Pubblicità

Assertività e positività: connubio perfetto

Undici piccoli passi per migliorare se stessi.

Assertività e positività: connubio perfettoCosa sia la positività e come si possa vivere una vita felice è stato ed è un mio pensiero fisso degli ultimi 10 anni.
Ho associato e continuo ad associare molto spesso, diciamoci la verità, sempre, felicità alla parola assertività.
Sono giunta alla conclusione che assertivo e pensiero felice siano inseparabili. Per me è fondamentale sviluppare una voglia irrefrenabile ad essere felice nelle persone prima di iniziare un percorso Assertivo.

Dicesi Assertivo colui che vive la vita consapevole delle proprie idee, del proprio modo di essere e di agire nel mondo. Essere assertivo vuol dire essere consapevole di se e degli altri, rispettoso di se stesso e allo stesso tempo delle altre persone, positivo e con una buona capacità comunicativa e una forte serenità di fondo.

Il cambiamento, la voglia di crescere di migliorarsi è vero che spesso si attiva dalla sofferenza, come dal disagio interno dovuto a come siamo diventati vivendo la nostra vita, ma viene assolutamente alimentato, affrontato e realizzato dalla nascita in noi della positività, dalla consapevolezza di voler essere finalmente persone felici.

All’inizio della mia avventura nel mondo felicità ho avuto il piacere di leggere “Le istruzioni per essere infelice” di
P. Watzlawick, ho trovato assolutamente geniale l’idea, che oggi come allora condivido appieno, di dare suggerimenti per essere infelici, perché la maggior parte di noi mira proprio a questo, alla infelicità. Quindi una lista accurata delle cose da fare per esserlo mi è sembrata una cosa perfetta.

Ho letto il libro ridendo come una pazza tutto il tempo perché, annunciazione, le cose suggerite da Watzlawick le facevo già ed anche bene. Cosi la mia infelicità cronica a quel punto era certificata.

Ma a parte l’autoironia vi assicuro che rendersi conto di quanto stiamo facendo per essere infelici è veramente il primo passo per fare un patto con noi stessi, un patto dove la domanda da porsi per vivere sereni verso felici non è: Sto facendo la cosa giusta? Ma: Qual è la cosa che mi renderebbe felice?

Ad ogni bivio della vita, ad ogni domanda che ci poniamo, dalla più semplice (cosa mangio oggi?) alla più complessa (da che parte vado?, che cosa faccio adesso?), la domanda da porsi e qui non a caso mi ripeto è: Ma qual è la cosa che mi renderebbe felice?

Felice in queste pagine per me è il sinonimo di sereno, la felicità intesa qui è una felicità non momentanea, non da confondere con il piacere che si consuma in un attimo, ma è uno stato duraturo.

Allora a questo punto non ci resta che chiederci:
“Voglio essere veramente felice o essere e rimanere un masochista cronico?”
(Dicesi qui masochista cronico colui che è felice nella sofferenza, nelle insoddisfazioni e nelle lamentele).

Qualunque sia la vostra risposta la differenza è di seguire i seguenti suggerimenti o farli al contrario.

Piccolo Bignami della felicità:

1. Pensa in termini di comportamento
Cosa intendo?
Intendo smetterla con il farsi 1000 frullatori mentali ( 1000 pensieri negativi e dannosi). Concentriamoci invece semplicemente sugli atteggiamenti, comportamenti nostri e degli altri. Non mettersi a fantasticare sui motivi e sui perché gli individui si comportino in un modo o in un altro. Piuttosto concentriamoci su quello che facciamo, su quello che gli altri fanno, senza darci 1000 spiegazioni fantasiose, sempre solo nostre e sempre solo fantasie sul perché l’altro non ci abbia detto ciao.
Non ce l’ha detto punto!

2. Pensa a risolvere i problemi
Riflettere tutti i giorni su queste parole dette da Sua Santità il Dalai Lama:
“Se la situazione o il problema è tale da consentirci di trovare una soluzione, non ha senso preoccuparsene. Se poi non esiste via d’uscita , se non vi è né possibilità né modo di trovare un rimedio, non ha senso preoccuparsi, perché in ogni caso non c’è sbocco.”
Se c’è un rimedio è importante trovare l’azione giusta da fare. Ebbene si, azione giusta da fare, cioè mettere in pratica quello che si è pensato per trovare una soluzione e non pensare e poi non fare niente.

3. Pensa in termini positivi
Se proprio dobbiamo pensare, pensiamo in termini positivi.
Per chiunque abbia oramai dimenticato le parole positive, esse sono: bello/a, simpatico/a, bravo/a, grazioso/a ( parola che trovo speciale, parola utilizzata molto spesso da una mia cara amica, grazie di avermela suggerita!), divertente, intelligente e più ne ha più ne usi.
Se proprio dobbiamo aprir bocca e dare aria ai polmoni facciamolo usando parole positive, buone, parole che lasciano gli altri bene, in armonia con loro e con noi.
Vi sorprenderete quanto possa far bene a noi e agli altri usare parole gentili, rassicuranti. Il mondo intorno a noi improvvisamente assumerà una connotazione solare, gioiosa.

4. Pensa a piccoli passi
Avere in mente un obbiettivo per il futuro è importante, ma è altrettanto importante svolgere una piccola azione alla volta per raggiungerlo. Sono qui a scrivere punto per punto per finire l’articolo. Se dovessi fermarmi e pensare in generale a cosa scrivere e non affrontassi passo per passo i punti, tutto mi sembrerebbe confuso e pesante, invece cosi sono già a buon punto per la fine.

5. Pensa in modo flessibile
Il mondo non è bianco e nero, ebbene si l’arcobaleno è presente nel mondo per ricordarcelo! Sostenere che le persone sono buone o cattive, che una cosa va bene o male rende la nostra vita molto statica, precisa, vincolante.
Vi svelo un segreto anche nella strega di Biancaneve probabilmente c’era del buono, è che lo scrittore l’ha voluta cattiva e basta e lei è rimasta bloccata sul ruolo datogli, cosi vincolante. Il bello della nuova serie televisiva: “ C’era una volta” è proprio quello di ridisegnare i personaggi delle fiabe, ne completamente cattivi ne completamente buoni e cosi ecco comparire la strega cattiva piena di buoni propositi e una Biancaneve con un lato oscuro, vi assicuro che nella vita vera tutti possiedono più di una sfaccettatura nella loro
‘personalità’.

6. Pensa al presente per migliorare il futuro
Per cambiare il nostro futuro è necessario agire nel presente. Avete letto bene agire e non solo pensare di agire.
Sono dei giorni che continuo a lamentarmi, per fortuna più con me stessa che con gli altri, che non stò scrivendo nemmeno una parola, fino a quando, il mio meraviglioso compagno, mi ha ricordato: “ Smettila di pensare di scrivere, scrivi!” ed eccomi qui. Cosi ora scrivendo sto cambiando il mio futuro, da mesi futuri di pigrizia senza risultati, a articoli scritti, progetti finiti e libro prossimo in elaborazione e poi finito.

7. Pensa ad aumentare la tua autostima
Ripetersi ogni giorno nel seguente ordine:
Buon giorno, come stai magnifica creatura?
Vali moltissimo in quanto già un essere vivente. In te sono già presenti tutte le capacità per vivere bene e felice, non devi cercarle fuori ma dentro di te.
Sei cosi come sei speciale e unico/a con tutte le caratteristiche che ti appartengono. Da ora in poi i pensieri che avrai, nei tuoi confronti, saranno solo buoni e propositivi. ( Se riesci ad avere solo pensieri buoni e propositivi anche verso gli altri, uau sei proprio oltre!)
Oggi amati, coccolati e spendi il tuo tempo a renderti felice
(ovvio nel rispetto del prossimo).
Concentrati sulle tue capacità positive e migliora le tue già presenti qualità.
Ammetti a te stesso i tuoi limiti, senza darti addosso, tutti ce li hanno, non solo tu, si può comunque vivere bene e credere in noi stessi ugualmente. ( Ve lo assicuro)
Per magia, se farai tutto questo in giornata, stasera, quando andrai a dormire, la tua autostima sarà aumentata sicuramente. Ricordati fai una lista delle cose che non ti riescono bene e ogni giorno fanne una, inizia con quella in cui ti senti più sicura. Ti svelo un segreto, qualcuno narrò che per fare una cosa fatta bene bisogna farla per 10 volte, io applico questa regola e adesso sono molto più brava nel fare le cose.

8. Impara ad amarti
Ripetersi ogni giorno
Io mi amo, amo il mio modo di fare la mia voglia di imparare, di sbagliare e rifare, amo farmi le coccole e soprattutto amo il mio nome anche fosse il nome più comune del mondo. Da ora in poi mi rivolgerò solo parole positive e rassicuranti. Stop ad ogni pensiero negativo verso i miei confronti.

9. Pensa in modo creativo
Nel mio caso, siediti e scrivi, ma va bene anche siediti e disegna, siediti e coltiva le piante, siediti e raccogli le conchiglie ( bhé qui è piu adatto cammina e raccogli le conchiglie), insomma prenditi il tempo per usare la fantasia, una fantasia fatta di mille colori e non di mille recriminazioni e odio.

10. Pensa a come ridere e quando piangere
Leggiamo libri allegri, le barzellette, frequentiamo persone allegre, vediamo film pieni di allegria di cose buone, dopo il telegiornale suggerirei programmi come “ modern family o per intenderci programmi con i grandi Sandra e Raimondo Mondaini.
Qualche volta se ce ne è bisogno un buon pianto fa bene, ma diamo un tempo alla tristezza, al pianto e tutto il resto affrontiamolo come faceva il mio grande nonno cantando, facendo cruciverba e leggendo.

11. Pensa a cosa ti rende felice nel rispetto degli altri
Scriviamo su un foglio delle cose, attività che ci fanno stare bene nel rispetto degli altri e facciamone almeno 3 al giorno. Non cominciamo con il dirci: “non ho tempo”.
Ritagliamocelo, tutte le persone che vivono bene lo fanno, se ci riescono loro è ora che ci chiediamo come mai non ci riusciamo noi!

 

Dottoressa Federica Curzi

 

 

  |   Letto: 10879 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Perseguire il cambiamento

Cambiare se stessi, vuol dire, modificare qualcosa di noi che non ci fa star bene soprattutto con noi stessi. “Hai un tuo cavallo di battaglia?”“Si”“Come si chiama?”“Cambiamento!” Oramai sono anni che ho a che fare con il cambiamento. A dir la verità, tutta la mia vita ne è impregna...

Se c’è un poco di zucchero la pillola va giù

Qualche giorno fa, me ne stavo comoda, comoda, a fare la mia solita mezzoretta di step al giorno, di fronte alla televisione, giusto per smaltire la tensione e contemporaneamente disattivare i miei neuroni. Ecco che all’improvviso, i miei i sopra citati neuroni, beati, beati, nel loro stato di limbo sono s...

Assertività e funzioni cognitive

Ricordo che quando mi iscrissi alla facoltà di psicologia, la motivazione alla base, oltre al mio splendido modo di essere incasinatissima, era cercare di comprendere, svelare parole come inconscio, meccanismi di difesa. Allora Freud andava alla grande in tutte le librerie. Poi approdo fra i banchi e per la ...

La felicità è davvero merito dei soldi?

Uno studio effettuato dal Professore Christian Bayer dell’Università di Bonn fornisce nuove risposte a questa domanda spesso discussa. Il suo progetto, per il quale ha collaborato con il Prof. Falko Jüssen della Bergische Universitaet Wuppertal, voleva scoprire in che modo un profitto maggiore ed il cari...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.