Pubblicità

Come gestire la dipendenza!?

La dipendenza coinvolge ed altera i circuiti di ricompensa del cervello, erodendo le capacità di autocontrollo della persona, nonché quella di prendere decisioni atte a migliorare la propria condizione e il proprio benessere.

dipendenzaMolto spesso può capitare di notare che qualcuno sta facendo uso di droghe o alcol attraverso modalità che minacciano la loro salute, le loro relazioni, le finanze, la carriera, e forse anche la loro vita, e ci si sente senza dubbio sopraffatti e disperati nel non sapere come poterli aiutare veramente.

Ciò che molto spesso rende difficile capire come realmente aiutare queste persone è legato ad una mancanza di conoscenze rispetto alle dinamiche insite nella realtà della dipendenza.

Innanzitutto è importante scrollarsi di dosso il senso di colpa che può attanagliarvi; spesso uscire da questo meccanismo è difficile, perché vedere i propri cari, o magari i propri figli rovinarsi con le proprie mani, rende difficile allontanare il senso di colpa da sé stessi.

Non è insolito pensare che qualcosa che si è fatto, magari di sbagliato, ha potuto causare un avvicinamento alle droghe, e che probabilmente, con un atteggiamento diverso, le cose non sarebbero andate così. È importante capire che la dipendenza non “dipende” da te.

La colpa non è produttiva per la guarigione di nessuno; è invece preferibile un coinvolgimento nel processo di recupero e nel trattamento per dar loro la forza e il sostegno necessario.

Come secondo elemento da tenere in considerazione è che la disintossicazione non equivale al trattamento.

Si tratta di un “malinteso” comune quello di pensare che il tossicodipendente ha bisogno soltanto di disintossicarsi e di ricorrere ad una sostanza alternativa per raggiungere il massimo risultato.

La dipendenza è invece molto più complessa, in quanto coinvolge ed altera i circuiti di ricompensa del cervello, erodendo le capacità di autocontrollo della persona, nonché quella di prendere decisioni nel loro migliore interesse.

Questo non è un cambiamento che può essere invertito durante la notte; ci vuole tempo e fatica per stabilire modelli di comportamento e di pensiero che possano sostituire quelli disfunzionali.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112

Essere consapevoli di tale aspetto è utile non solo alla comprensione, ma anche al sostegno eventuale che si potrebbe offrire, essendo, appunto, un viaggio lungo e tortuoso verso la guarigione.

Nessuno inoltre si aspetta di diventare dipendente; la dipendenza inizia con una scelta che può riguardare l’utilizzo di una sostanza o il prendere un drink. Questa affermazione potrebbe suonare strana, perché tutti noi possiamo aver compiuto una di queste scelte, ma senza diventare dipendenti.

Infatti, circa cinque persone su sei che cercano un drink o una sostanza non diventeranno dipendenti da essi.

Ci si chiede quindi, come mai questo uso o comportamento diventa un problema per alcune persone e per altre no?

Non è facile trovare una risposta singola, ma i ricercatori credono che questo sia dovuto ad una combinazione tra diversi fattori, come quelli genetici, la presenza di traumi nell’infanzia, e altri problemi psichiatrici come ansia, depressione e disturbo bipolare.

Nel momento in cui una persona è dipendente, il suo comportamento è condizionato, e questo, rinforzato dai cambiamenti che avvengono nel cervello, rende difficile uscire da questo circolo vizioso.

Un altro aspetto che spesso viene sottovalutato, è che si crede che chi intraprenda un trattamento abbia deciso di smettere.

Rispetto a quanto esposto sino ad ora, sembra chiaro che è molto difficile che una persona si svegli al mattino pensando che oggi sarebbe la giornata della “guarigione”; di solito, infatti, i soggetti ricorrono al trattamento per via delle conseguenze prodotte dalla loro dipendenza.

Potrebbero aver perso il lavoro, avere un coniuge che minaccia il divorzio, o magari sono finiti in ospedale per un overdose e via dicendo.

Ciò che quindi è importante capire è che le persone che vivono una condizione di dipendenza devono essere supportate nel credere che la propria vita sarà migliore del semplice drink o sostanza, perché solo così si può iniziare un lungo percorso di recupero.

A sostegno di ciò, infatti, il primo obiettivo del trattamento è quello di aiutare la persona a trovare la propria motivazione per fare i cambiamenti necessari.

L’impegno per il cambiamento non è un processo tutto o niente, in quanto la persona tende spesso a contrattare sia con sé stessa che con gli altri, trovando una giustificazione e negando la propria condizione di dipendenza: “io in realtà non ho una dipendenza”, oppure “ho perso il mio lavoro perché il capo era ingiusto”, “non devo smettere, posso prenderne di meno”.

Rispetto a tali asserzioni, molto spesso non ci si rende conto che l’altro sta solo mentendo, e quindi si tende a dar lui fiducia, credendo a quanto si sta sentendo.

In realtà, questo comportamento serve a proteggere la propria dipendenza, perché la sostanza è divenuta vitale.

Se ci si rende conto di ciò è inutile lasciarsi sopraffare dal dolore o dal risentimento ma, al contrario, mantenere le linee di comunicazione aperte, impostando dei confini chiari che possano sia farli sentire protetti che incoraggiarli verso il trattamento.

Psicologi in evidenza
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142

Ciò che è bene precisare è che molto spesso, anche se si intraprende un percorso di recupero, vi è un elevato rischio di recidiva.

In molti casi, il ricorso ad una sostanza inizia come modalità di auto-curante per allontanare le sensazioni mentali dolorose causate da condizioni come la depressione, l’ansia e i traumi.

Questi disturbi concomitanti sono infatti molto comuni, e quando qualcuno con la dipendenza soffre di depressione, ansia o insonnia, le ricadute sono molto più probabili.

Come sottolineato anche dalla recente letteratura, circa un terzo delle persone che presentano una condizione di salute mentale grave diagnosticabile, presenta anche una qualche forma di disturbo da uso di sostanze.

Tale informazione è indispensabile per comprendere quanto sia importante prendere in carico tutta la persona.

La buona notizia è che esistono una varietà di tecniche e terapie che possono essere utilizzate, come la terapia cognitivo comportamentale, l’EMDR, che utilizza il movimento degli occhi per stimolare il cervello nel processare le emozioni negative, così come terapie farmacologiche spesso imprescindibili.

Non c’è niente di più doloroso che vedere qualcuno che sta distruggendo se stesso e la propria vita; la prima reazione naturale dinnanzi a questo potrebbe essere quella di cercare di proteggerli dalle conseguenze negative delle proprie azioni, ma spesso raccogliere i pezzi può ritardare la guarigione e amplificare la sofferenza di tutti voi.

Bisogna invece aiutarli ad aiutare sé stessi; ad esempio, si potrebbe mettere in chiaro che non li si sosterrà più finanziariamente, ma che sarete pronti a farlo nel momento in cui decideranno di iniziare un percorso di recupero.

Tra le altre cose, si potrebbe anche parlare con uno psicologo specializzato nelle dipendenze, il quale potrebbe sostenervi nel ridurre il dolore e rafforzare la vostra determinazione.

Prendersi cura di sé stessi, rivolgendosi anche a dei gruppi di sostegno i quali offrono un luogo e uno spazio dove poter imparare da coloro che hanno già indossato quelle stesse scarpe.

E infine, non perdere mai la speranza, perché per quanto il circuito della dipendenza può apparire terrificante, in realtà può anche essere superata.

 

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2342 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.