Pubblicità

Come rispondono gli adulti alle vocalizzazioni dei bambini?

Una nuova ricerca indaga le conseguenze della vocalizzazione infantile sui processi cognitivi degli adulti.

 

vocalizzazioniSecondo un nuovo studio dell’Università di Toronto, il pianto di un bambino non solo controlla la nostra attenzione, ma influenza anche le nostre funzioni esecutive, ovvero i processi neuronali e cognitivi, che usiamo per prendere le decisioni di tutti i giorni.

“Sembrerebbe essere coinvolto l’istinto genitoriale, anche se nessuno parla di come questo possa comprendere la cognizione”, dice David Haley, co-autore e Professore Associato all’UT Scarborough.
Poi continua: “Se c’è una risposta automatica ogni volta che un bambino comincia a piangere, come potremmo pensare agli altri problemi, presenti nell’ambiente, o a come rispondere al meglio al suo disagio?”.


Lo studio ha osservato, quindi, l’effetto delle vocalizzazioni – in questo caso degli audio di un bambino che rideva o piangeva – sugli adulti, mentre essi stavano completando un compito di conflitto cognitivo, nello specifico, il Test di Stroop, nel quale ai partecipanti veniva chiesto di identificare rapidamente il colore di una parola stampata, ignorando il significato della stessa.

L’attività cerebrale è stata misurata, attraverso l’Elettroencefalogramma (EEG), durante ciascuna prova del compito cognitivo assegnato, il quale aveva luogo immediatamente dopo un audio della durata di due secondi.


I dati ricavati dall’analisi dell’attività nel cervello hanno rivelato che ascoltare un bambino che piange riduceva l’attenzione verso il compito ed innescava l’elaborazione del conflitto cognitivo, in misura maggiore rispetto a quanto succedeva dopo l’ascolto delle loro risate. Haley sottolinea l’importanza di questo riscontro perché l’elaborazione del conflitto cognitivo controlla l’attenzione, una delle funzioni esecutive di base necessarie per completare un compito o prendere una decisione.

“I genitori prendono costantemente una serie di decisioni ogni giorno ed hanno anche altre richieste da soddisfare”, dice Joanna Dudek, dottoranda nel Parent-Infant Research Lab di Haley ed autore capo dello studio. “Potrebbero essere nel bel mezzo di un lavoro, quando il campanello della porta suona ed il loro figlio comincia a piangere. Come possono stare calmi, tranquilli e raccolti e come sanno quando lasciar perdere quello che stanno facendo ed occuparsi del bambino?

Haley ha spiegato che questo studio, a tal proposito, ha dimostrato sì che il pianto di un bambino causa un fastidio negli adulti, ma anche che esso potrebbe creare una risposta adattiva, “attivando” il controllo cognitivo, che i genitori usano per rispondere in maniera efficace ai bisogni emotivi dei loro figli, mentre si occupano pure delle altre richieste della vita di tutti i giorni.
“Se il pianto di un bambino attiva un conflitto cognitivo nel cervello, potrebbe anche insegnare ai genitori come prestarvi attenzione in modo più selettivo”, ha detto l’autore. “E’ questa flessibilità cognitiva che permette ai genitori di passare rapidamente dal rispondere al disagio del loro bambino alle altre richieste che emergono nelle loro vite – il che, paradossalmente, potrebbe significare ignorarlo per qualche momento”.


Questi risultati si aggiungono ad un corpo di ricerche in crescita, il quale suggerisce che i bambini occupano uno stato privilegiato nella nostra programmazione neurobiologica, profondamente radicato a livello evolutivo. Ma, come ha notato Haley, essi rivelano anche un’importante funzione cognitiva adattiva presente nel cervello umano.

L’autore conclude, dicendo che i prossimi passi saranno osservare se ci sono differenze individuali nell’attivazione neuronale delle nuove madri e se queste possono aiutare, o ostacolare, la loro capacità di rispondere, in maniera sensibile, al pianto dei loro figli.

 

 

Fonte: ScienceDaily.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2454 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Il suicidio infantile: cosa i genitori dovrebbero conoscere

I bambini e gli adolescenti cosa sanno rispetto alla morte e il suicidio? Hanno familiarità con questi argomenti? La risposta è si, e lo scoprono anche ad un'età sorprendentemente giovane. La morte di un bambino genera sempre una sensazione orribile, il cuore sembra sgretolarsi e non si ...

Il trattamento della disforia di genere in bambini e adolescenti

Secondo la letteratura scientifica esistono tre approcci per il trattamento della disforia di genere in bambini e adolescenti: correttivo, supportivo e affermativo. Vediamo come utilizzarli rispetto ad una situazione clinica così complessa. Nel panorama scientifico psicologico attuale viene focalizzat...

Il Thematic Apperception Test (TAT)

Il Thematic Apperception Test (TAT) è uno strumento di valutazione psicologica utilizzato per misurare la personalità, i valori o gli atteggiamenti di un individuo. É un test proiettivo composto da 30 immagini che mostrano persone in bianco e nero, impegnate in attività ambigue. ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.