Pubblicità

Breve storia delle psicoterapie

Il mondo delle psicoterapie è assai variegato, e spesso le persone non sanno bene a chi rivolgersi per chiedere aiuto.

psicoterapia, psicoterapie

Un bel pasticcio, sia per chi ne ha bisogno sia per chi dovrebbe darlo, giacché, con la scusa del non sapere a chi chiedere, non si chiede; ma intanto, certi problemi che potrebbero risolversi in poco tempo si cronicizzano e tutto si complica. Poiché qualcuno me lo ha chiesto, cerchiamo di orientarci in maniera semplice. 

Anzitutto è d’obbligo un distinguo basilare tra psichiatrìa e psicoterapia. Lo psichiatra è necessariamente un medico che tratta patologie in linea di principio gravi attraverso l’uso di farmaci. Allo psichiatra si può rivolgere, tuttavia, anche chi non desidera intraprendere una psicoterapia ma preferisce semplicemente mettere a tacere i sintomi affidandosi alla chimica. Naturalmente, nulla osta che se lo psichiatra sia specializzato anche in ambito psicoterapeutico o psicoanalitico, possa trattare i suoi pazienti anche con questi strumenti.

La psicoanalisi, che una paziente di Freud tanti anni fa denominò “cura parlata”, è l’antesignana di tutte le psicoterapie che non contemplano l’uso di farmaci. Anzi, in uno dei suoi scritti sulla tecnica, Freud raccomandava che, quando lo psicoterapeuta fosse anche medico, l’eventuale somministrazione di farmaci venisse delegata ad un altro collega. Penso che più o meno tutti sappiano in cosa consiste una seduta psicoanalitica, perciò su questo non mi dilungherei in questa sede, riservandomi magari di parlarne diffusamente in un altro articolo. Lo psicoanalista non è affatto necessariamente un medico, tanto è vero che alcuni dei più autorevoli professionisti italiani “storici” (Servadio, Musatti ed altri anche non freudiani) provenivano da tutt’altri ambiti. La questione se la era già posta Freud nel famoso articolo “Il problema dell’analisi condotta dai non medici”, ed anzi lui stesso, in più punti della sua opera, sottolinea le differenze sostanziali esistenti tra formazione medica e psicoanalitica. 

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

Il discrimine fondamentale tra le diverse forme di psicoterapia consiste nel fatto che si tenga conto o meno, o in misura più o meno significativa, dell’esistenza dell’inconscio. E poiché l’inconscio si riassume in tutto ciò che abbiamo dimenticato di noi stessi nel corso della nostra vita, tenerne conto implica

  1. un lavoro di rammemorazione e di ricostruzione della storia individuale che ci consenta di riconoscere l’origine dei nostri problemi attuali,
  2. toccare con mano la loro persistenza nel presente, e
  3. promuoverne la discussione e rielaborazione, non solo cognitiva ma anche e soprattutto emotiva. 

Abbiamo incluso la psicoanalisi nella categoria generale delle “psicoterapie”rifacendoci ad un concetto freudiano del 1904. Nel corso del tempo, tuttavia, si è sviluppata una ulteriore differenziazione, per cui dobbiamo distinguere la psicoanalisi propriamente detta dalla psicoterapia cosiddetta “psicoanalitica”, che si fonda sugli stessi principi ma ha caratteristiche ormai proprie: prevede una durata più circoscritta nel tempo, sedute più distanziate, più interventi da parte del terapeuta (meno “silenzi”) ed un’attenzione più focalizzata ai singoli problemi. Costa meno della psicoanalisi e promette una risoluzione dei sintomi più celere, ma trova un limite nella più circoscritta consapevolezza di sé, un pedaggio inevitabile quanto più ci si occupa dei sintomi. Va detto che qualsiasi bravo psicoanalista è capace, a seconda dei casi e delle opportunità obiettive, di operare in questa prospettiva, in qualche modo più “riduttiva”. Da dopo la seconda guerra mondiale, a partire dalla necessità di trattare lo stress post - traumatico di un gran numero di ex - combattenti, ha preso piede la psicoterapia di gruppo, esperienza assai diffusa, interessante e costruttiva e con una significativa valenza terapeutica. La psicoterapia di gruppo si esprime in incontri settimanali di un'ora e mezza tra non più di otto/ nove persone con tematiche affini. L'attenzione è qui rivolta alle modalità ed ai contenuti dell'interagire e, attraverso la lettura di questi, alla comprensione delle proprie ed altrui dinamiche interne allo scopo di risolvere eventuali sintomi, ma soprattutto di conseguire una migliore capacita di osservazione e gestione di sé. Impone notevole accuratezza nella selezione dei pazienti poiché non è egualmente efficace in tutte le situazioni, e pertanto non può essere proposta indiscriminatamente, tuttavia è indubbiamente efficace e costa sicuramente meno delle psicoterapie individuali. 

Altri modelli terapeutici non prendono in considerazione il concetto di inconscio, né si intrattengono particolarmente sull’elaborazione storica del vissuto, ma si propongono piuttosto di “insegnare” alla persona, cioè alla sua mente, come imbrigliare e depotenziare i sintomi attraverso una sorta di training cognitivo (e sono queste le terapie cosiddette cognitivo – comportamentali), oggi di gran moda per la brevità dei trattamenti, e che possono essere di grande aiuto in determinate situazioni, tenendo tuttavia ben presente che si farà solo un’esperienza, auspicabilmente risolutiva, ma che non vi sarà alcun arricchimento della personalità né allargamento di orizzonti, ma solo la risoluzione di un disturbo, obiettivo comunque degnissimo per chi non senta la necessità o il desiderio di mettersi in discussione più di tanto. 

psicoterapia2Altri filoni della moderna psicoterapia, come ad esempio le psicoterapie "umanistiche" di Maslow, May e Rogers, ma in fondo anche la Psicologia Analitica dello stesso Jung, affrontano la questione da un punto di vista molto diverso. Le definirei "teleologiche", nel senso che non pongono l'accento sulle cause del disagio né sulla riduzione dei sintomi, ma si concentrano piuttosto sul raggiungimento di un fine identificato con la concretizzazione delle proprie potenzialità che matura all'interno di una relazione trasmutativa, empatica e fondata sul "qui ed ora" e sul come si vive un'esperienza. Qui siamo al confine tra la psicologia e la filosofia, e proprio per questo riassumere in modo chiaro il senso e la direzione di questi atteggiamenti terapeutici è un'operazione tutt'altro che semplice, che richiederebbe una trattazione lunga e complessa che mal si adatta ad una pagina di Facebook. Indubbiamente, gli autori che ho citato hanno senz'altro delle belle menti, e propongono delle intuizioni talvolta geniali. Tuttavia, avendoli letti a suo tempo in maniera alquanto approfondita, posso affermare che a tanta profondità concettuale non fa da specchio una tecnica definita, eccezion fatta per la "risposta speculare" di Carl Rogers, prassi peraltro validissima che è stata importata anche nella psicoanalisi stessa. 

Esistono, infine, modelli concettuali che importano e mescolano tecniche ed atteggiamenti terapeutici diversi. E' il caso delle psicoterapie cosiddette "integrate" e "strategiche". Le prime si fondano essenzialmente sull' eclettismo, principio in base al quale terapeuta mescola in modo armonico presupposti e tecniche diverse secondo la sua sensibilità, in base alle sue conoscenze, alle sue esperienze nonché alla persona che ha di fronte. Si ripropone qui il modello "teleologico": l’essere umano, per sua natura, possiede una spinta interiore verso la realizzazione di sé. Affermava Maslow, usando una metafora naturalistica, “ la ghianda possiede una spinta a divenire quercia”. Fatto salvo il principio, che indubbiamente possiede una sua naturale ragionevolezza, tutto il discorso si fonda, o almeno così mi sembra, sul talento del terapeuta, sulla sua sensibilità e sul tipo di relazione che si costruisce con il paziente. 

La psicoterapia "strategica" parte da un principio alquanto diverso: Cosa non va nella vita della persona? Cosa vorrebbe cambiare? Cosa dovrebbe fare di diverso per superare la propria difficoltà ed ottenere ciò che desidera? E' un tipo di psicoterapia focalizzata sul problema presentato dal soggetto, che prevede la prescrizione di esercizi (cose da fare o da pensare): vengono utilizzate delle direttive per favorire il cambiamento della persona nella direzione da questi desiderata, prestando grande attenzione alle premesse, alle emozioni e alle idee presentate. Il principio è quello della "palla di neve": si inizia dalle piccole cose per arrivare alle grandi. Anche in questo caso la tecnica appare difficilmente codificabile, e per poterla rappresentare si dovrebbe ricorrere a degli esempi specifici, cosa improponibile in questa sede. 

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Dobbiamo fermarci qui, ma alla fine di questo breve scritto mi corre l'obbligo di fare alcune precisazioni. La prima è che, per esigenze di spazio e di sintesi, ho preso in esame solo i modelli più noti di psicoterapia individuale, tralasciando quelli delle terapie familiari e sistemico- relazionali su cui sarebbe necessario un lungo discorso. La seconda è che nell'esposizione ho inteso essere sintetico e quanto più possibile chiaro a vantaggio di chi ne ha fatto richiesta, e che pertanto avrò sicuramente tralasciato elementi e nozioni fondamentali, cosa di cui mi scuso in anticipo. La terza è che il mio punto di vista è comunque quello dello psicoanalista, il che inevitabilmente influenza il mio modo di vedere le cose e forse non mi ha consentito una totale obiettività, ma è comunque sempre possibile integrare questa breve rassegna documentandosi sui diversi argomenti. Concludendo, a vantaggio di chi mi ha chiesto come orientarsi nell'ampio panorama delle psicoterapie, mi permetto di dare un suggerimento: la scelta del terapeuta e della terapia dipende da cosa cerchiamo e da cosa vogliamo ottenere; e il terapeuta giusto è sicuramente, indipendentemente dalla corrente di pensiero, quello onesto, schietto, e, se possibile, anche simpatico.

Buona fortuna.

 

 

(Articolo a cura del Dottor Claudio Nudi - Psicologo, psicoterapeuta)

 

 

  |   Letto: 3589 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.