Pubblicità

Cervello ed emozioni. Elaborare per immagini

emozioni-cervello2Le emozioni sono stati mentali e fisiologici associati a modificazioni psicofisiologiche, a stimoli interni o esterni, naturali o appresi.

In termini evolutivi, o darwiniani, la loro principale funzione consiste nel rendere più efficace la reazione dell'individuo a situazioni in cui si rende necessaria una risposta immediata ai fini della sopravvivenza, reazione che non utilizzi cioè processi cognitivi ed elaborazione cosciente.

Le emozioni rivestono anche una funzione relazionale (comunicazione agli altri delle proprie reazioni psicofisiologiche) e una funzione autoregolativa (comprensione delle proprie modificazioni psicofisiologiche). Si differenziano quindi dai sentimenti e dagli stati d'animo.

Le principali emozioni primarie sono:

  • la rabbia e la paura
  • la tristezza e la gioia
  • la sorpresa e l'attesa
  • il disgusto e l'accettazione

Altri autori hanno tuttavia proposto una diversa suddivisione.

Secondo vari autori, dalla combinazione delle emozioni primarie derivano le altre (secondarie o complesse):

  • l'allegria
  • la vergogna
  • l'ansia
  • la rassegnazione
  • la gelosia
  • la speranza
  • il perdono
  • l'offesa
  • la nostalgia
  • il rimorso
  • la delusione

E’ la corteccia prefrontale destra che elabora le emozioni attraverso le immagini e consente di accedere ad una comprensione più profonda perchè con essa si attiva l’immaginazione. L’area prefrontale destra e quella sinistra hanno ruoli e capacità specifici nell’elaborazione dell’esperienza emotiva.

La corteccia prefrontale sinistra:

  1. è dominante nei processi verbali
  2. elabora in modo logistico, lineare e razionale
  3. crea delle narrazioni per spiegare perché sta accadendo qualcosa, anche se tali spiegazioni risultano spesso errate perche tende a saltare prematuramente alle conclusioni
  4. registra ed elabora le esperienze emotive positive laddove la destra registra ed elabora quelle più dolorose
  5. ha connessioni molto più deboli della destra con i sistemi di attivazione corporea e con il sistema limbico (sede della sensibilità profonda)
  6. trova le parole per esprimere ciò che la destra ha elaborato

La corteccia prefrontale destra:

  1. ci permette di comunicare e di comprendere il significato emotivo attraverso metafore e immagini
  2. è dominante nell’elaborazione delle informazioni emotive visive e nelle comunicazioni emotive
  3. elabora molti più aspetti della comunicazione rispetto alla sinistra
  4. processa e raccoglie le comunicazioni emotive non verbali (il modo di parlare, la gestualità, le espressioni facciali)
  5. consente di comprendere le comunicazioni non verbali
  6. coglie le atmosfere emotive
  7. ha una coscienza specifica che si basa sulle immagini sensoriali
  8. è fondamentale per una consapevolezza interpersonale
  9. ha legami molto più saldi con il corpo in particolare con il sistema nervoso autonomo e con quello dei sentimenti più profondi (recettori chimici per le emozioni), i mutamenti emozionali sono registrati in modo molto più forte dalla parte destra del cervello
  10. ha molte connessioni con l’area subcorticale del cervello (sistema limbico), che ne ospita i sistemi emotivi fondamentali: collera, paura, preoccupazione, angoscia, sistemi di ricerca e di gioco.

cervello-emozioniQuando sappiamo affrontare le emozioni tra la corteccia prefrontale destra e quella sinistra si verifica un buon flusso di energia e di informazioni attraverso un imponente reticolo di fibre chiamato corpo calloso: esso è un processo attivo che consente ai sistemi altamente specializzati della parte destra e di quella sinistra di offrire una ricchissima integrazione di informazioni non verbali, verbali e visive; tuttavia quando le persone si sentono minacciate dalle proprie sensazioni spesso usano l’emisfero sinistro come forma di ritirata dalla sensibilità più profonda del destro e decidono inconsciamente di ricorrere a una parte del loro cervello che registra la sofferenza emotiva in modo più blando e slegato dal corpo,alcune persone continuano a parlare senza fermarsi mai, indice di un’attivazione forte dell’emisfero sinistro e debole del destro.

Questo è un meccanismo di difesa, se rallentassero e facessero delle pause comincerebbero a registrare emozioni molto più forti nella corteccia destra e correrebbero il rischio di provare qualcosa che stanno cercando di non provare. Perciò uno stile di vita dominato dall’emisfero sinistro determina un'interruzione del normale flusso di informazioni tra i 2 emisferi e ciò può condurre a una difficoltà di identificazione e descrizione delle emozioni, nonchè l’impossibilità di interpretare accuratamente le sensazioni di eccitazione emotiva.

I benefici fondamentali del ricorso all’emisfero destro attraverso l’uso degli esercizi di disegno possono aiutare le persone a vedere quello che non riscono a verbalizzare, fanno appello alle capacità creative del paziente, possono aiutare le persone a comunicare e esplorare le loro emozioni e liberarsi dai limiti autoimposti descrivendo percezioni ed emozioni in modo molto più preciso, mettere ordine tra le cose e nel pensiero, provare su carta modalità più salutari di rapportarsi agli altri e modi più creativi di pensare, sentire e relazionarsi, analizzare e descrivere cose che in precedenza ha tenuto nascoste agli altri e a se stesso.

Le immagini , se osservate da una certa distanza svolgono una funzione di contenimento delle emozioni e aiutano la riflessione.

 

Bibliografia

  • Wikipedia “emozioni”
  • M.Sunderland “Disegnare le relazioni”Erickson (2011)

 

(articolo a cura della Dottoressa Maria Pia Cavaliere)

 

 

  |   Letto: 7292 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

Come scegliere uno psicoterapeuta

Trovarsi bene con il proprio psicoterapeuta è importante, ma fidarsi di lui lo è ancora di più. Per questo, i modi per reperire lo psicoterapeuta che fa al caso nostro sono solo due: come riferimento da una persona che conosciamo oppure cercandolo in prima persona. In entrambi i casi non è detto che ci si...

I confini sfocati in famiglia: l'invischiamento

L'invischiamento, una dinamica familiare che può essere descritta come la presenza di confini sfocati tra i membri, può rendere difficile o impossibile per un bambino sviluppare un senso individuale di sé perchè eccessivamente preoccupati per gli altri. Lo psicoterapeuta familiare...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.