Pubblicità

Comprendere la rabbia

Che differenza c’è tra la rabbia e l’ostilità? Perché le persone temono i loro sentimenti rabbiosi? E l’ansia, che ruolo svolge? Quale tra questi aspetti è il più distruttivo?

rabbia ansia ostilitàLa violenza, di qualsiasi tipo, è oggi molto frequente e molto problematica, sia a livello nazionale che internazionale.

È particolarmente importante quindi comprendere la rabbia, l’ostilità, e l’ansia e le loro permutazioni poiché tutte a volte sono ingredienti importanti insiti nella violenza, qualunque essa sia.

In qualità di clinici, dedichiamo una notevole parte del nostro pensiero e pratica a scoprire, chiarire e rintracciare le manifestazioni di rabbia nei nostri pazienti.

Nella depressione cerchiamo prove di rabbia dietro l’aspetto triste; nei disordini istrionici sperimentiamo la seduttività rabbiosa; nei disturbi sessuali vediamo una dipendenza rabbiosa; nei problemi coniugali abbiamo individuato schemi comunicativi disfunzionali che coinvolgono, in particolare, la rabbia.

Interpretiamo la presenza di rabbia, affrontiamo la rabbia, attiriamo la rabbia e via dicendo; dal loro canto, i pazienti temono i loro sentimenti rabbiosi perché sono talvolta connessi con la violenza ma, tuttavia, altri sentimenti correlati, come l’ostilità e l’ansia, possono essere ancora più distruttivi.

A tal proposito è bene quindi cercare di capire che differenza c’è tra la rabbia e l’ostilità; quest’ultima, come la rabbia, è un affetto, una manifestazione comportamentale o entrambe, in quanto ci si può sentire ostili, ma anche esserlo.

La distinzione critica tra queste due riguarda però il fatto che l’ostilità ha sempre una componente distruttiva, mentre la rabbia no; “sentirsi ostile” implica sempre il desiderio o l’intento di infliggere danno, dolore o distruzione reale verso un’altra persona o creatura.

“Essere ostili” implica, invece, l’infliggere sempre o cercare di infliggere un certo tipo di distruzione, psicologica o fisica, ad un altro.

La rabbia, però, non comporta necessariamente distruttività, danno o dolore ad un altro. Negli animali la lotta e la fuga sono le uniche alternative a fronte di minacce significative, ma gli esseri umani impiegano schemi comunicativi molto più complessi.

La rabbia è infatti particolarmente adattiva per la comunicazione umana; i concomitanti fisiologici della rabbia e lo stato di disponibilità motoria che producono sono fenomeni involontari e discernibili.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

La tensione muscolare, i cambiamenti vascolari e il cambiamento vocale involontario, anche se questo può essere controllato coscientemente, sono minimamente presenti.

Questo si verifica anche in quelle situazioni in cui una persona non è a conoscenza del fatto che sia arrabbiata, in modo tale da permettere ad un osservatore di dedurlo.

Per gli esseri umani la rabbia è quindi un fenomeno di allerta sia per sé stesso che per gli altri, tale da rappresentare così una base per la comunicazione.

Per essere sicuri, sia l’individuo arrabbiato che quelli intorno a lui/lei riescono a percepire che l’attacco sia un risultato possibile dello stato rabbioso e questo è uno dei motivi per cui gli altri attaccano.

L’attacco è tutt’altro che inevitabile, e si verifica solo quando la comunicazione verbale non è specifica per la fonte di minaccia, non comporta la rimozione della minaccia o non è consentita a cause di restrizioni esterne o interne.

In altre parole, gli esseri umani possono e riescono a separare la rabbia dall’attacco. Poiché la rabbia offre possibilità per comunicare, può essere costruttiva piuttosto che distruttiva, date le inevitabili minacce e ostacoli che si verificano nell’esperienza umana.

L’ostilità, tuttavia, non consente all’oggetto della sensazione o dell’azione di eliminare minacce e ostacoli particolari, in quanto tende a distruggere l’oggetto stesso.

Così l’attacco, la violenza e la vendetta sono manifestazioni di ostilità, ma lo sono anche il sarcasmo, lo scherzare, i pettegolezzi e l’ostruzionismo passivo.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

Queste manifestazioni nel pensiero e nell’azione non sono semplicemente il risultato di un’intensa o aumentata rabbia, come si pensa comunemente.

Sono legati allo stato di rabbia, ma si verificano soprattutto quando l’individuo si abbandona, in anticipo, a quell’affetto.

Lui o lei avverte che la comunicazione diretta sarà inefficace, oppure sente che la rabbia stessa deve essere soppressa ed evitata.

In altre parole, è la rabbia nascosta o inespressa che porta all’ostilità e alla distruttività. La rabbia inespressa non si trasforma così in una comunicazione chiara, ma richiede uno “scarico del motore” o un’espressione simbolica che consenta il rilassamento muscolare.

Il senso di minaccia od ostruzione e la comunicazione interna dell’eccitazione percepita persistono e spesso portano ad espressioni diffuse e indirette.

Le vie indirette di “scarico” come pettegolezzi, prese in giro e altre tipologie di ostruzione sono distruttive poiché mirate all’integrità dell’individuo piuttosto che alla specifica minaccia o difficoltà che produce.

La violenza e la vendetta sono scariche dirette distruttive, ma non espressioni di rabbia di per sé. Sono in parte espressioni di comunicazioni fallite o mai iniziate.

In molte occasioni la rabbia è inespressa poiché la minaccia o la difficoltà scompare immediatamente o, altrimenti, l’individuo arrabbiato mette in dubbio la correttezza della sua percezione di minaccia o di difficoltà e si ritrova rapidamente in errore.

Poco o nessun effetto residuo si verifica; spesso, tuttavia, l’espressione di rabbia viene inibita poiché è considerata inaccettabile in una determinata circostanza.

Un punto, però, merita una particolare menzione; una delle ragioni per cui la rabbia è evitata o soppressa in anticipo è perché si pone come indicatrice dell’eccitazione e della necessità.

La rabbia, a differenze di altre sentimenti e forme di comunicazione, è una risposta immediata ed improvvisa che sorge principalmente quando la necessità è così intensa che le minacce sono facilmente percepite.

È su questa base, piuttosto che sulla base di una paura della distruttività, che la rabbia è spesso inibita. In realtà, la rabbia è altamente connessa all’amore, sia per la sua connessione alla necessità e il coinvolgimento, e sia per quegli aspetti legati alla comunicazione distruttiva.

Quando la rabbia è accompagnata da una chiara comunicazione, è un segno di rispetto fondamentale per una persona amata.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506

Tuttavia, sarebbe un grave errore presentare la rabbia come potenzialmente costruttiva e pertanto trascurare i suoi aspetti nocivi, in particolare lo stato di insicurezza e di difesa da cui sorge.

Infatti, l’accenno alla pratica clinica che dà luogo ad una comprensione più completa della rabbia è l’approccio terapeutico che lavora sul riconoscimento e accettazione della rabbia di un paziente, nonché l’esplorazione dei motivi sottostanti.

Quando questo secondo passo viene intrapreso e le radici della rabbia sono esplorate in modo adeguato, appare un fenomeno che potremmo definire invariabile: l’ansia.

La presenza dell’ansia associata alla rabbia è apparente in queste istanze, soprattutto in quelle situazioni dove l’azione è inibita e la rabbia inespressa.

Se infatti lo stato di eccitazione e reazione motoria persistono, si verificano sottili reazioni involontarie come tremore, tensione generale e tachicardia.

Si avvia così un ciclo vizioso in cui si verifica facilmente un’eccitazione ed un aumento dell’ansia fino a quando non si assiste ad una disregolazione dei processi di pensiero, irrazionalità associata ad esplosioni di rabbia o ansia acuta.

Questa ansia aiuta a chiarire ulteriormente la minacciosa qualità della rabbia e i pensieri e le parole distruttive che la accompagnano.

Oltre alla funzione di allerta di tali parole e pensieri, questa qualità della rabbia è una risposta immediata che nasconde l’aspetto ansioso dello stato di eccitazione annesso al relativo senso di impotenza.

I pensieri distruttivi e le parole che si presentano forniscono così un senso di forza e potenza; se pensiamo di colpire qualcuno o persino di ucciderlo, ci sentiamo molto più potenti nella sfera del controllo, piuttosto che se pensiamo di fuggire o di non fare niente.

Infatti, tali pensieri sono spesso accompagnati da atti motori forti, come sbattere le mani sul tavolo o gesticolare animatamente.

Anche se l’ansia può alleviare lo stato di tensione, in realtà l’oscillare da una sensazione di “carico” ad una di “scarico” determina l’innesco di un circolo vizioso, in cui si rafforza il senso di impotenza e l’ansia diviene sempre maggiore.

I pensieri e le parole distruttive, naturalmente, sono associate a sentimenti di ansia e colpevolezza come cause di divieti sociali imposta, paura di perdita del controllo ed altri fattori.

Inoltre, poiché la rabbia è socialmente inaccettabile a diversi gradi, sperimentarla produce automaticamente ansia.

Sia la rabbia che l’ansia nascono quindi da uno stato diffuso di eccitazione a fronte di una percezione di minaccia, dolore o ostruzione. Poiché l’ansia è più disgustosa e scomoda della rabbia, sembra ragionevole supporre che la rabbia sia una difesa contro l’ansia esperita.

Se si dirige la nostra attenzione verso il senso della minaccia, della paura e dell’insicurezza quando ci si confronta con una persona irrazionalmente arrabbiata, la sua razionalità, normalmente, ritorna rapidamente e la rabbia svanisce.

Possono così essere evitate conseguenze gravi come la violenza, a prescindere dalla natura che essa può assumere.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 2839 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.