Pubblicità

Attaccamento materno insicuro e ansia per la matematica

Il successo in matematica, secondo i risultati della studio effettuato da Guy Bosmans e Bert De Smedt, può essere predetto dalla tipologia di attaccamento madre-bambino e da quanta ansia, o meno, questo produce.

ansia e matematicaLa relazione tra attaccamento insicuro e rendimento in quest’ambito, già osservata in letteratura (per esempio, Keller et al., 2008), potrebbe essere mediata dalla cosiddetta “ansia per la matematica”.

“Lo scopo del nostro lavoro è stato quello di scoprire le origini dell’ansia per la matematica, cioè i sentimenti di tensione ed ansietà, che interferiscono con la risoluzione dei problemi matematici, nelle diverse situazioni della vita ordinaria e scolastica”, hanno detto Bosmans e De Smedt. “Noi sappiamo, grazie agli studi precedenti, che quest’ansia ha un’influenza negativa sul rendimento: gli individui più ansiosi hanno una prestazione meno efficiente nei compiti matematici (anche in quelli veramente semplici, come il calcolo a cifra singola)”.

Le implicazioni dell’ansia per la matematica, inoltre, sono di ampia portata: ad esempio, essa, unita al successo in ambito matematico, può influenzare in modo significativo sia le scelte riguardo la carriera, che il successo in campo professionale (come rilevato, ad esempio, da Ma, 1999), mentre altri studi hanno mostrato che l’ansia e gli atteggiamenti negativi verso la matematica sono difficili da cambiare (Gierl and Bisanz, 1994).

“Cosa rende alcuni individui più propensi a sviluppare quest’ansia rispetto ad altri?”, spiegano Bosmans and De Smedt, “… ci siamo chiesti se quest’ansia potesse emergere da una regolazione affettiva maladattiva, che si verifica tipicamente nel contesto delle relazioni di attaccamento insicuro, e, più nello specifico, se l’attaccamento insicuro cambiasse la capacità del bambino di affrontare lo stress”.

Lo studio ha coinvolto un gruppo, selezionato a caso, di 87 studenti belgi di quinta elementare, poiché studi precedenti avevano mostrato che l’ansia per la matematica si manifesta intorno a quest’età (per esempio, Ma, 1999; Witt, 2012; Dowker, 2012), e perché si è pensato che, così facendo, fosse più probabile rintracciare i fattori di rischio associati con l’ansia a lungo termine.

L’attaccamento ansioso e quello evitante sono stati valutati nella relazione madre – bambino attraverso, rispettivamente, una versione adattata della “Experiences in Close Relationships Scale–Revised” (ECR–R; Fraley et al, 2000; ECR-RC by Brenning et al., 2011b), che ha misurato i sentimenti correlati all’ansia, come la paura dell’abbandono (per esempio “Sono preoccupato di essere abbandonato da mia madre”), ed item aggiuntivi, correlati, per esempio, al disagio del bambino per la vicinanza, la dipendenza ed i livelli di comunicazione intima di sé (per esempio, “Preferisco non mostrare a mia madre come mi sento nel profondo”).

Pubblicità

Una versione della “Mathematics Anxiety Rating Scale for Adolescents” (MARS-A; Suinn and Edwards, 1982), adattata per l’uso con i bambini delle elementari, ha indagato le situazioni in cui essi si confrontavano spesso con la matematica (per esempio, “Quanto sei nervoso quando sei chiamato durante le lezioni di matematica”).
Lo studio, inoltre, ha usato due test matematici standardizzati, uno a tempo ed uno non, per misurare il successo in matematica. Il primo, il “Tempo Test Arithmetic” (de Vos, 1992), ha chiesto ai bambini di risolvere quante più combinazioni aritmetiche basilari (per esempio, 6 + 5) possibili, di difficoltà crescente ed entro un dato periodo di tempo. Il secondo, invece, valutava altre abilità, come la conoscenza dei numeri, il calcolo, la risoluzione dei problemi con le parole, la misurazione e la geometria (Dudal, 2000).
Per ogni bambino, infine, è stato effettuato uno screening dell’intelligenza (Matrici Progressive di Raven; Raven et al., 1992) per determinare se alcune relazioni osservate tra attaccamento insicuro, ansia per la matematica e successo in matematica potessero essere mediate dal livello di intelligenza generale.

“In questa ricerca, mostriamo come l’attaccamento insicuro porti a livelli più alti di ansia per la matematica, che, a loro volta, portano ad un rendimento più basso”. Questo è stato il risultato ottenuto dalle misurazioni del successo in matematica, a tempo e non, e queste associazioni sono indipendenti da età, sesso e QI.

Basandosi sui risultati dei loro studi, gli autori suggeriscono che l’ansia per la matematica potrebbe essere affrontata, quindi, attraverso interventi rivolti alla sicurezza dell’attaccamento del bambino. Gli autori commentano: “Le relazioni insegnante - bambino possono ammortizzare gli effetti negativi dell’attaccamento insicuro e, di conseguenza, l’ansia per la matematica. Nello specifico, aumentare le abilità degli insegnanti a rispondere in modo sensibile a questi problemi potrebbe far migliorare queste problematiche”. In realtà, tale approccio era stato già supportato in una ricerca simile di Buyse et al. (2011), i quali avevano riportato che gli effetti negativi (per esempio, il comportamento aggressivo), che derivano dall’attaccamento insicuro dei bambini con le loro madri, può essere temperato da una relazione di più alta qualità tra il bambino ed il suo insegnante.

La ricerca futura potrebbe individuare anche meccanismi più specifici che sottolineano la relazione tra sicurezza dell’attaccamento, ansia per la matematica e successo in matematica. Bosmans and De Smedt osservano: “Un’idea potrebbe essere quella di indagare come l’ansia per la matematica influisce sulla prestazione: essa porta a risorse cognitive ridotte (perché i sentimenti negativi influenzano la memoria di lavoro) o all’evitamento dei compiti matematici (quindi, ad una minore pratica in tale settore)?”.

 

Tratto da PsyPost.org

 

(traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 22203 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

La Sindrome da Alienazione Parentale

Bambino o arma? Le dinamiche psicologiche della sindrome da alienazione parentale: ansia narcisista, ansia borderline e ansia traumatica. La Sindrome da Alienazione Parentale (PAS), un termine coniato da Richard A. Gardner negli anni '80, descrive una condizione – usualmente generata nel contesto di co...

Il Disturbo da sintomi somatici

Il disturbo da sintomi somatici è una condizione in cui una persona prova estrema ansia per le sensazioni fisiche come il dolore o la fatica. Il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, nella sua ultima edizione, ha creato una nuova categoria che prende il nome di Disturbo da sintomi som...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.