficoltà tra di loro sul figlio, creando non poche difficoltà nella sua crescita. È anche da considerare che il legame genitoriale cambia radicalmente lo status della coppia, che potrà eventualmente smettere di intrattenere una relazione sentimentale, ma non potrà sciogliere il rapporto genitoriale.

Infine è da considerare che diventare genitori è un evento che non coinvolge solo la coppia, ma anche il contesto in cui vive e, in particolare, le famiglie di origine. Con l’arrivo di un figlio, i coniugi non si allontanano dalle rispettive famiglie, ma anzi sono maggiormente coinvolti nelle dinamiche che li legano. Ciò avviene sia che ci sia un buon rapporto, sia che questo sia compromesso, poiché gran parte degli aspetti emotivi del diventare genitori riattiva i vissuti che si hanno e si hanno avuto in passato, con i propri genitori. I neo-genitori cambiano status, passando dall’essere “solo” figli, all’essere pienamente adulti e a loro volta genitori. È necessario che sia avvenuto un processo di individuazione il più possibile completo, affinché si possano creare nuove relazioni virtuose. Il compito dei nonni è quello di sostenere i neo-genitori, pur mantenendo la giusta distanza. Spesso, soprattutto le neo-mamme, hanno molto bisogno della presenza della loro stessa madre. Questo è assolutamente normale e sano. Tuttavia si dovrebbe cercare di evitare rapporti eccessivamente invischiati in cui i nonni si sostituiscono ai genitori o prendono le parti dell’uno o dell’altro dei coniugi, tagliando fuori uno dei membri della coppia. Al contrario anche i nonni disimpegnati, che non si occupano del benessere dei nipoti e della nuova famiglia, possono creare situazioni poco funzionali, poiché è necessaria una rete di sostegno forte, che nella nostra società è spesso quasi del tutto rappresentata dai parenti stretti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Queste considerazioni raccontano solo una parte delle variegate situazioni a cui vanno incontro le mamme e i papà. Ciò che è importante è considerare la complessità della genitorialità. Sebbene non sia possibile “decidere” che tipo di genitore essere (nessuno vorrebbe essere un cattivo genitore!), è però auspicabile non sottovalutare le proprie difficoltà e sentirsi liberi di esprimerle. Non si tratta di proprie mancanze o difetti, ma di dinamiche che appartengono anche a quelli che sembrano “genitori perfetti”. È utile essere circondati da persone che capiscano le difficoltà dei neo-genitori, che siano famigliari o amici con cui poter condividere gli aspetti positivi, ma anche quelli conflittuali della creazione di una nuova famiglia. Allo stesso modo è indispensabile, qualora ci si renda conto che tali conflitti non sono risolvibili da soli, chiedere aiuto, per il benessere proprio e dei propri figli.

 

Articolo a cura della Dottoressa Serena Vallana

 

 

  |   Letto: 5073 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.