Pubblicità

Come comunicare meglio? Basta allontanarsi dai telefoni!

Ripristinare una comunicazione ottimale lontano dai media!


bambini mediaOggi, gli alunni tra 8 e 18 anni spendono circa un terzo delle loro vite a dormire, un terzo a scuola ed un terzo assorti nei nuovi media, dagli smartphone ed i tablet, alla tv ed i portatili.

Essi passano, insomma, più tempo a comunicare attraverso degli schermi, di quanto non ne spendano a parlare con le altre persone direttamente, faccia a faccia.

Analizzando i dati, dall’arrivo del nuovo millennio, la percentuale di tempo per il gioco che non avviene attraverso lo schermo è sceso del 20%, a favore di quello che si serve di questi strumenti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottor Luigi Pignatelli
via Romagna, 20 - TARANTO
Cell.: 331 1087853

Ciò è importante perché è quello che influenza il modo in cui i ragazzi comunicano.
    
Prendiamo il caso dei messaggi, che molti giovani (ed adulti) preferiscono alle chiamate.
Messaggiare permette di modulare in modo più preciso ciò che si vuole comunicare.

Se si risponde “haha” ad una battuta, si può scrivere “hahahaha” per segnalare che quest’altra è particolarmente divertente – o “HAHAHAHA” se essa è stata strepitosa.
Se siete arrabbiati, potete rispondere con uno sbrigativo “ok” e, se siete furiosi, potete scegliere di non rispondere affatto.
Per un’affermazione potete usare un solo “!”, mentre per un’esclamazione ad alta voce c’è “!!”, o persino “!!!”.

Questi segnali sono matematicamente precisi, quindi messaggiare è ideale per coloro che si preoccupano facilmente dei possibili fraintendimenti.

Lo svantaggio importante è che niente è spontaneo. Non ci sono indizi non verbali; né pause, cadenze e risatine che aiutino a definire il messaggio dell’altro.

Senza di essi, i bambini non possono imparare la comunicazione faccia a faccia.


Comunicazione faccia a faccia vs comunicazione online.


Lo sa bene la Dott. essa Hilarie Cash, psicologa clinica e co-fondatrice del reSTART, un servizio per la Dipendenza da Internet.

La studiosa ha spiegato che “non c’è niente di male nel fare delle amicizie online, finchè se ne hanno anche nel mondo reale!”.

Le interazioni online sono pericolose non per quello che forniscono, ma per quello che non riescono a garantire: la possibilità di imparare cosa significa sedersi, faccia a faccia, mentre si sta avendo una conversazione con un’altra persona.

Sì, perché queste conversazioni seguono un ritmo differente e le informazioni vengono trasportate in modo più veloce e sintetico.
Ad esempio, le persone che comunicano attraverso una webcam, non riescono a guardarsi mai negli occhi l’un l’altro, perché questi non sono perfettamente allineati con la telecamera che trasmette lo sguardo all’altro.

Anche l’odore di una persona, il contatto visivo consistente che deriva dall’essere nella stessa stanza, sono importanti”, ha aggiunto la Dott. essa Cash. Ed anche questi sono elementi che mancano.

E’ molto simile al nutrire di zucchero una persona affamata”, ha continuato la studiosa. “E’ piacevole per un breve periodo, ma, alla fine, essa morirà di fame”.


Quanto può essere dannoso uno smartphone?


La Prof. essa Sherry Turkle ha illustrato i limiti della comunicazione tramite cellulare, riprendendo quanto detto da un comico su quanto siano dannosi i telefoni, soprattutto per i bambini:

Non guardano più le persone mentre parlano con esse. E non imparano cosa sia l’empatia. Se vedono un altro bambino, gli dicono ‘sei grasso’ ed osservano come cambi la sua faccia per il dispiacere, allora possono esclamare ‘Ooooh, non va bene dire così ad una persona”…, ma se, invece, scrivono ‘Sei grasso’, pensano semplicemente ‘Mmm, è stato divertente. Mi piace’”.

Ed ecco un altro dato allarmante: quando adolescenti ed adulti stanno comunicando faccia a faccia, la sola presenza degli smartphone può far diminuire la loro connessione.

Nel 2013, gli psicologi Andrew Przybylski e Netta Weinstein, della University of Essex, hanno invitato delle coppie di stranieri in una piccola stanza ed hanno chiesto loro di intrattenere una conversazione.

Per facilitare la loro interazione, i ricercatori hanno suggerito un argomento: discutere di un evento interessante, accaduto loro nel mese passato.

La particolarità dell’esperimento era che alcuni di essi avevano nella stanza uno smartphone non in funzione, mentre per gli altri c’era un block notes di carta.

Ogni partecipante è riuscito a legare con l’altro in qualche misura, ma le coppie nella prima situazione ebbero difficoltà a connettersi: esse hanno riferito, infatti, di aver instaurato delle relazioni di bassa qualità e che i loro compagni erano meno empatici ed affidabili.

Insomma, da questo studio è emerso che i telefoni sono un disturbo per la comunicazione, a causa della loro mera esistenza, anche quando essi non venivano usati attivamente.

Si potrebbe ipotizzare che essi distraggono perché ci ricordano tutto il mondo presente dietro i mezzi della comunicazione immediata e la sola soluzione, come suggeriscono gli autori, è rimuoverli completamente.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217


Conclusioni.


Diversi studi stanno indagando quanto possa essere dannoso, o meno, l’avvento della nuova tecnologia.

Nonostante alcuni indiscutibili vantaggi, sembrerebbe emergere un dato allarmante: i media si stanno sostituendo alle persone e ci stanno privando di alcune delle nostre caratteristiche peculiari, in primis, l’essere “animali sociali” e, quindi, la capacità di comunicare in un modo tanto articolato ed affascinante.

Ciò che preoccupa ancora di più, però, è che questo fatto non coinvolge pochi, o solo una fascia d’età, ma che questo sia un pericolo che riguarda tutti, adulti e, soprattutto, bambini.


È un rischio che vale davvero la pena correre?    

 

 

Fonte: Science of Us

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2076 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

La psicoterapia online

Vantaggi e svantaggi dell'utilizzo di Skype e FaceTime per la pratica della psicoterapia online La telepsichiatria è la valutazione clinica e il trattamento psichiatrico applicato a distanza; si effettua fondamentalmente una “perizia” da parte di uno specialista per tutte quelle popolazion...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.