Pubblicità

Come la mente influenza il corpo: le nuove scoperte della scienza.

Uno studio individua le reti neuronali che collegano mente e corpo nella risposta allo stress.


meditazioneI neuroscienziati della University of Pittsburgh hanno identificato le reti neuronali che congiungono la corteccia cerebrale alla midollare del surrene, la quale è responsabile della risposta tempestiva del corpo nelle situazioni stressanti.

Questi risultati, riportati sul giornale “Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS)”, forniscono le prove di una base neuronale della connessione mente-corpo.
Nello specifico, questi risultati fanno luce su come Depressione, Stress ed altre disturbi mentali possano alterare la funzionalità organica, dimostrando che c’è una base anatomica reale per le malattie psicosomatiche.

Inoltre, questa ricerca individua un substrato neuronale concreto, che può aiutare a spiegare perché la meditazione ed altri esercizi, come lo Yoga ed il Pilates, possano essere tanto utili nel modulare le risposte del corpo allo stress fisico, mentale ed emotivo.


Lo studio ed i suoi risultati.

Negli esperimenti, gli studiosi sono riusciti ad individuare il circuito neuronale che collega le aree della corteccia cerebrale alla midollare del surrene (la parte più interna della ghiandola surrenale, che è localizzata sopra ciascun rene), rimanendo sorpresi del gran numero di connessioni che scoprirono.
“I nostri risultati si sono rivelati più complessi ed interessanti di quanto immaginammo prima di cominciare lo studio”, ha commentato il Dr. Peter L. Strick, professore nel Department of Neurobiology e direttore scientifico dell’University of Pittsburgh Brain Institute.

Infatti, altri studiosi avevano ipotizzato, fino ad ora, che uno, o, forse, due aree corticali potevano essere responsabili del controllo della midollare del surrene. Il numero effettivo e la posizione delle aree corticali erano, però, incerte.

Nello studio del PNAS, il Dr. Strick ed i suoi colleghi usarono un metodo di analisi unico, il quale coinvolgeva il virus della rabbia, poiché questo approccio è capace di rivelare lunghe catene di neuroni interconnessi. In questo modo, il gruppo di ricerca dimostrò che il controllo della midollare del surrene origina da diverse aree corticali, in particolare da quelle motorie e da quelle coinvolte nella cognizione e nell’affettività.


Ma perché è importante sapere quali aree corticali influenzano la midollare del surrene?

Le risposte acute allo stress includono un’ampia varietà di cambiamenti fisici, come il battito accelerato, la sudorazione aumentata e le pupille dilatate. Esse aiutano a preparare il corpo all’azione e, spesso, sono “risposte di lotta o fuga”.
Diverse situazioni nella vita moderna, però, richiedono una risposta che vada oltre il semplice “combatti o fuggi” ed è chiaro che abbiamo, almeno in parte, un controllo cognitivo (o quello che i neuroscienziati chiamano controllo “top-down”, cioè dall’alto verso il basso) sulle nostre reazioni allo stress.
“Se qualcuno vi insulta, non dovete necessariamente dargli un pugno o scappare. Potreste avere una risposta più mite ed ignorare l’insulto, oppure fare una battuta spiritosa. Queste opzioni sono possibili perché abbiamo una corteccia cerebrale, che ci fornisce un’ampia gamma di comportamenti possibili”, ha spiegato il Dr. Strick.


Considerazioni aggiuntive.

Un altro dato sorprendente fu che le aree motorie nella corteccia cerebrale, coinvolte nella pianificazione ed esecuzione del movimento, forniscono un input sostanziale alla midollare del surrene. Una di queste aree è una parte della Corteccia Motoria Primaria, interessata nel controllo del movimento assiale del corpo e della postura. Questo collegamento con la midollare del surrene può spiegare perché alcuni esercizi incentrati sul corpo siano così utili nel modulare le risposte allo stress: tali pratiche, come Pilates, Yoga, Tai Chi e ballare in un piccolo spazio, richiedono tutte un allineamento scheletrico corretto, coordinazione e flessibilità.

Lo studio del PNAS ha rivelato, inoltre, che le aree della corteccia, che sono attive quando esperiamo una situazione di conflitto, o siamo consapevoli di aver commesso un errore, hanno una certa influenza sulla midollare del surrene.
“Questa osservazione”, ha spiegato il  Dr. Strick, “Aumenta la possibilità che l‘attività in queste aree corticali quando ripensiamo ad un nostro errore, o ne siamo abbattuti, o pensiamo ad un evento traumatico, inneschi dei segnali discendenti, che vanno ad agire sulla midollare del surrene, proprio nello stesso modo in cui fa l’evento reale”.

È chiaro, quindi, come questi dati sui meccanismi anatomici scoperti abbiano rilevanza per quelle terapie che trattano lo stress post-traumatico.

Collegamenti aggiuntivi con la midollare del surrene sono stati scoperti, infine, nelle aree corticali che si attivano durante la meditazione ed in quelle che subiscono dei cambiamenti nella Depressione Bipolare.


Conclusioni.

Complessivamente, questi risultati indicano che esistono dei circuiti che collegano movimento, cognizione ed affettività all’attività della midollare del surrene ed al controllo dello stress.

Questo insieme di circuiti può mediare gli effetti di alcune condizioni interne, come lo stress cronico e la Depressione, sulla funzionalità organica e, così, individuare un substrato neuronale concreto per alcune malattie psicosomatiche, sul quale poter intervenire tempestivamente.
    
            

 


Fonte: Upmc.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 6792 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

La Psicoterapia può “riparare” il DNA?

La psicoterapia è in grado di invertire l’aumento dei livelli endogeni di rottura di DNA nei soggetti con Disturbo post-traumatico da stress, riportandoli ad un livello normale. Precedenti ricerche hanno rivelato un’associazione tra stress traumatico e incremento del rischio per lo sviluppo di numerosi ...

Disturbo da Stress Post-Traumatico e Disturbo del Comportamento Alimentare

Il disturbo alimentare può essere inquadrato come modalità “intelligente”, anche se distruttiva, che determina sia la distanza che la paralizzazione, nonché un mezzo per rivivere gli eventi dolorosi del passato attraverso una ricreazione di essi attraverso la sintomatologia de...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.