Pubblicità

Come funziona realmente l’ipnosi?

Cos’è l’ipnosi? E come agisce sul nostro cervello? Ecco la risposta di un esperto del settore.


ipnosiGli effetti unici che l’ipnosi ha sul cervello umano suggeriscono che essa può essere un metodo valido, attraverso il quale alleviare il dolore, in alternativa agli oppioidi.

Il Dr. David Spiegel è il primo sostenitore di questa possibilità.
Dopo un intervento di tre ore alla spalla, egli non assunse nessuna medicina per il dolore, ma preferì usufruire della tecnica ipnotica e continua ad usarla da circa 45 anni.

“C’è un’incisione dall’inizio alla fine della mia spalla e sono stati coinvolti molti nervi”, ha affermato il Dr. Spiegel. “Mi sono occupato del mio dolore da solo, senza farmaci”.


L’ipnosi.

Essere sotto ipnosi assomiglia allo stato in cui siete quando diventate talmente assorti in un film, che vi dimenticate completamente che quello che state vedendo è solo finzione.
È come quando si entra in un mondo immaginario.

La ricerca ha già dimostrato che questo stato, simile alla trance, nel quale siete più aperti e suggestionabili del solito, può essere uno strumento efficace per controllare il dolore, calmare l’ansia, smettere di fumare ed affrontare lo stress, un trauma ed anche le vampate di calore.

Come essa vi riesca è quello che il Dr. Spiegel, professore di Psychiatry and Behavioral Sciences alla Stanford University School of Medicine, ed i suoi colleghi vogliono scoprire nel loro nuovo studio, pubblicato sul giornale “Cerebral Cortex”.


Lo studio.

Nello studio, il Dr. Spiegel ed i suoi colleghi hanno valutato circa 500 persone, alla ricerca di quelle più idonee all’ipnosi.
La capacità di essere ipnotizzati, infatti, è un tratto altamente stabile (come il QI) e può essere valutata in una breve sessione di cinque minuti.
In genere, circa i due terzi degli adulti possono essere sottoposti ad ipnosi e queste persone tendono ad avere delle caratteristiche distintive: sono più fiduciose nei confronti degli altri, sono più intuitive ed hanno maggiori probabilità di essere facilmente catturate da un buon film, o un gioco, al punto da dimenticarsi, per breve tempo, della realtà.

La squadra di ricercatori ha scelto 36 persone, altamente ipnotizzabili, e 21 che non lo erano, come gruppo di controllo.

Tutti, in seguito, furono sottoposti ad una serie di scansioni con la fMRI in diverse condizioni: a riposo, mentre richiamavano alla mente un ricordo e durante due sessioni di ipnosi.


I risultati dello studio.

Ci furono tre interessanti cambiamenti a livello cerebrale, ma solo nel gruppo altamente ipnotizzabile e mentre erano sotto ipnosi.

1.    I ricercatori constatarono un calo nell’attività del Cingolato Dorsale Anteriore.
Questa parte del cervello, che si attiva quando c’è qualcosa di cui preoccuparsi, si quieta durante l’ipnosi.

2.    Il secondo cambiamento importante era che certe parti del cervello cominciavano a sincronizzare le loro connessioni.
Questo accadeva, in particolare, nella Corteccia Dorsolaterale Prefrontale, la parte del cervello coinvolta nella pianificazione e nelle routine, e l’Insula, che è quella che aiuta a regolare le funzioni corporee, come aumentare la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.
Questo suggerisce che il cervello, durante l’ipnosi, va ad intensificare le connessioni con il corpo”, ha spiegato il Dr. Spiegel.

3.    Contemporaneamente, le altre aree del cervello diventavano meno connesse.
I ricercatori, infatti, videro una certa disconnessione tra la stessa Corteccia Dorsolaterale Prefrontale e quelle aree coinvolte nell’autoriflessione.
Ecco perché, a volte, le persone fanno delle cose imbarazzanti o stupide durante le sessioni di ipnosi, senza rifletterci, le fanno e basta”, ha spiegato il Dr. Spiegel.


Presi insieme, questi cambiamenti possono spiegare i meccanismi per cui l’ipnosi può avere delle conseguenze tanto importanti sulle persone, dall’alleviare il dolore, all’intervento su stress ed ansia, alla cura delle dipendenze.

    

Considerazioni finali.

Il Dr. Spiegel crede fermamente che questa pratica potrebbe – e dovrebbe – essere usata, in molti casi, al posto degli antidolorifici.
“Ora che sappiamo che la dipendenza da oppiacei può essere veramente alta, l’ipnosi costituisce un’alternativa veramente preziosa ad essi ed è una vergogna che non ne facciamo un uso migliore”, ha commentato lo studioso.
Dato che sia l’ipnosi, che gli oppiacei agiscono sulle stesse regioni cerebrali, non c’è ragione per cui non possiamo usare un approccio diverso per produrre degli effetti simili”, ha aggiunto lo studioso.

L’ipnosi è un trattamento veramente utile, al quale dovrebbe essere portato lo stesso rispetto, dato ad altri metodi, che, a volte, sono meno efficaci e più dannosi”, ha concluso il Dr. Spiegel.
    
            

 

 

Fonte: Time.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 3542 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Psicoterapia psicoanalitica

La scuola psicoanalitica nasce grazie alle teorie elaborate da Freud. La psicoanalisi si propone come obiettivo non tanto l’interpretazione degli aspetti cognitivi e fisiologici del comportamento umano, bensì lo studio e l’analisi di tutte le manifestazioni motivazionali e dinamiche, che sono meno e...

Il Modello HiTOP: un nuovo modo di guardare il disturbo mentale

Il Modello della Tassonomia Gerarchica della Psicopatologia (HiTOP) ci invita a considerare le questioni di salute mentale attraverso una valutazione di diverse aree e arrivando ad una formulazione diagnostica mediante un approccio basato su prove scientifiche, piuttosto che opinioni o aneddoti. La Tassonomi...

Il trattamento unificato di David Barlow

Vulnerabilità biologica, vulnerabilità psicologica generalizzata e specifica, struttura comune latente: il trattamento cognitivo-comportamentale unificato di Barlow. Fin dall'inizio, la psicologia clinica è stata caratterizzata da una diversità di approcci; il campo ha visto conti...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.