Pubblicità

Come comunicare meglio? Basta allontanarsi dai telefoni!

Ripristinare una comunicazione ottimale lontano dai media!


bambini mediaOggi, gli alunni tra 8 e 18 anni spendono circa un terzo delle loro vite a dormire, un terzo a scuola ed un terzo assorti nei nuovi media, dagli smartphone ed i tablet, alla tv ed i portatili.

Essi passano, insomma, più tempo a comunicare attraverso degli schermi, di quanto non ne spendano a parlare con le altre persone direttamente, faccia a faccia.

Analizzando i dati, dall’arrivo del nuovo millennio, la percentuale di tempo per il gioco che non avviene attraverso lo schermo è sceso del 20%, a favore di quello che si serve di questi strumenti.

Psicologi in evidenza
comunicazione
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
comunicazione
Dottor Angelo Rega
Via Giuseppe Mazzini, 25 Acerra - NAPOLI
tel.:0123 456789

Ciò è importante perché è quello che influenza il modo in cui i ragazzi comunicano.
    
Prendiamo il caso dei messaggi, che molti giovani (ed adulti) preferiscono alle chiamate.
Messaggiare permette di modulare in modo più preciso ciò che si vuole comunicare.

Se si risponde “haha” ad una battuta, si può scrivere “hahahaha” per segnalare che quest’altra è particolarmente divertente – o “HAHAHAHA” se essa è stata strepitosa.
Se siete arrabbiati, potete rispondere con uno sbrigativo “ok” e, se siete furiosi, potete scegliere di non rispondere affatto.
Per un’affermazione potete usare un solo “!”, mentre per un’esclamazione ad alta voce c’è “!!”, o persino “!!!”.

Questi segnali sono matematicamente precisi, quindi messaggiare è ideale per coloro che si preoccupano facilmente dei possibili fraintendimenti.

Lo svantaggio importante è che niente è spontaneo. Non ci sono indizi non verbali; né pause, cadenze e risatine che aiutino a definire il messaggio dell’altro.

Senza di essi, i bambini non possono imparare la comunicazione faccia a faccia.


Comunicazione faccia a faccia vs comunicazione online.


Lo sa bene la Dott. essa Hilarie Cash, psicologa clinica e co-fondatrice del reSTART, un servizio per la Dipendenza da Internet.

La studiosa ha spiegato che “non c’è niente di male nel fare delle amicizie online, finchè se ne hanno anche nel mondo reale!”.

Le interazioni online sono pericolose non per quello che forniscono, ma per quello che non riescono a garantire: la possibilità di imparare cosa significa sedersi, faccia a faccia, mentre si sta avendo una conversazione con un’altra persona.

Sì, perché queste conversazioni seguono un ritmo differente e le informazioni vengono trasportate in modo più veloce e sintetico.
Ad esempio, le persone che comunicano attraverso una webcam, non riescono a guardarsi mai negli occhi l’un l’altro, perché questi non sono perfettamente allineati con la telecamera che trasmette lo sguardo all’altro.

Anche l’odore di una persona, il contatto visivo consistente che deriva dall’essere nella stessa stanza, sono importanti”, ha aggiunto la Dott. essa Cash. Ed anche questi sono elementi che mancano.

E’ molto simile al nutrire di zucchero una persona affamata”, ha continuato la studiosa. “E’ piacevole per un breve periodo, ma, alla fine, essa morirà di fame”.


Quanto può essere dannoso uno smartphone?


La Prof. essa Sherry Turkle ha illustrato i limiti della comunicazione tramite cellulare, riprendendo quanto detto da un comico su quanto siano dannosi i telefoni, soprattutto per i bambini:

Non guardano più le persone mentre parlano con esse. E non imparano cosa sia l’empatia. Se vedono un altro bambino, gli dicono ‘sei grasso’ ed osservano come cambi la sua faccia per il dispiacere, allora possono esclamare ‘Ooooh, non va bene dire così ad una persona”…, ma se, invece, scrivono ‘Sei grasso’, pensano semplicemente ‘Mmm, è stato divertente. Mi piace’”.

Ed ecco un altro dato allarmante: quando adolescenti ed adulti stanno comunicando faccia a faccia, la sola presenza degli smartphone può far diminuire la loro connessione.

Nel 2013, gli psicologi Andrew Przybylski e Netta Weinstein, della University of Essex, hanno invitato delle coppie di stranieri in una piccola stanza ed hanno chiesto loro di intrattenere una conversazione.

Per facilitare la loro interazione, i ricercatori hanno suggerito un argomento: discutere di un evento interessante, accaduto loro nel mese passato.

La particolarità dell’esperimento era che alcuni di essi avevano nella stanza uno smartphone non in funzione, mentre per gli altri c’era un block notes di carta.

Ogni partecipante è riuscito a legare con l’altro in qualche misura, ma le coppie nella prima situazione ebbero difficoltà a connettersi: esse hanno riferito, infatti, di aver instaurato delle relazioni di bassa qualità e che i loro compagni erano meno empatici ed affidabili.

Insomma, da questo studio è emerso che i telefoni sono un disturbo per la comunicazione, a causa della loro mera esistenza, anche quando essi non venivano usati attivamente.

Si potrebbe ipotizzare che essi distraggono perché ci ricordano tutto il mondo presente dietro i mezzi della comunicazione immediata e la sola soluzione, come suggeriscono gli autori, è rimuoverli completamente.

Psicologi in evidenza
comunicazione
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
comunicazione
Dottoressa Giulia De Paolis
Via del Tempio 1/A int.3 - 00186 ROMA
tel.:0123 456789


Conclusioni.


Diversi studi stanno indagando quanto possa essere dannoso, o meno, l’avvento della nuova tecnologia.

Nonostante alcuni indiscutibili vantaggi, sembrerebbe emergere un dato allarmante: i media si stanno sostituendo alle persone e ci stanno privando di alcune delle nostre caratteristiche peculiari, in primis, l’essere “animali sociali” e, quindi, la capacità di comunicare in un modo tanto articolato ed affascinante.

Ciò che preoccupa ancora di più, però, è che questo fatto non coinvolge pochi, o solo una fascia d’età, ma che questo sia un pericolo che riguarda tutti, adulti e, soprattutto, bambini.


È un rischio che vale davvero la pena correre?    

 

 

Fonte: Science of Us

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1002 volte


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

La psicoterapia online

Vantaggi e svantaggi dell'utilizzo di Skype e FaceTime per la pratica della psicoterapia online La telepsichiatria è la valutazione clinica e il trattamento psichiatrico applicato a distanza; si effettua fondamentalmente una “perizia” da parte di uno specialista per tutte quelle popolazion...

Col tempo… Si cambia!

Una ricerca ha dimostrato che, invecchiando, la nostra personalità cambia. È opinione comune che la vita, con le sue gioie ed i suoi dolori, ci porti a cambiare! Che sia in meglio, o in peggio, negli anni non resteremo mai la stessa persona! ...