Pubblicità

Conoscere il cervello: l'area di Broca

Sebbene le definizioni anatomiche dell'area di Broca non siano del tutto coerenti, si ritiene generalmente che costituiscano una parte di una regione chiamata giro frontale inferiore, che si trova nel lobo frontale.

conoscere il cervello area di brocaAlcuni ricercatori attribuiscono l'area di Broca all'intero giro frontale inferiore, mentre altri ritengono che rappresenti solo una parte del giro frontale inferiore.

Altri ancora considerano il confine dell'area di Broca espandersi leggermente al di fuori di tale porzione cerebrale.

Nella stragrande maggioranza degli individui, l'area di Broca è considerata risiedere nell'emisfero cerebrale sinistro.

Ciò è dovuto al ruolo dell'area di Broca nel linguaggio e al tipico predominio emisferico sinistro nella funzione linguistica; c'è, tuttavia, una regione corrispondente nell'emisfero destro che non si ritiene giochi un ruolo significativo nella produzione linguistica.

Nell'aprile del 1861, un uomo di 51 anni di nome Louis Victor Leborgne fu ammesso all'unità chirurgica del giovane medico di nome Paul Pierre Broca.

Leborgne aveva una grave infezione alle gambe e Broca non pensava che potesse sopravvivere. Broca manifestò un grande interesse clinico per Leborgne in quanto presentava un disturbo unico.

Il disturbo, che in seguito prenderà il nome di afasia, ha portato Leborgne ad avere un momento estremamente difficile nella produzione del linguaggio.

In realtà, l'unica parola che riusciva costantemente a generare era la parola “abbronzatura”, che spesso pronunciava in ritornelli di due parole.

Leborgne aveva pensieri che voleva comunicare, ma non era in grado di farlo.

Psicologi in evidenza
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

Usava i gesti per interagire con Broca, ma a volte si sentiva frustrato per la sua incapacità di esprimersi. Broca aveva cioè visto un'opportunità in Leborgne.

All'epoca si svolgeva un dibattito in alcuni ambienti della comunità scientifica; era incentrata sulla questione se determinate aree del cervello fossero specializzate per determinate funzioni, o se l'intero cervello fosse coinvolto nell'esecuzione di ogni funzione.

La precedente visione, a volte indicata come localizzazione della funzione, era la prospettiva verso cui si stava orientando Broca.

Una funzione che sosteneva la localizzazione per il fatto di essere localizzata era la parola. Prove precedenti avevano suggerito che la facoltà di parola potesse essere centrata nei lobi frontali.

Così, quando Broca incontrò Leborgne, vide un'opportunità per testare questa ipotesi. Dopo la morte di Leborgbe, Broca eseguì rapidamente un'autopsia. Dopo aver esaminato il cervello, Broca trovò un cratere nel lobo frontale sinistro che descrisse essere grande come un “uovo di pollo”.

La combinazione di una lesione del lobo frontale sinistro con un deficit nella produzione del discorso ha indotto Broca a riconoscere questo caso come un punto fondamentale nell'argomento della localizzazione.

Presentò il caso a gruppi di scienziati incuriositi a Parigi, e per alcuni fu la prova che li influenzò per favorire un approccio più localistico al cervello.

Pubblicità

Broca era considerato uno scienziato rispettabile e cauto, non uno che balza alle conclusioni senza un'adeguata quantità di prove. Quindi, il fatto che fosse arrivato a credere che la parola potesse essere localizzata ai lobi frontali era influente.

Tuttavia, non essendo completamente convinto da un solo caso, Broca ha continuato a cercare altri casi che riguardavano danni al lobo frontale e deficit del linguaggio dopo Leborgne.

Nel giro di un paio d'anni, ha identificato otto casi. La cosa forse più scioccante per Broca era che – in ogni caso - il danno non era solo in una posizione simile nel lobo frontale, ma era anche sempre sul lato sinistro.

L'idea che i due emisferi cerebrali fossero in qualche modo diversi era relativamente inaudita in quel momento, ma le prove cliniche avrebbero presto portato Broca a discutere di quell'ipotesi insieme alla localizzazione della parola.

La regione scoperta da Broca sarebbe prima conosciuta come la convoluzione di Broca, poi il centro di Broca, e poi - dai primi anni del 1900 - l'area di Broca.

Oltre ad essere riconosciuto come una parte importante del cervello per la produzione linguistica, l'area di Broca sarebbe un elemento critico nel dibattito sulla localizzazione della funzione.

Anche se non avrebbe concluso il dibattito sulla localizzazione, ha contribuito a convincere molti che almeno alcune funzioni sono assegnate ad aree del cervello relativamente circoscritte.

Le condizioni di Leborgne divennero note come afasia di Broca, conosciuta anche come afasia espressiva. Il suo sintomo principale è un deficit nella capacità di produrre il linguaggio, spesso qualsiasi tipo di linguaggio, compresi sia parlato che scritto.

Pertanto, la funzione primaria più spesso attribuita all'area di Broca prevede la produzione linguistica.

Non molto tempo dopo Broca, tuttavia, gli investigatori si sono resi conto che un comportamento così complesso come il linguaggio non è in grado di coinvolgere solo una piccola regione del cervello.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Pertanto, ora si ritiene che l'area di Broca abbia un ruolo importante nella produzione linguistica attraverso la comunicazione con diverse altre regioni del cervello.

Il ruolo preciso dell'area di Broca nella produzione linguistica è ancora dibattuto. In altre parole, le prove suggeriscono che il danno all'area di Broca può disturbare la produzione linguistica, ma nessuno è esattamente sicuro su quale funzione specifica della lingua venga persa per causare tale interruzione.

Alcuni hanno affermato che l'area di Broca è coinvolta nella produzione di movimenti motori che consentono di produrre parole. Altri hanno sostenuto che è coinvolta con la memoria di lavoro verbale, la sintassi, la grammatica e via dicendo.

Si pensa che l'area di Broca abbia anche una varietà di altre funzioni linguistiche e non linguistiche. Oltre alla produzione linguistica, è ormai riconosciuto che l'area di Broca svolge un ruolo importante nella comprensione della lingua.

Si ritiene che l'area di Broca sia coinvolta nel movimento e nell'azione, ed è stata trovata attiva durante la pianificazione del movimento, imitazione del movimento e comprensione del movimento di un altro.

Inoltre, è stato ipotizzato che l'area di Broca contenga neuroni specchio che si attivano durante i movimenti delle mani e delle labbra e osservando gli altri fare movimenti simili.

Sebbene alcune di queste funzioni aggiuntive legate all'area di Broca possano essere associate al ruolo della regione nel linguaggio, chiariscono anche che la funzione dell'area di Broca è molto più complessa di quanto si pensasse inizialmente.

Pertanto, il ruolo dell'area di Broca nelle funzioni linguistiche e non-linguistiche è ancora in fase di chiarimento e sarà probabilmente modificato e ampliato più volte in futuro.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 1344 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.