Pubblicità

Caratteristiche psicologiche delle madri di pazienti con anoressia nervosa

Una visione psicodinamica: il problema del controllo reciproco, la dialettica tra onnipotenza e impotenza, il rapporto di devozione, la passione e l’ostilità tra madre e figlia.

caratteristiche madri anoressicheIl National Institute for Clinical Excellence (NICE), attraverso la pubblicazione della Guida dei Disturbi Alimentari, ha evidenziato come vi sia una scarsità di informazioni disponibili rispetto al lavoro e al trattamento di soggetti affetti da Anoressia nervosa.

La Guida ha infatti sottolineato che il solo trattamento farmacologico non è risolutivo, e sposta l’attenzione su un trattamento congiunto, di tipo individuale e familiare, in tali disturbi, come parte integrante della terapia.

L’anoressia nervosa è un disturbo alimentare caratterizzato da una costante paura di ingrassare, eccessiva restrizione alimentare e un comportamento di controllo estremo nei confronti del cibo.

Ovviamente partecipano allo sviluppo e mantenimento del disturbo fattori di natura biologica, sociale e psicologica. La letteratura evidenzia che vi è una rilevante differenza di genere per quanto concerne l’incidenza del disturbo: il 90% di questi casi sono infatti diagnosticati nelle donne.

Da un punto di vista psicodinamico, ragazze o donne con anoressia nervosa esprimono, oggi, i sintomi di “antiche patologie”, incorporando nei loro corpi, in un modo originale, singolare e moderno, storie di vita compromesse e appartenenti alle generazioni precedenti.

Le madri di pazienti con anoressia nervose sono donne la cui femminilità è stata svalutata, che offrono un modello di identificazione disfunzionale, che può portare le figlie a ricorrere all’anoressia come mezzo per cancellare dal proprio corpo tracce di femminilità.

Lawrence ha sottolineato come le ragazze con Anoressia nervosa vivano in un impasse tra il desiderio e la paura di fusione con la propria madre.

La principale fantasia del paziente anoressico è che, controllando rigidamente l’assunzione di cibo, sarà anche in grado di controllare le rappresentazioni interiorizzate dei suoi genitori, nonché la loro relazione.

Attraverso l’impedimento di un rapporto interno con i genitori, la configurazione edipica diviene impossibile, e la costruzione di uno spazio di simbolizzazione fallisce.

Un problema comune nei pazienti con anoressia nervosa è l’invasivo desiderio della madre, che si impone e prende possesso del corpo e del desiderio della figlia.

Inizia così una lotta fatta di amore e odio, in cui madre e figlia sono confinate fino a fondersi completamente.

Pertanto, si ritiene indispensabile prendere in considerazione le caratteristiche delle dinamiche familiari e coinvolgere i familiari nel trattamento di tali disturbi; quando infatti, all’insorgenza del disturbo, si intraprende anche una terapia familiare, i risultati sono maggiormente positivi rispetto ad altri approcci terapeutici.

Tra gli stati emotivi identificati nei familiari di pazienti anoressici, quello più ricorrente è l’impotenza, ossia la percezione che qualsiasi azione essi possano intraprendere produrrà pochi risultati sul trattamento.

I genitori si sentono manipolati e controllati, il che riflette le dinamiche alla base dell’anoressia nervosa; solitamente sono nuclei familiari fusionali, con tratti iperprotettivi, caratterizzati da un’urgenza del controllo e difficoltà ad accettare i normali processi di separazione e indipendenza dei propri membri.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

Questo studio si è posto quindi l’obiettivo di estendere le conoscenze focalizzandosi sulle caratteristiche psicologiche delle madri di pazienti con anoressia nervosa, cercando di approfondire la loro relazione con le figlie.

Questo articolo contiene le riflessioni derivanti dall’osservazione clinica di un gruppo di terapia aperto durante il trattamento psicologico delle madri di pazienti con anoressia nervosa.

Il gruppo era composto da 7 partecipanti, le riunioni si tenevano ogni settimana ed era guidato da psicologi esperti di disturbi alimentari.  Il gruppo è stato seguito e osservato per 1 anno.

L’analisi del materiale emerso spontaneamente durante le sessioni di gruppo, ha consentito di individuare alcuni fenomeni che costituiscono la realtà psichica della madri di pazienti con anoressia nervosa, nonché della loro dinamica all’interno della famiglia.

Sulla base dell’osservazione clinica e dei riferimenti psicodinamici sono emersi alcuni tratti comuni del rapporto madre-figlia.

Più nello specifico sono stati approfonditi il problema del controllo reciproco, la dialettica tra onnipotenza e impotenza, il rapporto di devozione, la passione e l’ostilità tra madre e figlia.

Gli autori ritengono che ognuno di questi fenomeni costituiscano la base delle strutture interne ed esterne di pazienti con anoressia nervosa, che vanno a influenzare la gravità, il decorso e il successo del trattamento.

Data la complessità dei fattori coinvolti nell’anoressia nervosa, diventa estremamente importante riflettere sui diversi approcci terapeutici disponibili per i familiari di queste pazienti.

L’obiettivo di questo studio è stato quello di sviluppare un quadro concettuale per interventi terapeutici in grado di migliorare e ridurre i fattori che influenzano la prognosi e il decorso del disturbo.

I dati raccolti evidenziano aspetti importanti della dinamica psichica di base della patologia. L’individuazione di caratteristiche frequenti in madri di pazienti con anoressia nervosa, configura una particolare struttura psichica che influenza la patologia delle figlie.

Sulla base dei fattori analizzati nel presente articolo, si ritiene che il trattamento psicoterapeutico delle madri sia fondamentale per il successo del trattamento delle figlie.

Vigliatti sottolinea come sia indispensabile la necessità di disarticolare rapidamente il nucleo del controllo reciproco all’interno della relazione terapeutica.

Il controllo andrebbe infatti a regolare la relazione tra terapeuta e paziente anoressica, mantenendo la stessa dinamica, rigidamente consolidata in famiglia, il cui principale scopo è quello di prolungare i sintomi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

Si evince che sotto il travestimento di un atteggiamento di devozione appassionata si cela un annientamento psichico dell’altro e questo, in casi estremi, può portare alla morte fisica della paziente con anoressia nervosa.

L’assistenza fornita ai pazienti dovrebbe quindi includere sessioni con i membri della famiglia dal momento della diagnosti fino alla fine dell’intervento proposto, con un particolare focus sul rispondere alle richieste dei membri della famiglia, fornire spiegazioni e informazioni di carattere generale sulla malattia, e analisi delle complesse strutture psicologiche sia dei pazienti che dei membri familiari.

I temi legati all’esacerbazione dell’espressione emotiva come iperprotezione, atteggiamento critico e ostilità, devono essere identificati ed evitati sia dalla famiglia che da parte del personale medico.

Solo un team di salute mentale che è addestrato a riconoscere la dinamica emozionale di questo gruppo di pazienti potrà operare efficacemente e promuovere un intervento terapeutico adeguato all’interno di un trattamento multidisciplinare.

L’esperienza descritta, attraverso l’osservazione delle madri, evidenzia il ruolo complesso della relazione madre-figlia e permette di suggerire alcune linee guida per il lavoro di gruppo multidisciplinare.

Tali risultati, concludono gli autori, devono essere quindi letti come degli stimoli per la ricerca futura mirata ad ampliare questo importante settore della sanità, che ha gravi conseguenze non solo per le pazienti ma anche per le loro famiglie.

 

Articolo tratto dalla rivista “Trend Psychiatry Psychotherapy”

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 10425 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.