Pubblicità

Conoscere i neurotrasmettitori: la serotonina

Le serotonina è un neurostrasmettitore comune nel cervello. Appartiene al gruppo delle cosiddette ammine biogene, sostanze chimiche relativamente semplici che facilitano il trasferimento dei segnali tra le cellule del corpo. Il nome scientifico della serotonina è 5-idrossitriptamina o 5-HT.

conoscere i neurotrasmettitori la serotoninaSi trova principalmente nel cervello, nelle viscere e nelle piastrine del sangue. È usata per trasmettere messaggi tra le cellule nervose e si ritiene che sia coinvolta nel restringimento della muscolatura liscia contribuendo, tra le altre cose, al benessere e alla felicità.

Come precursore della melatonina, aiuta a regolare i cicli sonno-veglia del corpo e l'orologio biologico interno.

Sebbene le cellule nervose che usano la serotonina per comunicare con altre cellule siano state studiate intensamente, rimangono comunque un po' un mistero. Vi è solo un piccolo numero – circa 300.000 – di neuroni serotoninergici nel cervello.

Sono distribuiti in diversi nuclei in diverse posizioni del cervello, come il romboencefalo e il mesencefalo. Sebbene il loro numero sia limitato dagli standard del cervello, essi hanno una vasta rete di connessioni con un numero enorme di diramazioni collaterali.

Di conseguenza, il sistema serotoninergico raggiunge quasi tutte le aree del sistema nervoso centrale. I neuroni serotoninergici sono coinvolti in una vasta gamma di processi fisiologici e comportamentali come regolazione cardiovascolare, appetito, sensibilità al dolore, comportamento sessuale, umore, respirazione, cognizione, apprendimento e via dicendo.

Inoltre, svolgono un ruolo importante in una varietà di condizioni psichiatriche (dai disturbi d'ansia alla schizofrenia) e disturbi legati al controllo degli impulsi (violenza, abuso di sostanze, disturbo da deficit di attenzione, controllo ossessivo e via dicendo).

In termini evolutivi, il sistema serotoninergico è uno dei più vecchi e sembra essere coinvolto in varie risposte inibitorie in tutto il sistema nervoso centrale.

Si oppone alla maggior parte degli altri sistemi neurotrasmettitoriali e sembra controbilanciare le reazioni neurologiche controllate da altri neuroni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Teresa Parisi
Galleria Maestri del Lavoro, 4 - CENTO (FE)
tel.:3492809678
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974

Di conseguenza, carenze nella produzione di serotonina possono portare a gravi cambiamenti nel funzionamento del cervello in generale, e in particolare per ciò che concerne i suoi aspetti comportamentali.

L'esito del rilascio di serotonina da parte del neurone dipende dal tipo di recettore che si lega alla corrispondente cellula bersaglio. Ad oggi sono stati scoperti almeno 17 tipi di recettori che rispondono alla serotonina.

Inoltre, molte proteine ed enzimi sono coinvolti nella biosintesi e nel metabolismo della serotonina e possono alterare direttamente il suo livello.

Varie alterazioni nei corrispondenti geni influenzano i livelli di serotonina o sensibilità alla serotonina e possono causare cambiamenti comportamentali.

Serotonina e comportamento

I cambiamenti nel livello di serotonina possono influenzare il comportamento. Il livello di serotonina è controllato da più meccanismi. Qualsiasi cambiamento nei geni coinvolti può portare a gravi conseguenze.

La diminuzione del livello di serotonina generata dall'azione dell'enzima monoaminossidasi A è associata a comportamento violento e disturbo di personalità antisociale.

L'aumento del livello di serotonina durante la vita precoce, causata dalla diminuita attività di questo enzima, sembra essere collegato al più alto rischio di comportamento violento e aggressività nell'età adulta.

Anomalie nella segnalazione di serotonina sono importanti nello sviluppo della schizofrenia. Le osservazioni delle anomalie della serotonina in pazienti con questa condizione hanno portato alla formulazione dell'ipotesi della serotonina sulla schizofrenia.

Pubblicità

Molti composti naturali e farmaceutici che agiscono sui recettori della serotonina causano una varietà di risposte comportamentali. Un recettore della serotonina sembra essere coinvolto nel meccanismo dell'LSD, uno dei più forti composti allucinogeni conosciuti.

Il legame con l'LSD causa una diminuzione generale dell'azione inibitoria del sistema serotoninergico. Alcune somiglianze tra l'esperienza mistica e gli effetti dell'LSD hanno fatto sì che gli scienziati speculassero che i cambiamenti nella serotonina sono coinvolti anche nella nostra percezione della religione.

Serotonina e comportamento suicidario

Bassi livelli di serotonina sono invece associati a depressione e comportamento suicidario.

Ci sono molti fattori genetici che portano ad un abbassamento del livello di attività serotoninergica in certe aree del cervello e che contribuiscono allo sviluppo di vari disturbi.

I ricercatori pensano che il comportamento suicidario possa essere correlato con altre caratteristiche come l'aggressività e l'impulsività, e alcuni individui sono più vulnerabili a causa del loro corredo genetico.

Alcune stime suggeriscono che i fattori genetici giocano un ruolo nel 30-50% dei suicidi. Diverse alterazioni genetiche nel gene per il triptofano idrossilasi sono state riportate come associate a comportamenti suicidari.

Questo enzima è coinvolto nella biosintesi della serotonina e pertanto le sue alterazioni genetiche possono facilmente influire sul livello di questo mediatore.

L'enzima esiste in due diverse forme. Il livello più alto di uno di questi è stato osservato in pazienti depressi che hanno tentato il suicidio.

Il trasportatore della serotonina è un'altra proteina le cui alterazioni genetiche possono causare problemi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867
Dottor Carlo Bertorello
c/o Centro Dedalus via Porta Rossa, 6 - FIRENZE
Cell.: 335 6448128

Una delle versioni comunemente osservate del gene corrispondente manca di una parte significativa coinvolta nella sua regolazione. Il calo del livello dei risultati del trasportatore della serotonina si correla anche con il comportamento suicidario, sebbene questa correlazione non sia facile da interpretare.

Il genoma umano non ha un “gene del suicidio”. Tuttavia, alcuni cambiamenti genetici, creano le condizioni per una maggiore probabilità di depressioni profonde e suicidi.

Sembra che molti di questi cambiamenti avvengano nei geni coinvolti nella regolazione della serotonina nel cervello.

Come altri disturbi psicologici, il comportamento suicidario è legato all'interazione complessa di più fattori, compresa la genetica.

In letteratura, esistono evidenze chiare che le tendenze suicide possono essere “trasmesse” da una generazione all'altra. Ma questo significa solo che gli individui con una predisposizione genetica più elevata avrebbero una probabilità leggermente maggiore di suicidarsi di fronte a eventi avversi della vita.

Ciò che rende il sistema serotoninergico particolarmente affascinante per gli scienziati è che non sembra avere un controllo diretto su nulla, ma allo stesso tempo è coinvolto in una vasta gamma di comportamenti, molti dei quali sono risposte biologiche in base ai cambiamenti e alle sfide dell'ambiente.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Iscriviti alla NewsLetter

Se l'articolo che hai letto ti è piaciuto, iscriviti gratuitamente alla News Letter per essere costantemente informato sui nuovi articoli pubblicati e sulle iniziative di Psicologi-Italiani.it
Ricezione
Professione
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo

  |   Letto: 460 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoeducazione nella relazione con il paziente

Nella relazione con il paziente, la psicoeducazione fornisce al cliente la possibilità di lavorare su deficit di abilità specifiche, correggere eventuali disinformazioni e ampliare il proprio repertorio di conoscenze su tematiche specifiche. Molte persone cercano la figura di uno psicologo e/o ...

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

Copyright © 2019 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.