Pubblicità

Come (e dove) nasce una grande idea?

Ecco come il sesso (e non solo…) influenza la percezione della genialità.


idea lampadinaMi si è accesa la lampadina”….

Oppure…
Ho avuto un colpo di genio!”.

Ecco come, spesso, gli imprenditori descrivono i loro più importanti momenti di ispirazione creativa.

Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che le metafore che usiamo per inquadrare queste innovazioni possono influenzare le nostre percezioni di chi è capace di farsi venire la prossima grande idea.

Attraverso tre esperimenti, le psicologhe Kristen Elmore (Cornell University) e Myra Luna-Lucero (Columbia University) hanno trovato che usare la ‘metafora della lampadina’ influenzava le supposizioni sulla persona creativa: non solo gli individui le attribuivano una genialità innata (piuttosto che un duro lavoro), ma essi associavano tali idee più agli uomini, che alle donne.

Dall’altra parte, essi correlavano la ‘metafora del nutrire il seme di un’idea’ con il sesso femminile.

Quindi, una genialità innata era associata con gli inventori di sesso maschile, mentre le donne erano caratterizzate dal nutrire delle idee da realizzare col tempo.

Le Dott. esse Elmore e Luna-Lucero argomentano, quindi, che queste metafore riflettono dei sottili stereotipi sessuali, i quali possono avere un effetto concreto sulle valutazioni della competenza e della creatività nel posto di lavoro.


Gli studi precedenti.

La ricerca precedente, condotta dai ricercatori Devon Proudfoot, Aaron C. Kay e Christy Z. Koval, della Duke University, aveva già suggerito che le persone tendono ad associare la creatività con qualità maschili stereotipate.

Attraverso cinque studi, il Dott. Proudfoot e colleghi avevano dimostrato, infatti, che quando le persone pensano agli “individui creativi”, esse tendono a riferirsi a caratteristiche tipicamente attribuite agli uomini, incluse qualità come l’assunzione del rischio, l’intraprendenza e la fiducia in se stessi.
Anche quando le donne mostravano uguali capacità, esse non erano ritenute tanto creative, quanto le loro controparti maschili.
Nel suggerire che le donne hanno meno probabilità degli uomini di veder riconosciuto il loro pensiero creativo, la nostra ricerca non solo indica un’unica ragione del perchè esse potrebbero essere ignorate per le posizioni di leadership aziendale, ma suggerisce anche il perché costoro sono, per lo più, escluse dai circoli elitari all’interno delle attività creative”, ha concluso il Dott. Proudfoot.


Gli studi attuali.

Nel loro primo studio, le Dott. esse Elmore e Luna-Lucero esaminarono se le persone reagissero in maniera diversa ad un’idea descritta con la metafora della lampadina, piuttosto che a quella del seme che cresce.

A ciascuno dei 345 partecipanti fu assegnata, casualmente, la lettura di uno dei tre brevi passaggi sullo scienziato Alan Turing e la creazione della sua “macchina”.

Nella prima condizione, i partecipanti lessero che Turing ebbe “un’idea brillante”, come “una lampadina che si era accesa all’improvviso”, mentre i soggetti nell’altra situazione lessero che egli aveva “il seme di un’idea”, “un seme che cresceva e che, alla fine, produsse tale frutto”.

Anche se l’argomento riguardava la stessa persona e la stessa invenzione, coloro che furono esposti alla prima metafora giudicarono l’idea di Turing più “straordinaria”, rispetto al secondo gruppo.

In una seconda serie di studi, le ricercatrici esaminarono se la scelta della metafora potesse influenzare anche il giudizio sociale sulle persone creative.

Ad un gruppo di 426 adulti (46% maschi, 54% femmine) fu assegnata, casualmente, la lettura di un passaggio, che descriveva la proposta per una tecnologia ad “ampio spettro” nella comunicazione via radio.

Diversamente dagli altri esperimenti, le ricercatrici manipolarono anche il sesso dell’inventore: metà dei partecipanti lessero di un’inventrice di sesso femminile (Hedy Lamarr), l’altra metà di un inventore maschio (George Antheil).

Come previsto, la percezione del livello di genialità dell’autore delle invenzioni dipendeva dal fatto che la sua idea fosse descritta come “un seme” o come “una lampadina”.
In particolare, l’ideatore di sesso maschile beneficiava della seconda metafora, la controparte femminile della prima.

Infine, la scelta della metafora sembrerebbe influenzare, in modo significativo, il modo in cui le persone percepiscono lo sforzo e la motivazione.


Considerazioni finali.

Le Dott. esse Elmore e Luna-Lucero sperano che questa ricerca aiuterà le persone a pensare più al ruolo della perseveranza e dello sforzo nelle nuove creazioni, piuttosto che continuare a credere che la creatività sia semplicemente una qualità innata.

Nel complesso, questo lavoro suggerisce che usare le metafore, che riconoscono il ruolo del duro lavoro nella produzione delle idee innovative, piuttosto che ad un’ispirazione improvvisa, potrebbero facilitare la percezione che anche le donne possono averne”, concludono le Dott. esse Elmore and Luna-Lucero. “Dopo tutto, lo stesso Thomas Edison – inventore della lampadina elettrica – passò attraverso 1.000 iterazioni circa, prima di giungere ad un prototipo realizzabile!”.
        
        
    
    

 

Fonte: PsychologicalScience.org    

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2017 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La linea sottile tra solitudine e paranoia

Quanto il “sentirsi soli” partecipa alla formazione e al mantenimento della paranoia!? Il “sentirsi soli” è uno dei principali e maggiori problemi menzionati dai pazienti con psicosi. Diversi studi hanno infatti rivelato che i sintomi psicotici siano strettamente correlati con la solitudine. Schwab...

Il ruolo del trauma nel disturbo bipolare

La presenza di un trauma infantile sembrerebbe associato con risultati negativi di salute, maggiori episodi depressivi, maggiore gravità degli episodi maniacali con insorgenza precoce, ideazione suicidaria, abuso di sostanze e deterioramento delle performance ai test neuropsicologici. Il disturbo bipo...

La terapia con un Sex Worker

Come si possono aiutare i terapeuti quando lavorano con un Sex Worker che ha scelto il sesso come professione in modo consensuale e indipendente? Il termine inglese Sex Worker è entrato nell'uso italiano in seguito alla crescita di consapevolezza rispetto all'azione dei movimenti transnazionali per i ...

Il Super-Io

Secondo la teoria psicoanalitica della personalità di Freud, il Super-Io è la componente della personalità composta dagli ideali interiorizzati che abbiamo acquisito dai nostri genitori e dalla società. Il Super-Io lavora principalmente per sopprimere gli stimoli dell'Es e cerca d...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.