Pubblicità

Come parlare ai propri figli del divorzio?

I bambini hanno una capacità limitata di capire cosa sta succedente durante il divorzio, su quello che sentono e soprattutto sul perchè; spesso incolpano sé stessi di quanto sta accadendo. Vediamo insieme alcuni consigli utili su come gestire tale situazione!

figli divorzio genitoriUno dei compiti più impegnativi e dolorosi per i genitori che decidono di separarsi, è proprio quello di parlare ai propri figli del divorzio imminente.

La chiave per parlare con i bambini è cercare di capire l'esperienza della separazione dal loro punto di vista e sviluppare strategie che si adattino all'età e allo stadio di sviluppo di ciascun bambino.

I bambini hanno una capacità limitata di capire cosa sta succedente durante il divorzio, su quello che sentono e soprattutto sul perchè; spesso incolpano sé stessi di quanto sta accadendo.

Inoltre, la maggior parte dei bambini credono segretamente che i loro genitori ritorneranno insieme, desiderano che ciò accada e si impegneranno in comportamenti il cui obiettivo è quello di “tenerli insieme”.

Alcuni temono che i loro genitori usciranno dalla porta di casa senza tornare mai più, e hanno bisogno di rassicurazioni circa il fatto di venire abbandonati.

Hanno paura di raccontarlo agli altri, perchè credono di essere gli unici a vivere una cosa del genere.

Allo stesso modo degli adulti, anche i bambini manifestano le tappe classiche del processo di lutto, incluse la negazione, la rabbia, la contrattazione, la tristezza, il rifiuto e la colpa.

Alcuni possono anche sperimentare un sollievo, che può però provocare ulteriori sentimenti di colpa.

In sintesi, tale processo varia da bambino a bambino; alcuni possono aver sospettato una separazione, mentre per altri la notizia viene vissuta come un vero e proprio schock.

Anche se i bambini di tutte le età vengono profondamente colpiti da tale evento, quelli più giovani sono particolarmente vulnerabili e spesso soffrono di più.

È quindi molto importante per i genitori essere presenti e accoglienti rispetto alle reazioni dei bambini e osservare i cambiamenti nel loro comportamento.

Rispetto a tutto ciò, cosa dovrebbero dire i genitori e come dovrebbero parlare ai propri figli della separazione?

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662

In primo luogo, laddove possibile, i genitori possono rassicurare i loro bambini in anticipo che non saranno abbandonati e che entrambi i genitori collaboreranno in futuro.

Secondariamente, bisogna trovare un tempo e un luogo che sia sicuro e confortevole, che si parli tutti insieme, e poi singolarmente con il piccolo.

I bambini possono trarre un maggiore beneficio da diversi colloqui brevi, piuttosto che dal ricevere molte informazioni contemporaneamente.

Ecco alcune strategie e linee guida fondamentali per parlare con i propri figli circa l'imminente separazione.

È bene sin da subito precisare che non è colpa loro; i bambini a volte credono che se avessero adottato un comportamento migliore, se avessero litigato meno con i fratelli, se avessero studiato di più e dato una mano in casa, avrebbero potuto impedire il divorzio.

In linea generale, bisognerebbe parlare al bambino sul perchè sta avvenendo la separazione, tenendo conto dell'età e dello stadio di sviluppo.

Soprattutto, i bambini devono sapere che non è un qualcosa che dipende o è dipeso da loro; indipendentemente da ciò che hanno sentito quando i genitori litigavano, essi non devono mai sentirsi “causa” di un divorzio”.

Pubblicità

In altre parole, la separazione deve apparire come un problema adulto: “mamma e papà non sono riusciti a trovare un modo per risolvere i problemi che ci sono e far andare bene le cose; abbiamo commesso degli errori e ci dispiace di dover causarti un dolore”.

In qualità di genitori, è bene dire ai propri figli quanto li si ama, più e più volte, e che la vostra presenza sarà sempre costante, in ogni momento in cui possono sentirne il bisogno.

È bene rassicurarli sul fatto che continuerete a prendervi cura di loro e farli vivere al sicuro; è importante ricordargli che la vostra relazione non subirà dei cambiamenti e che, anche se tra gli adulti i sentimenti possono cambiare, questo non avviene mai tra genitori e figli.

Alcuni autori raccomandano di essere molto chiari sulla realtà della separazione; i bambini devono sapere e arrivare a realizzare tale cambiamento in dosi tollerabili.

Se ciò non viene fatto, una delle conseguenze più tristi annesse al divorzio, è la pressione che alcuni bambini avvertono nel dover risolvere da soli e subito il problema.

Sentirsi responsabili di ciò che è avvenuto è un enorme onere emotivo per il bambino, e questo un genitore dovrebbe cercare di evitarlo il più possibile.

È importante ascoltare i propri figli in un momento così delicato, poiché essendo un dolore profondo, devono essere incoraggiati nell'esprimere i propri pensieri e sentimenti.

I bambini hanno bisogno di tempo per digerire le informazioni che fornite; è bene pertanto non forzare una discussione sullo stato d'animo o i sentimenti che prova, ma essere pazienti, cercare suggerimenti e indizi su ciò che sente e riflettere su cosa stanno attraversando.

Per i bambini più piccoli è importante usare libri, racconti, bambole, burattini e disegni per aiutarli ad esprimere ciò che sentono.

I genitori dovrebbero inoltre spiegare al bambino quali sono i piani futuri della co-genitorialità; i bambini devono conoscere quali accordi sono stati presi sulla ripartizione del tempo, dove vivranno e quanto tempo potranno passare con ciascun genitore.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

È bene anche tranquillizzarli cercando di non sconvolgere le loro abitudini ed esigenze come amici, attività, scuola, giocattoli e così via.

Prima di intraprendere questa conversazione, è bene però assicurarsi di aver delineato insieme al “partner” un piano chiaro, e soprattutto assicurarsi che sia pronto ad una discussione che riguarda il suo futuro.

Un ulteriore aspetto da non trascurare, è il permettere al bambino di poter formulare delle richieste, o comunque avere la libertà di fare delle scelte.

Nel tempo, è importante che i bambini sappiano che la loro voce verrà sempre ascoltata quando subentreranno eventuali decisioni adulte su questioni che influenzano la loro vita.

Per quanto possibile, è bene incoraggiare i propri figli ad esprimere i loro bisogni e le loro opinioni e ad essere parte delle decisioni familiari, ma non metterli mai in una posizione in cui si sentono responsabili delle decisioni degli adulti.

Altrettanto importante è sapere cosa non dire; non bisogna mai incolpare l'altro genitore per il divorzio, o mandare il messaggio che esiste il genitore buono e quello cattivo: i bambini possono avvertire le critiche sull'altro genitore come un qualcosa che riguarda anche loro.

Inoltre, è fondamentale non discutere sui dettagli di cosa è andato storto o non funzionava nella coppia: i bambini non hanno bisogno di conoscere questi aspetti, ma semplicemente non essere tagliati fuori e sentirsi comunque parte integrante di un “nuovo” nucleo familiare”.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 818 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...