Pubblicità

Assertività e funzioni cognitive

funzioni cognitiveRicordo che quando mi iscrissi alla facoltà di psicologia, la motivazione alla base, oltre al mio splendido modo di essere incasinatissima, era cercare di comprendere, svelare parole come inconscio, meccanismi di difesa. Allora Freud andava alla grande in tutte le librerie. Poi approdo fra i banchi e per la prima volta incominciò a risuonare nelle mie orecchie e subito dopo nel mio cervello la parola cognitivo.

Diconsi (per chi ha letto qualche altro mio articolo oramai avrà svelato che è una parola che amo molto. Diconsi lo diceva sempre una mia ex insegnante di matematica donna unica, sia nel suo straordinario modo di insegnare che nella sua dolcezza mista ad autorità) cognitive: sensazioni, percezioni, emozioni, ricordi, insomma tutto quello che ci passa per la testa.

La mia definizione è una semplificazione, ma rende perfettamente l’idea.
L’assertivo è colui che con l’esperienza e la motivazione giusta, cioè quella di voler vivere più sereno, sempre nel rispetto dell’altro, utilizza le proprie funzioni cognitive in modo positivo, salutare.

Mi spiego meglio. Siamo noi con il nostro meraviglioso cervello a generare i pensieri, le nostre azioni, I comportamenti. A seconda di come pensiamo, affrontiamo la vita.

Se utilizziamo la meravigliosa rete neurale e le sinapsi del nostro cervello per vedere il mondo in modo positivo alla sera saremo più rilassati, sereni e alla mattina saremo entusiasti di iniziare un’altra meravigliosa giornata, una giornata che ci porterà a crescere e ad apprendere nuove cose, a prescindere se piove, nevica o c’è il sole.

Se invece utilizziamo il nostro cervello per generare pensieri “negativi”, concentrandoci per esempio, nel vedere le cose come rotture di scatole che servono solo per appesantirci piuttosto che per crescere, allora le nostre serate e risvegli saranno sicuramente differenti.

Ebbene si, siamo noi a decidere come trasformare le informazioni che arrivano al nostro cervello dai cinque sensi. (Dilan Dog, personaggio dei fumetti che mi ha accompagnato per tutta l’università, direbbe: sei sensi e mezzo!).

Siamo noi che dobbiamo diventare bravi a generare pensieri positivi, produttivi, piuttosto che negativi, distruttivi. E tutto ciò dipende da cosa volete dalla vostra vita, come accennavo in un articolo precedente: se siete dei “masochisti” allora ben vengano pensieri distruttivi, sarete sicuramente più sereni cosi.

Studiando, studiando, ho scoperto che al giorno possiamo creare più di cinquanta mila pensieri. Ve lo scrivo anche con i numeri, perché per me fa più effetto, forse anche in voi: 50000 pensieri.
Proprio riflettendo su ciò, ho ideato il termine di “frullatore mentale”. Dicesi, da me, “ frullatore mentale” la mia testa, quando abbandonata a se stessa, senza redini, incomincia a generare pensieri negativi uno dietro l’altro. Vi assicuro che si tratta di una confusione e di un rumore assordante!

Come riuscire a vivere bene con un frullatore sempre acceso in testa, più o meno veloce, ma sempre acceso?
Io non ci riuscivo e voi? Cosi  stanca e sorda, soprattutto verso le cose buone della vita, ho incominciato a ‘rompermi’ di vivere nel caos e ho incominciato ad analizzare cosa potevo fare per stare bene, bene, anzi no, meglio!

Ed ecco che sono giunta alle seguenti conclusioni e alla costruzione di antidoti per neutralizzare il caos: (in realtà non ci sono arrivata da sola ma accompagnata dalle persone e dai libri che ho incontrato nella mia vita):

  1. Incominciare a riflettere che i pensieri entrano da soli in testa , non c’è un modo per bloccarli, nemmeno con elmetti di ferro più o meno collaudati
    I pensieri arrivano, ma noi possiamo, una volta arrivati, cambiarli con altri positivi. Qui devo ringraziare un ragazzo, grande amante del cantante Vasco, che anni fa passò molto del suo tempo a riflettere con me su ciò e su come uscire fuori dal frullatore mentale (in realtà oggi sarà diventato un uomo).
    Il domandone ora, per chi abbia dimenticato casa voglia dire essere sorridente e allegro, è: I pensieri positivi quali sono?
    Sono tutti quei pensieri che ci fanno stare bene e io penso che sia importante scrivere su di un foglio i vostri pensieri positivi in modo che appena ne avvertite uno negativo potrete sostituirlo immediatamente con un altro della vostra lista.
  2. Anni fa, mi imbattei in uno scritto misterioso e interessante, dove, dopo aver decriptato la scrittura, riuscii a comprendere che ci sono degli errori cognitivi che tutti noi più o meno commettiamo.
    Diconsi errori cognitivi, modi  di pensare inesatti che sono la conseguenza del fatto che siamo degli esseri umani e che come tali abbiamo dei limiti. Che grande notizia per me è stata questa: mi ha fatto sentire normale. Pensateci un attimo, abbiamo dei limiti, che bello non siamo difettosi di fabbrica, è semplicemente che siamo cosi!

Gli errori cognitivi possono essere i seguenti:

  • Tendiamo sempre ad utilizzare le soluzioni che abbiamo utilizzato nel passato per risolvere i ‘casini’ del presente, anche quando non sono adeguate.
  • Tendiamo a non usare la logica per comprendere se una cosa che abbiamo di fronte è vera o falsa. O meglio, tendiamo ad utilizzare la nostra logica e non la logica assoluta, che in ogni caso tendo a pensare non esista! Due cose ovviamente differenti. Continuando poi a sostenere che la nostra logica è quella assoluta!
  • Non siamo abituati ad usare la fantasia, l’immaginazione.
    Più cresciamo con l’età e più la maggior parte di noi cosi detti adulti, utilizza solo i ragionamenti dettati dall’esperienza. La fantasia, l’immaginazione, i sogni, che sono anche le cose che ci tengono in vita con più entusiasmo, tendono ad essere emarginate.
    Che diamine di fine facciamo fare a queste qualità meravigliose!!!! Tendiamo, penso anche un po’ per invidia, a bloccare anche i nostri bambini, a non dar loro l’incoraggiamento sufficiente per farli continuare a sognare e di conseguenza continuare a farlo anche da adulti. Cerchiamo di costringerli, e in molti casi ce la facciamo (basta guardare noi adulti) ad indossare subito l’abito del concreto, del fare e basta.
    Penso che invece sia importante nutrire la loro creatività, la loro fantasia, insegnandogli a realizzare quello che pensano.
    Mi fermo spesso a guardare e sentire mio figlio, ha mille idee, mille progetti, riguardanti il costruire cose, fare disegni. La sola cosa che gli dico sempre è “metti in pratica quello che hai in mente”. E lui: “ma secondo te è possibile farlo”,  ed io: “prova e lo scopriremo”.
    Penso che ognuno di noi, a qualsiasi età, abbia la capacità di sedersi e fantasticare, creare pensieri astratti, soluzioni ingegnose , anche se poi non funzionano al primo colpo pratico.
  • Tendiamo a fare in modo di convalidare le nostre teorie. Esse ci risultano, cosi facendo, sempre vere in assoluto. Ovvio, ci concentriamo a notare solo quello che le conferma, piuttosto che i dati che le disconfermano.
    Un esempio? Ho una pianta di fronte a me, la guardo e noto che incomincia ad afflosciarsi, ingiallire e concludo che sta morendo!
    Cosa faccio? Niente, perché quando continuo a guardarla, nei giorni a venire, continuo a notare solo le foglie più ingiallite fino a quando, confermo la mia teoria e lei, senza cure, passa a miglior vita!
    Immaginiamo ora la stessa pianta, con le stesse difficoltà, ma io la guardo e mi soffermo solo sulle due foglioline verdi e dico: ce la può fare! Taglio le foglie secche, prendo il concime giusto, cambio il vaso e la terra. La pianta è sempre fuori nel mio balcone, che mi sorride tutte le volte che la guardo!
  • Tendiamo a soffermarci su una sola soluzione di un dilemma e tendiamo a continuare  a usarla anche se la situazione difficile da risolvere, dopo applicata, non è stata superata. Facendo cosi non comprendiamo il vero senso della situazione da risolvere.
  • Alcuni di noi tendono a non guardare nel passato per vedere se la situazione da risolvere oggi possa essere risolta utilizzando strategie usate anche nel passato.
  • Possiamo pensare a solo una cosa alla volta. Questa secondo me è una virtù non un limite.
    Respiriamo un attimo (fatto?), e fermiamoci a pensare a solo una cosa alla volta, è più rilassante di mille pensieri uno dietro l’altro.
    Ebbene si, si può fare bene solo una cosa alla volta.

Riflettiamo adesso per una attimo su quanto sopra letto, fatto? Io quando lo faccio trovo giovamento perché:

  1. Ho i miei pensieri antidoti, cioè pensieri positivi che uso sistematicamente per contrastare quelli negativi. Alla comparsa di un pensiero negativo lo prendo per mano e con un bel sorriso lo sostituisco con un altro simile ma al contrario.
  2. Quando mi trovo di fronte a qualcosa che è meglio capire se è vera o falsa, mi obbligo ad essere ‘logica’ nella valutazione. Prima di fare questo mi sono documentata su cosa vuol dire usare la logica. Ora invito anche voi a farlo, documentatevi, ogni volta che iniziate a vivere male concentratevi a studiare cosa sia usare la logica, cosi almeno sostituite un pensiero negativo con uno costruttivo.
  3. Prendo le costruzioni Lego di mio figlio e inizio a costruire città o macchine o piccoli robot. Il trucco sta nel farlo senza utilizzare i fogliettini illustrativi ovviamente (che in ogni caso sono di una complicatezza sconcertante). Fare oggi  cosi, fare domani cosi, sento che piano piano la mia fantasia, creatività, stanno riprendendo vita e respiro. Per non dimenticare la quantità sfolgorante di castelli di sabbia fatti questa estate.
  4. L’esempio precedente della pianta penso sia esaustivo. Vi assicuro che la pianta ce l’ho veramente, è una specie di palmetta, è proprio di fronte a me, fuori dal balcone e mi ricorda tutti i giorni che sta a me concentrarmi sulle cose buone e che dal buono nasce il buono e se proprio non c’è speranza ho lottato fino alla fine (i miei gerani proprio non riprendono, ma non è detta l’ultima parola o meglio la prossima primavera!).
  5. Quando mi trovo in stallo in una situazione che devo risolvere, mi soffermo a pensare e chiedo i pareri di alcune persone per me molto fidate.
    Vi assicuro che parlando con loro la mia testa si apre (ovviamente metaforicamente) ed incomincio a vedere altre soluzioni. Altrimenti mi rifaccio al solito detto, che ho fatto mio in assoluto, di Sua Santità il Dalai Lama: “Personalmente …..trovo utile pensare che se la situazione o il problema è tale da consentirci di trovare una soluzione, non ha senso preoccuparsene. Se poi non esiste via d’uscita, se non vi è possibilità né modo di trovarvi un rimedio, non ha senso preoccuparsene, perché in ogni caso non c’è sbocco”. Ma almeno ho aperto la mente.
  6. Mi soffermo spesso a vedere se dalle esperienze del mio passato c’è  qualcosa che mi possa essere utile oggi per vivere meglio e risolvere qualche situazione bloccata. “Errare è umano ma perseverare è diabolico” suggerisce non a caso uno dei nostri proverbi.
  7. Oggi ho imparato a fare e pensare a una cosa alla volta e vi assicuro che la mia qualità della vita è molto migliorata.
  8. Esempio: Mi alzo presto alla mattina perché cosi ho tutto lo spazio e soprattutto il silenzio per scrivere, pensare. Prima cercavo di farlo durante il giorno quando mio figlio era sveglio con la conseguenza di essere interrotta mille e una volta.
    Ora quando lui dorme faccio le mie cose e quando è sveglio costruisco città con i lego, disegno (o almeno ci provo), coloro, gioco a monopoli e a fila fila quattro, faccio origami e castelli di sabbia.

Per chi ci proverà Buon lavoro.

 

(articolo a cura della Dottoressa Federica Curzi)

 

 

<h4>Funzioni cognitive, due parole che se prese da sole gi&agrave; hanno in s&eacute; un che di misterioso, metterle insieme, al mistero aggiungerei l&rsquo;arcano.</h4>
<h4><img src="/images/immagini/articoli/funzioni_cognitive.jpg" alt="funzioni cognitive" /></h4>
<p>Ricordo che quando mi iscrissi alla facolt&agrave; di psicologia, la motivazione alla base, oltre al mio splendido modo di essere incasinatissima, era cercare di comprendere, svelare parole come inconscio, meccanismi di difesa. Allora Freud andava alla grande in tutte le librerie. Poi approdo fra i banchi e per la prima volta incominci&ograve; a risuonare nelle mie orecchie e subito dopo nel mio cervello la parola cognitivo.</p>
<hr id="system-readmore" />
<p>Diconsi (per chi ha letto qualche altro mio articolo oramai avr&agrave; svelato che &egrave; una parola che amo molto. Diconsi lo diceva sempre una mia ex insegnante di matematica donna unica, sia nel suo straordinario modo di insegnare che nella sua dolcezza mista ad autorit&agrave;) cognitive: sensazioni, percezioni, emozioni, ricordi, insomma tutto quello che ci passa per la testa.</p>
<p>La mia definizione &egrave; una semplificazione, ma rende perfettamente l&rsquo;idea.<br />L&rsquo;assertivo &egrave; colui che con l&rsquo;esperienza e la motivazione giusta, cio&egrave; quella di voler vivere pi&ugrave; sereno, sempre nel rispetto dell&rsquo;altro, utilizza le proprie funzioni cognitive in modo positivo, salutare.</p>
<p>Mi spiego meglio. Siamo noi con il nostro meraviglioso cervello a generare i pensieri, le nostre azioni, I comportamenti. A seconda di come pensiamo, affrontiamo la vita.</p>
<p>Se utilizziamo la meravigliosa rete neurale e le sinapsi del nostro cervello per vedere il mondo in modo positivo alla sera saremo pi&ugrave; rilassati, sereni e alla mattina saremo entusiasti di iniziare un&rsquo;altra meravigliosa giornata, una giornata che ci porter&agrave; a crescere e ad apprendere nuove cose, a prescindere se piove, nevica o c&rsquo;&egrave; il sole.</p>
<p>Se invece utilizziamo il nostro cervello per generare pensieri &ldquo;negativi&rdquo;, concentrandoci per esempio, nel vedere le cose come rotture di scatole che servono solo per appesantirci piuttosto che per crescere, allora le nostre serate e risvegli saranno sicuramente differenti.</p>
<p>Ebbene si, siamo noi a decidere come trasformare le informazioni che arrivano al nostro cervello dai cinque sensi. (Dilan Dog, personaggio dei fumetti che mi ha accompagnato per tutta l&rsquo;universit&agrave;, direbbe: sei sensi e mezzo!).</p>
<p>Siamo noi che dobbiamo diventare bravi a generare pensieri positivi, produttivi, piuttosto che negativi, distruttivi. E tutto ci&ograve; dipende da cosa volete dalla vostra vita, come accennavo in un articolo precedente: se siete dei &ldquo;masochisti&rdquo; allora ben vengano pensieri distruttivi, sarete sicuramente pi&ugrave; sereni cosi.</p>
<p>Studiando, studiando, ho scoperto che al giorno possiamo creare pi&ugrave; di cinquanta mila pensieri. Ve lo scrivo anche con i numeri, perch&eacute; per me fa pi&ugrave; effetto, forse anche in voi: 50000 pensieri.<br />Proprio riflettendo su ci&ograve;, ho ideato il termine di &ldquo;frullatore mentale&rdquo;. Dicesi, da me, &ldquo; frullatore mentale&rdquo; la mia testa, quando abbandonata a se stessa, senza redini, incomincia a generare pensieri negativi uno dietro l&rsquo;altro. Vi assicuro che si tratta di una confusione e di un rumore assordante!</p>
<p>Come riuscire a vivere bene con un frullatore sempre acceso in testa, pi&ugrave; o meno veloce, ma sempre acceso?<br />Io non ci riuscivo e voi? Cosi&nbsp; stanca e sorda, soprattutto verso le cose buone della vita, ho incominciato a &lsquo;rompermi&rsquo; di vivere nel caos e ho incominciato ad analizzare cosa potevo fare per stare bene, bene, anzi no, meglio!</p>
<p>Ed ecco che sono giunta alle seguenti conclusioni e alla costruzione di antidoti per neutralizzare il caos: (in realt&agrave; non ci sono arrivata da sola ma accompagnata dalle persone e dai libri che ho incontrato nella mia vita):</p>
<ol>
<li>Incominciare a riflettere che i pensieri entrano da soli in testa , non c&rsquo;&egrave; un modo per bloccarli, nemmeno con elmetti di ferro pi&ugrave; o meno collaudati<br />I pensieri arrivano, ma noi possiamo, una volta arrivati, cambiarli con altri positivi. Qui devo ringraziare un ragazzo, grande amante del cantante Vasco, che anni fa pass&ograve; molto del suo tempo a riflettere con me su ci&ograve; e su come uscire fuori dal frullatore mentale (in realt&agrave; oggi sar&agrave; diventato un uomo).<br />Il domandone ora, per chi abbia dimenticato casa voglia dire essere sorridente e allegro, &egrave;: I pensieri positivi quali sono? <br />Sono tutti quei pensieri che ci fanno stare bene e io penso che sia importante scrivere su di un foglio i vostri pensieri positivi in modo che appena ne avvertite uno negativo potrete sostituirlo immediatamente con un altro della vostra lista.</li>
<li>Anni fa, mi imbattei in uno scritto misterioso e interessante, dove, dopo aver decriptato la scrittura, riuscii a comprendere che ci sono degli errori cognitivi che tutti noi pi&ugrave; o meno commettiamo.<br />Diconsi errori cognitivi, modi&nbsp; di pensare inesatti che sono la conseguenza del fatto che siamo degli esseri umani e che come tali abbiamo dei limiti. Che grande notizia per me &egrave; stata questa: mi ha fatto sentire normale. Pensateci un attimo, abbiamo dei limiti, che bello non siamo difettosi di fabbrica, &egrave; semplicemente che siamo cosi!</li>
</ol>
<p>Gli errori cognitivi possono essere i seguenti:</p>
<ul>
<li>Tendiamo sempre ad utilizzare le soluzioni che abbiamo utilizzato nel passato per risolvere i &lsquo;casini&rsquo; del presente, anche quando non sono adeguate.</li>
<li>Tendiamo a non usare la logica per comprendere se una cosa che abbiamo di fronte &egrave; vera o falsa. O meglio, tendiamo ad utilizzare la nostra logica e non la logica assoluta, che in ogni caso tendo a pensare non esista! Due cose ovviamente differenti. Continuando poi a sostenere che la nostra logica &egrave; quella assoluta!</li>
<li>Non siamo abituati ad usare la fantasia, l&rsquo;immaginazione.<br />Pi&ugrave; cresciamo con l&rsquo;et&agrave; e pi&ugrave; la maggior parte di noi cosi detti adulti, utilizza solo i ragionamenti dettati dall&rsquo;esperienza. La fantasia, l&rsquo;immaginazione, i sogni, che sono anche le cose che ci tengono in vita con pi&ugrave; entusiasmo, tendono ad essere emarginate. <br />Che diamine di fine facciamo fare a queste qualit&agrave; meravigliose!!!! Tendiamo, penso anche un po&rsquo; per invidia, a bloccare anche i nostri bambini, a non dar loro l&rsquo;incoraggiamento sufficiente per farli continuare a sognare e di conseguenza continuare a farlo anche da adulti. Cerchiamo di costringerli, e in molti casi ce la facciamo (basta guardare noi adulti) ad indossare subito l&rsquo;abito del concreto, del fare e basta. <br />Penso che invece sia importante nutrire la loro creativit&agrave;, la loro fantasia, insegnandogli a realizzare quello che pensano. <br />Mi fermo spesso a guardare e sentire mio figlio, ha mille idee, mille progetti, riguardanti il costruire cose, fare disegni. La sola cosa che gli dico sempre &egrave; &ldquo;metti in pratica quello che hai in mente&rdquo;. E lui: &ldquo;ma secondo te &egrave; possibile farlo&rdquo;,&nbsp; ed io: &ldquo;prova e lo scopriremo&rdquo;.<br />Penso che ognuno di noi, a qualsiasi et&agrave;, abbia la capacit&agrave; di sedersi e fantasticare, creare pensieri astratti, soluzioni ingegnose , anche se poi non funzionano al primo colpo pratico.</li>
<li>Tendiamo a fare in modo di convalidare le nostre teorie. Esse ci risultano, cosi facendo, sempre vere in assoluto. Ovvio, ci concentriamo a notare solo quello che le conferma, piuttosto che i dati che le disconfermano.<br />Un esempio? Ho una pianta di fronte a me, la guardo e noto che incomincia ad afflosciarsi, ingiallire e concludo che sta morendo!<br />Cosa faccio? Niente, perch&eacute; quando continuo a guardarla, nei giorni a venire, continuo a notare solo le foglie pi&ugrave; ingiallite fino a quando, confermo la mia teoria e lei, senza cure, passa a miglior vita!<br />Immaginiamo ora la stessa pianta, con le stesse difficolt&agrave;, ma io la guardo e mi soffermo solo sulle due foglioline verdi e dico: ce la pu&ograve; fare! Taglio le foglie secche, prendo il concime giusto, cambio il vaso e la terra. La pianta &egrave; sempre fuori nel mio balcone, che mi sorride tutte le volte che la guardo!</li>
<li>Tendiamo a soffermarci su una sola soluzione di un dilemma e tendiamo a continuare&nbsp; a usarla anche se la situazione difficile da risolvere, dopo applicata, non &egrave; stata superata. Facendo cosi non comprendiamo il vero senso della situazione da risolvere.</li>
<li>Alcuni di noi tendono a non guardare nel passato per vedere se la situazione da risolvere oggi possa essere risolta utilizzando strategie usate anche nel passato.</li>
<li>Possiamo pensare a solo una cosa alla volta. Questa secondo me &egrave; una virt&ugrave; non un limite.<br />Respiriamo un attimo (fatto?), e fermiamoci a pensare a solo una cosa alla volta, &egrave; pi&ugrave; rilassante di mille pensieri uno dietro l&rsquo;altro.<br />Ebbene si, si pu&ograve; fare bene solo una cosa alla volta.</li>
</ul>
<p>Riflettiamo adesso per una attimo su quanto sopra letto, fatto? Io quando lo faccio trovo giovamento perch&eacute;:</p>
<ol style="list-style-type: lower-alpha;">
<li>Ho i miei pensieri antidoti, cio&egrave; pensieri positivi che uso sistematicamente per contrastare quelli negativi. Alla comparsa di un pensiero negativo lo prendo per mano e con un bel sorriso lo sostituisco con un altro simile ma al contrario.</li>
<li>Quando mi trovo di fronte a qualcosa che &egrave; meglio capire se &egrave; vera o falsa, mi obbligo ad essere &lsquo;logica&rsquo; nella valutazione. Prima di fare questo mi sono documentata su cosa vuol dire usare la logica. Ora invito anche voi a farlo, documentatevi, ogni volta che iniziate a vivere male concentratevi a studiare cosa sia usare la logica, cosi almeno sostituite un pensiero negativo con uno costruttivo.</li>
<li>Prendo le costruzioni Lego di mio figlio e inizio a costruire citt&agrave; o macchine o piccoli robot. Il trucco sta nel farlo senza utilizzare i fogliettini illustrativi ovviamente (che in ogni caso sono di una complicatezza sconcertante). Fare oggi&nbsp; cosi, fare domani cosi, sento che piano piano la mia fantasia, creativit&agrave;, stanno riprendendo vita e respiro. Per non dimenticare la quantit&agrave; sfolgorante di castelli di sabbia fatti questa estate.</li>
<li>L&rsquo;esempio precedente della pianta penso sia esaustivo. Vi assicuro che la pianta ce l&rsquo;ho veramente, &egrave; una specie di palmetta, &egrave; proprio di fronte a me, fuori dal balcone e mi ricorda tutti i giorni che sta a me concentrarmi sulle cose buone e che dal buono nasce il buono e se proprio non c&rsquo;&egrave; speranza ho lottato fino alla fine (i miei gerani proprio non riprendono, ma non &egrave; detta l&rsquo;ultima parola o meglio la prossima primavera!).</li>
<li>Quando mi trovo in stallo in una situazione che devo risolvere, mi soffermo a pensare e chiedo i pareri di alcune persone per me molto fidate.<br />Vi assicuro che parlando con loro la mia testa si apre (ovviamente metaforicamente) ed incomincio a vedere altre soluzioni. Altrimenti mi rifaccio al solito detto, che ho fatto mio in assoluto, di Sua Santit&agrave; il Dalai Lama: &ldquo;Personalmente &hellip;..trovo utile pensare che se la situazione o il problema &egrave; tale da consentirci di trovare una soluzione, non ha senso preoccuparsene. Se poi non esiste via d&rsquo;uscita, se non vi &egrave; possibilit&agrave; n&eacute; modo di trovarvi un rimedio, non ha senso preoccuparsene, perch&eacute; in ogni caso non c&rsquo;&egrave; sbocco&rdquo;. Ma almeno ho aperto la mente.</li>
<li>Mi soffermo spesso a vedere se dalle esperienze del mio passato c&rsquo;&egrave;&nbsp; qualcosa che mi possa essere utile oggi per vivere meglio e risolvere qualche situazione bloccata. &ldquo;Errare &egrave; umano ma perseverare &egrave; diabolico&rdquo; suggerisce non a caso uno dei nostri proverbi.</li>
<li>Oggi ho imparato a fare e pensare a una cosa alla volta e vi assicuro che la mia qualit&agrave; della vita &egrave; molto migliorata.</li>
<li>Esempio: Mi alzo presto alla mattina perch&eacute; cosi ho tutto lo spazio e soprattutto il silenzio per scrivere, pensare. Prima cercavo di farlo durante il giorno quando mio figlio era sveglio con la conseguenza di essere interrotta mille e una volta.<br />Ora quando lui dorme faccio le mie cose e quando &egrave; sveglio costruisco citt&agrave; con i lego, disegno (o almeno ci provo), coloro, gioco a monopoli e a fila fila quattro, faccio origami e castelli di sabbia.</li>
</ol>
<p>Per chi ci prover&agrave; Buon lavoro.</p>
<p>&nbsp;</p>
<p>(articolo a cura della Dottoressa Federica Curzi)</p>
<p>&nbsp;</p>
<p>&nbsp;</p>
  |   Letto: 3563 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Promozione del benessere e psicoterapia

Mentre l'obiettivo tradizionale della psicoterapia per i disturbi di personalità è quello di alleviare la psicopatologia ed i sintomi negativi, la promozione del benessere sta acquisendo sempre maggiore attenzione nella pratica psicoterapeutica. Gli individui con disturbi di personalità ...

Mindfulness: una tecnica sovrastimata?

In un recente articolo pubblicato sulla rivista “Perspectives on Psychological Science”, diversi psicologi e scienziati cognitivi hanno sottolineato che i dati scientifici sulla Mindfulness sono assolutamente carenti. Quando si parla di Mindfulness si fa riferimento ad un concetto che richiama l'...

Perseguire il cambiamento

Cambiare se stessi, vuol dire, modificare qualcosa di noi che non ci fa star bene soprattutto con noi stessi. “Hai un tuo cavallo di battaglia?”“Si”“Come si chiama?”“Cambiamento!” Oramai sono anni che ho a che fare con il cambiamento. A dir la verità, tutta la mia vita ne è impregna...

Se c’è un poco di zucchero la pillola va giù

Qualche giorno fa, me ne stavo comoda, comoda, a fare la mia solita mezzoretta di step al giorno, di fronte alla televisione, giusto per smaltire la tensione e contemporaneamente disattivare i miei neuroni. Ecco che all’improvviso, i miei i sopra citati neuroni, beati, beati, nel loro stato di limbo sono s...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.