Pubblicità

Come mi separo?

separazioneIn psicoanalisi si chiama “lavoro del lutto” quel processo psichico che riguarda l’elaborazione della perdita. Il lutto si riferisce non solo alla morte, ma è lo stato psicologico che concerne una perdita, significativa per il soggetto, di un oggetto reale (persone, animali, cose) o simbolica (immagine sociale, status simbol). Il modo in cui ognuno di noi effettua questa elaborazione, può variare attraverso linee abbastanza definite.

Sigmund Freud studiò il lavoro del lutto e ne identificò le fasi. La prima fase concerne l’identificazione, la seconda il diniego, la terza l’accettazione e la quarta il distacco. All’inizio, infatti, vi è l’identificazione con l’oggetto perduto, seguita dalla negazione della perdita, ossia dal rifiuto di accettare che la separazione abbia avuto luogo. Infine, con l’accettazione, il soggetto ammette la perdita di modo da permettere il distacco e la possibilità di reinvestire l’affetto su un nuovo oggetto.

Queste quattro fasi sono riconoscibili ogni volta che una perdita avviene e il tempo richiesto per l’intero processo può variare, anche parecchio, da una persona all’altra. Nel caso in cui vi sia un blocco nel percorso di elaborazione, si ha disagio psichico. Disagio anche grave, e la conseguenza peggiore è la depressione.

In questi casi, il soggetto resta legato all’oggetto e lo sente come una parte di sé senza la quale soffre e, nella depressione, non è possibile vivere. Non c’è accettazione della perdita e quindi non è possibile la scelta di un nuovo oggetto. E’ chiaro che il dolore diventa patologico.

Come accennato sopra, la perdita può riguardare diversi aspetti della vita: il lavoro, un luogo, un animale, uno status, o altri elementi di identificazione come una squadra sportiva, un gruppo politico.
Tuttavia l’aspetto più significativo nella vita di una persona, è la perdita di un oggetto d’amore.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Tutti noi abbiamo subito o causato una separazione. Ciascuno di noi è stato lasciato o ha lasciato un partner. In entrambi i casi, il processo di elaborazione del lutto (perdita) ha luogo, anche se, ovviamente, il lavoro sarà più lento, più doloroso e, soprattutto, energeticamente oneroso per chi non ha preso la decisione.

Chi viene lasciato è nella condizione delicata di dover superare la crisi che si è creata nel suo mondo psichico. Deve, quindi, affrontare il dolore in modo da non essere danneggiato e da riprendere il percorso interrotto, senza ferite aperte ma, anzi, arricchito psichicamente. Al punto che, dopo una separazione ben superata, la persona è cresciuta psichicamente e può anche aver rielaborato situazioni bloccate da tempo.

Vorrei confrontare due situazioni del percorso di allontanamento dall’oggetto d’amore, che ho riscontrato nel mio lavoro di psicoanalista.

Nel primo caso non si riesce ad elaborare il lutto: non si accetta la “morte”, e la persona viene “tenuta in vita”. Si continua a pensare al partner, non si stacca mai la mente, anche a distanza di anni.

Nel secondo caso, la persona , non essendo in grado di elaborare il lutto, non si mette mai (tranne ovviamente in caso di morte reale) nella condizione di doverlo affrontare.
Il soggetto, in questo caso, mantiene sempre il contatto con l’altro, tiene sempre aperto un canale di comunicazione. Il lutto non può mai iniziare davvero. Il riaggancio è sempre possibile e, di fatto, attuato.

Mentre nel primo caso la ferita è sempre aperta e il lutto è sempre in corso, nel secondo caso c’è una sorta di negazione continua e la separazione non è mai affrontata e psichicamente elaborata.
Rispetto alla prima situazione, dove la sofferenza è alta e lo stato depressivo costante, la persona è, in questo secondo caso, più serena

Nel primo caso, non avendo le capacità psichiche di elaborare il lutto, il soggetto non si stacca dall’oggetto d’amore, l’affetto resta vincolato. Le conseguenze sono piuttosto gravi. Vi è, infatti, la difficoltà, o spesso proprio l’impossibilità, di creare un legame nuovo. Non si può vincolare l’affetto ad un nuovo oggetto, investendo energia su di esso, proprio perché esso è rimasto agganciato al precedente.

Nel secondo caso, la situazione è più gestibile e la persona più serena, poiché l’affetto è, invece, quasi completamente svincolato dal vecchio oggetto d’amore. Si libera, così, per una nuova relazione.
La parte di affetto che resta legata all’oggetto precedente serve a “mantenerlo in vita”. La stragrande parte di affetto, però, è libera e quindi pronta a vincolarsi di nuovo dando inizio a una storia d’amore.
Si tratta di una situazione di compromesso, sicuramente frequente, che può rivelarsi estremamente efficace per l’equilibrio psichico del soggetto.

Nel concreto, per dare un esempio, nella prima situazione, la persona penserà continuamente al partner, lo cercherà per convincerlo a ritentare, potrebbe persino, e non è raro, arrivare allo stalking.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

Un lutto non elaborato, in questo modo, causa dolore, con il continuo tentativo di ripristinare lo status quo ante. Si succedono sogni e fantasie il cui tema centrale è il rapporto perduto. La speranza non muore, piuttosto cresce la rabbia nei confronti dell’ex. Rabbia che si alterna al rimpianto e al tentativo di ricontattare l’ex, di dichiarare l’immutato amore.

Nel concreto del secondo caso, la situazione può essere simboleggiata con il “restiamo amici”. Il soggetto -purché questo non implichi danni alla propria nuova vita, causando una crisi- mantiene rapporti amicali con l’ex. Ad esempio, può separarsi solo di fatto dal coniuge , può telefonare al vecchio amore per fare una chiacchierata amichevole, se possibile, o comunque mantenere sempre un rapporto aperto, senza mai troncare nettamente.

 

Articolo a cura della Dott.ssa Giacomina Rienzo

 

 

  |   Letto: 15411 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Il dolore come punizione per sentirsi “vivi”!

L’autolesionismo come modalità per regolare il proprio umore, distrarsi da un turbamento interiore, placare il proprio dolore psichico. Con li termine autolesionismo si fa riferimento ad un’inflizione intenzionale volta a danneggiare il proprio corpo attraverso attività come il tagl...

Psicoanalisi e identificazione proiettiva

Con l'introduzione del concetto di identificazione proiettiva la Klein delineava un nuovo modo di intendere la vita psichica e il suo funzionamento. Il concetto di identificazione proiettiva è stato introdotto per la prima volta da Melanie Klein (1946) in “Notes on some schizoid mechanisms&rdquo...

Il paziente e la relazione terapeutica

Quello che il paziente fa nella stanza con il terapeuta rivela modelli di relazione permanente, e nel rapporto terapeutico, questi modelli possono essere riconosciuti, compresi, e rielaborati. Le figure genitoriali, meglio conosciute, in un'accezione psicoanalitica, con il termine di “figure di attacca...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.