Pubblicità

Convertire gli eventi (la psicologia positiva)

Psicologia-positivaRicordate la famosa favola di Esopo (e Fedro) ‘La volpe e l’uva’?
Una volpe cerca di raggiungere dell’uva appesa a un’alta pergola, ma non ci riesce, allora andandosene dice: “non è ancora matura, non voglio mangiarla acerba”.

Come sappiamo, la morale di questa favola è che non potendo raggiungere l’obiettivo prefissato, lo si disprezza invece di ammettere i propri limiti e avere umiltà.
L’atteggiamento classico nei confronti della volpe è critico: è facile disprezzare qualcosa se non lo si può avere, bisognerebbe invece essere umili e ammettere che non si è riusciti ad ottenerlo.

Ora, recenti studi in psicologia (di cui sotto) mi portano a dire che la volpe possiede la capacità di essere felice, poiché accetta ciò che non può cambiare e, anzi, lo re-interpreta in modo da stare bene.
Spesso ci capita di incontrare persone che, non avendo ottenuto ciò che desideravano, anziché disperarsi, effettuano un cambiamento di prospettiva e affermano di non aver mai veramente voluto quella cosa o quella situazione.

Un esempio famoso è il musicista Peter Best che fu il batterista dei Beatles dal 1960 al 1962 quando Ringo Starr prese il suo posto e che in un intervista del 1994 afferma “Sono più felice di quanto avrei mai potuto essere con i Beatles”. 

Bene: queste persone sono vincenti, sanno modificare le proprie percezioni e emozioni in modo da sentirsi bene.

Sir Thomas Browne, scrittore e filosofo britannico, scriveva “Sono l’uomo più felice al mondo. Ho in me la capacità di convertire la povertà in ricchezza, l’avversità in prosperità. Il fato non ha un solo posto dove colpirmi.” (1643).
Lo psicologo americano Dan Gilbert dell’Università di Harvard, ha introdotto il termine di “felicità sintetica” intendendo quella felicità che creiamo quando NON otteniamo ciò che vogliamo.

Cos’è questa ‘capacità di convertire’ il negativo in positivo? E’ un meccanismo che potenzialmente tutti possediamo. Come dice Gilbert: gli esseri umani possiedono un “sistema immunitario psicologico”, ossia un sistema di processi cognitivi, per lo più non consapevoli (inconsci), che li aiutano a cambiare la loro visione del mondo al fine di stare meglio e sentirsi davvero felici anche quando le cose non vanno come avevamo programmato.
Il problema è che molti di noi non sanno di possedere questo sistema e non sanno usarlo, mentre altri, sanno cambiare le visioni della situazione in cui si trovano e, non solo, sono davvero contenti di ciò che è successo.

Gli studi che ho menzionato prima, condotti ad Harvard, sono sorprendenti.
Ne citerò uno, riprendendolo da una conferenza di Dan Gilbert. A un gruppo di persone vengono presentate sei stampe di Monet e si chiede di ordinarle secondo la loro preferenza. Si dice, poi, che è possibile avere in regalo la terza o la quarta stampa della loro classifica. Le persone scelgono la terza, poiché leggermente preferita. Dopo alcuni giorni, alle stesse persone viene riproposta la stessa serie di stampe e viene dato loro lo stesso compito. Ora, la stampa che era al terzo posto la prima volta (e che ora possiedono!), passa al secondo, mentre la stampa che era al quarto passa al quinto. Per cui il soggetto, non solo ora dice di preferire di più quella che possiede, ma addirittura sposta tra le peggiori quella che non ha scelto!
Ecco il processo di modificazione, a proprio vantaggio, di ciò che è accaduto.

Per valutare se questo sistema sia inconscio o meno, è stato effettuato un ulteriore test, ma a malati di sindrome di Korsakoff , ossia persone che non sono in grado di formare nuovi ricordi.
Quando lo sperimentatore si presenta per la seconda classificazione dopo soli 15 minuti, nessuno lo riconosce e nessuno ricorda di aver classificato le stampe di Monet.
Il risultato sorprendente è che, anche questi soggetti affetti da amnesia anterograda, spostano la stampa in loro possesso preferendola rispetto a prima, e mettono al quinto posto quella che non hanno.
Tutto ciò senza saperlo!
Essi infatti non hanno alcun ricordo delle stampe, né che ne sia stata regalata una loro.

Questo dimostra che il cambiamento delle proprie reazioni affettive avviene senza consapevolezza, esso non è in ambito del ragionamento, per intenderci, ma è inconsapevole. Questo meccanismo è diverso sia da ciò che in psicoanalisi è chiamato ‘razionalizzazione’ sia dalla cosiddetta ‘sindrome di Pollyanna’.

La prima è un meccanismo difensivo con cui si cerca di rendere accettabile all’Io (sia dal punto di vista logico sia morale) con giustificazioni e spiegazioni un’azione, un pensiero o un sentimento che causerebbe conflitto, determinando disagio e sofferenza (senso di colpa, angoscia) poiché ha motivazioni nell’inconscio (ES), quindi non accessibili alla coscienza.

La seconda, definita in psicologia cognitiva, consiste nel percepire, ricordare e comunicare in modo selettivo soltanto gli aspetti positivi delle situazioni, ignorando quelli negativi o problematici.
È una forma di ottimismo esagerato, per cui la persona seleziona solo gli aspetti positivi di ciò che le accade ed è priva di “esame di realtà”.
E’ un comportamento non adattivo, poiché in questo modo si sottovalutano le conseguenze delle azioni e non si comprende il comportamento altrui.
In questo caso la persona vive in una sorta di ‘mondo dorato’ non rispondente alla realtà e ha serie difficoltà relazionali.
Come la psicologia positiva e gli studi sul cervello hanno dimostrato, “niente è buono o cattivo se non è tale nel nostro pensiero” (Shakespeare).

 

(1) Vedi L. Anolli, L’ottimismo

 

Dott.ssa Giacomina Rienzo
psicologa-psicoterapeuta

 

 

  |   Letto: 4966 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

La mente psicoanalitica

Le persone sono in conflitto tra desideri e impulsi che la società ritiene inaccettabili, e il nostro comportamento riflette le modalità attraverso cui la nostra mente ci protegge da tali desideri proibiti. Freud è comunemente rappresentato dai media, dalle riviste scientifiche e perfino...

Terapia Comportamentale Dialettica nel Disturbo del comportamento alimentare

Sessioni individuali, sessioni di gruppo e coaching come strumenti di regolazione delle emozioni e controllo di comportamenti alimentare distruttivi La Terapia Comportamentale Dialettica (Dialectical Behavioral Therapy, DBT), rappresenta un’efficace combinazione di terapie cognitive e comportamentali, il c...

Autolesionismo e disturbi del comportamento alimentare

Relazioni familiari problematiche e autolesionismo come fattori di rischio predispondenti al comportamento suicidario in pazienti affetti da disturbo del comportamento alimentare. Una nuova ricerca effettuata presso il Dipartimento di Psichiatria infantile dell’Ospedale Universitario di Motol, Praga, h...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.