Pubblicità

Come capire se un adolescente è depresso o solo di cattivo umore?

Considerazioni e consigli per genitori e medici.


adolescente triste depressoLe domande più difficili, che i medici devono fare agli adolescenti durante i controlli, riguardano Depressione e suicidio.

Ma queste non devono essere considerate facoltative.

Così come i genitori non devono trascurare di osservare i cambiamenti nei loro figli.

I sintomi della Depressione ed i segnali d’allarme.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458

I segni della Depressione adolescenziale comprendono cambiamenti di umore, come tristezza persistente o irritabilità, ed alterazioni dello stato di funzionamento, come, ad esempio, l’insuccesso scolastico, l’isolamento da amici e parenti, una perdita di interesse per quelle attività che prima erano ritenute importanti e cambiamenti nelle abitudini riguardo mangiare e dormire.

Ci sono, poi, alcuni segni piuttosto non specifici, come la mancanza di energia, la difficoltà di concentrazione ed i fastidi e dolori inspiegabili.


Incidenza della Depressione.


Secondo quanto emerso dal “National Surveys on Drug Use and Health”, negli Stati Uniti, dal 2005 al 2014, la prevalenza della Depressione – cioè, la possibilità di avere un episodio depressivo maggiore nel corso di un anno – è aumentata, in modo significativo, tra i soggetti che hanno dai 12 ai 17 anni di età, in particolar modo nelle ragazze.

Inoltre, i risultati si sono ripetuti per i ragazzi di età compresa tra 18 e 25 anni, in particolare nella fascia 18 - 20 anni.

Quindi, la Depressione sembrerebbe essere un fenomeno in aumento nella popolazione tra 12 e 20 anni.

In più, il suicidio continua ad essere la seconda causa di morte in adolescenza, dopo gli incidenti, anche se questa differenza si sta affievolendo. Dato ancora più allarmante è quello del Centers for Disease Control and Prevention, il quale riferisce che si sta abbassando anche l’età media in cui i soggetti ricorrono a questo mezzo (10 – 14 anni).

Ma perché la prevalenza della Depressione è in aumento?

Perché è più frequente tra le ragazze?

Sono gli adolescenti a soffrire di più di Depressione, o può essere che siano più disposti a parlarne?

Il Dott. Ramin Mojtabai, psichiatra e professore nel Dipartimento di Salute mentale presso la Bloomberg School of Public Health della Johns Hopkins, ha affermato che, negli ultimi due decenni, gli adolescenti sono stati generalmente più aperti nel parlare di Depressione, ma i ricercatori non hanno pensato che potesse essere questa la spiegazione del fenomeno che stavano osservando, privilegiando altre cause, quali l’abuso di sostanze, o la composizione del nucleo familiare (due genitori, piuttosto che un genitore, piuttosto che essere senza genitori), le quali, però, non hanno spiegato il fenomeno.


Cosa possono fare i genitori?


Ogni genitore di un figlio adolescente deve chiedersi, naturalmente, quale sia la differenza tra sbalzi d’umore e comportamenti adolescenziali “regolari” e tra segnali di pericolo.

Essi devono considerare quanto sembrino gravi questi sintomi e quanto siano persistenti.

Quando un bambino cambia, non si può semplicemente riferirlo all’adolescenza.
    
Il Dott. Benjamin Shain, a capo della Division of child and adolescent psychology, presso la NorthShore University Health System, ha sottolineato come molti dei segnali considerabili d’allarme sono relativamente aspecifici.

Ad esempio, ci potrebbero essere molte ragioni, per le quali gli adolescenti se ne stanno nascosti nelle loro stanze, o riportano a casa voti significativamente peggiori.

Potrebbe essere a causa della Depressione, perché fanno uso di droga, oppure, più semplicemente, perché il lavoro scolastico è troppo difficile per loro”, ha aggiunto lo studioso. “Il primo passo è sedersi ed avere una conversazione tranquilla con vostro figlio su cosa sta succedendo; successivamente potreste parlare con gli insegnanti, o decidere per una consulenza da uno specialista”.

Come ha spiegato lo studioso, l’impulso dei genitori è, troppo spesso, quello di dare consigli, o addirittura di intervenire e cercare di risolvere il problema dei loro figli.

Quello che costoro dovrebbero fare è soprattutto ascoltare, diciamo per il 90% della conversazione”, ha affermato l’esperto. Nel restante 10% del tempo, essi non dovrebbero cercare di offrire una soluzione, “ma supportare il processo di risoluzione del figlio”.

Il Dott. Mojtabai ha rimarcato l’importanza di altri fattori, come l’abuso e l’abbandono dei bambini, e dei dispositivi digitali, già associati, in ricerca, ai sintomi depressivi.

C’è sicuramente la prova che il Cyberbullismo può essere collegato ad un aumento della Depressione, in particolare delle ragazze, e, probabilmente, ad un aumento del suicidio”, ha affermato il Dott. Shain. “E questo è un settore, dove molti genitori non sanno come guidare i propri figli. Il loro istinto può essere quello di toglier loro il cellulare, ma ciò può peggiorare le cose: costoro potrebbero ritenere la restrizione genitoriale più traumatica di qualunque altro evento, perché è così che essi si collegano al gruppo dei pari, è così che ottengono il suo sostegno, è questo il modo in cui hanno una conversazione con esso”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154

Concludendo.


Nel complesso, secondo il Dr. Mojtabai, c’è bisogno di maggiori informazioni su questa tendenza e su molto altro nella vita degli adolescenti.

Ma, soprattutto, è importante che i genitori siano consapevoli dei rischi, sia per i figli che sono già alle prese con problemi di salute mentale, che per coloro che non hanno dato ancora un nome ai loro sintomi e che, pertanto, non ricevono trattamenti.

 

Identificare la Depressione, naturalmente, non risolve il problema, né ci sono soluzioni rapide, anche in presenza di supporto da parte della famiglia: d’altronde, bisogna pensare che il rischio di suicidio può esser ridotto, non eliminato, ed i segnali d’allarme non sono che una guida.

Tenete ben presente, dunque, che questo può essere un viaggio lungo e difficile, per gli adolescenti e per le loro famiglie.

Il consiglio principale, ai genitori, ma anche ai medici, è quello di continuare a fare le domande giuste, di osservare attentamente il ragazzo e di non trascurare nessun segno.    

 

 

Fonte: New York Times

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 7740 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

Cultura e depressione

La cultura può influenzare il nostro modo di sentire ed esprimere le emozioni? Può uno stesso sintomo o disturbo mentale essere esperito in modo completamente diverso tra le diverse culture? Subito dopo l'ora di pranzo, in una giornata estiva in Washington DC, la psicologa culturale Yulia Chent...

Borderline, sintomi e trattamento

Instabilità pervasiva, aggressività, autolesionismo, scarsa consapevolezza del senso di Sè, oscillare per sopravvivere: Il disturbo borderline di personalità. Il disturbo borderline della personalità, è una grave malattia mentale caratterizzata da instabilità ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.