Pubblicità

Bullismo e suicidio

Secondo recenti ricerche la relazione tra bullismo e suicidio, o bullismo e pensieri suicidari, è tanto presente nelle vittime di bullismo, quanto in coloro che attuano comportamenti di questo tipo.

bullismo suicidio psicologiIl bullismo, come molti sanno, può essere un'esperienza tremendamente dolorosa per un giovane.

Rispetto alle sue conseguenze, il suicidio della vittima, che rappresenta il lato oscuro e pericoloso di tale fenomeno, ha un impatto che travolge e sconvolge i familiari delle vittime.

In America, queste situazioni divengono sempre più quotidiane; esistono sempre più storie di giovani che si sono uccisi dopo aver sperimentato il bullismo.

Recentemente, i genitori di un bambino di nome Gabriel, di soli otto anni, hanno presentato una causa contro le scuole pubbliche di Cincinnati, sostenendo che il loro figlio sia arrivato al suicidio perchè all'interno della scuola non vi era nessuna cultura di prevenzione al bullismo.

Tutti i 50 Stati Americani hanno una “specie” di legge anti-bullismo, e le scuole sono sempre più chiamate ad attuare programmi di prevenzione per il suddetto fenomeno.

Il bullismo ed il suicidio rappresentano infatti uno scenario dalle importanti preoccupazioni per la salute pubblica, sia per i bambini che gli adolescenti.

A tal proposito, la Dottoressa Melissa Holt, Docente di Psicologia, presso la Boston University, ha effettuato diverse ricerche per comprendere il legame tra bullismo e suicidio, sottolineando che, anche se certamente esiste una connessione tra i due, la ricerca mette in evidenza la complessità di tale relazione.

Molti studi hanno infatti esaminato il rapporto tra bullismo e suicidio, o la tendenza ad avere pensieri e comportamenti suicidi.

I ricercatori volevano cioè capire se è “essere bullizzati” o “bullizzare gli altri” che è associato al suicidio.

È stato pertanto condotta un'analisi di 47 studi sul bullismo e suicidio tra gli studenti. I presenti studi sono stati effettuati negli Stati Uniti ed in altri paesi quali la Cina, l'Australia, l'Inghilterra e la Finlandia.

Nel complesso, è stato scoperto che i giovani coinvolti nel fenomeno, ossia sia bulli che vittime, avevano maggiori probabilità di pensare e tentare il suicidio rispetto a soggetti che non erano coinvolti nel bullismo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

In breve, il bullismo appare come un male per tutti coloro che ne sono coinvolti. Si è anche scoperto che tale relazione è maggiore in quelle persone che hanno sperimentato entrambi i ruoli di bullo e di vittima.

Questo è coerente con altre ricerche precedenti le quali suggerivano che l'essere bullo e vittima espone ad un rischio particolarmente elevato di sviluppare problemi di salute mentale come ansia e depressione.

Chi è più a rischio?

Oltre alle domande sui bulli Vs vittime, sono stati esaminati tre fattori per comprendere meglio tale associazione: il sesso,il paese e come il bullismo viene misurato.

Mentre le associazioni tra il coinvolgimento in comportamenti da bullo e la tendenza ad avere pensieri o comportamenti suicidi sono stati simili per ragazzi e ragazze, si è notata una differenza rispetto ai paesi di origine.

In generale, negli studi degli Stati Uniti esistevano forti associazioni tra il bullismo ed il suicidio rispetto alle controparti internazionali.

Nel complesso, gli studi hanno anche mostrato una connessione più forte tra essere una vittima di bullismo e pensieri suicidi quando veniva posta una domanda specifica come “Sei stato bullizzato/a?” per identificare le vittime.

Gli studi che hanno indagato comportamenti specifici attraverso domande in cui non veniva menzionata la parola bullismo mostravano invece una connessione più debole.

Pubblicità

Questa constatazione potrebbe riflettere che il suicidio è più comune nei giovani che si identificano con questo fenomeno, rispetto ad altri che ammettono solo di aver sperimentato comportamenti specifici.

Quest'ultimo potrebbe quindi non identificarsi come qualcuno che è stato oggetto di bullismo, e può pertanto essere meno a rischio rispetto ai pensieri ed i comportamenti suicidi.

Bisogna quindi considerare che la ricerca ha indicato chiaramente l'esistenza di un'associazione tra il coinvolgimento nel bullismo, da ambo le parti, sia per quanto concerne i pensieri e comportamenti suicidi.

Un recente studio sugli adolescenti ha inoltre evidenziato il ruolo della bassa autostima e della depressione come fattori che contribuiscono ai pensieri e comportamenti suicidi per le minoranze sessuali e per i giovani eterosessuali che sono stati oggetto di bullismo.

Pertanto, una serie di fattori psicologici e sociali possono contribuire alla suicidio, e questo non può passare in secondo piano, o non essere minimamente preso in considerazione quando si organizzano le attività didattiche all'interno delle scuole.

Ciò che spesso i mass media evidenziano è che i giovani che sono stati terrorizzati e vittimizzati siano a grande rischio per i pensieri ed i comportamenti suicidi, ma la ricerca mostra che anche i bulli lo sono.

L'analisi fornisce ulteriori prove a sostegno del fatto che i giovani che sperimentano il bullismo come autori o vittime sono ad un rischio particolarmente elevato per la sofferenza psicologica.

È proprio a partire da queste ricerche che bisognerebbe insistere per la creazione di programmi di prevenzione ed interventi più efficaci al fine di affrontare meglio le esigenze di salute mentale dei giovani coinvolti nel bullismo, senza discriminare troppo il ruolo adottato all'interno di un fenomeno così complesso.

 

Tratto da “The Conversation”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 562 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...