Pubblicità

Cravatta e immagine corporea

Esiste una relazione tra la cravatta e la propria immagine corporea? La scelta di una cravatta o di un papillon veicola qualche significato inconscio? Attraverso l’abbigliamento che messaggio cerchiamo di inviare?

cravatta immagine corporeaIl tema delle cravatte riceve, da parte degli uomini, una notevole attenzione rispetto alle scelte che effettuano per il loro abbigliamento quotidiano.

Per coloro la cui “divisa” è costituita da una giacca e cravatta, spesso quest’ultima può rappresentare una modalità di esprimere la propria individualità.

Nel caso del presidente Donald Trump, la decisione quotidiana comporta invariabilmente un modo stravagante di utilizzare cravatte molto lunghe.

Da un punto di vista psicodinamico, ci potrebbe essere un chiaro legame tra la cravatta, la sua lunghezza, e l’anatomia maschile. Esattamente come un simbolo fallico, un legame anomalo potrebbe quindi indicare il desiderio di un uomo di presentare la propria immagine come un vero e proprio macho.

Il papillon, al contrario, potrebbe richiamare il desiderio, in chi lo indossa, di apparire più giovane.

Da un punto di vista scientifico, nessuna ricerca ha cercato di avvalorare qualunque delle suddette interpretazioni, rispetto ai potenziali messaggi inconsci che gli uomini tentano di inviare nella loro scelta di cravatte.

L’unico riferimento riscontrato nella letteratura psicodinamica riguarda una relazione dello psicoanalista britannico Brett Kahr, il quale ha discusso il significato di un particolare legame tra la cravatta indossata da uno dei suoi clienti in terapia di coppia con la moglie.

Il cliente indossò infatti, settimana dopo settimana, sempre la stessa cravatta, insolitamente ornata con una grande immagine raffigurante una farfalla. Il terapeuta ha successivamente offerto questa interpretazione alla coppia:

“mi chiedo se, in parte, la cravatta potrebbe essere emblematica del ‘lutto’ presente in ciascuno di voi, e del vostro matrimonio, ossia la parte che è riluttante a cambiare o provare qualcosa di nuovo. Ma a giudicare dal grande colore e il modello luminoso di farfalla indossato da lei, forse trasmette anche un senso di speranza rispetto a qualcosa che potrebbe ancora emergere.”

Inoltre, indossando sempre la stessa cravatta, forse il cliente era alla ricerca di una qualche coerenza, essendo cresciuto in una famiglia che si trasferiva continuamente da una città all’altra.

Il Dottor Kahr ha esposto questo caso per illustrare il fatto che “un’osservazione su un capo di abbigliamento, veicolata con un tono di voce gentile e ‘intimo’, può produrre grandi ispirazioni per l’arricchimento del lavoro psicologico”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Sara Crudi
Via Norma Fratelli Parenti, 65/A - ROMA
Cell: 333 4514828

Questa breve vignetta illustra l’idea di come i pazienti comunichino messaggi personali attraverso la scelta dei capi di abbigliamento.

In linea con un approccio più contemporaneo della terapia psicodinamica, l’approccio di Kahr non si concentra sul potenziale significato sessuale della cravatta, ma su ciò che questa comunica sulla vita emotiva del cliente, più in generale.

Da un punto di vista scientifico, una ricerca effettuata si è però focalizzata, in particolare sulla scelta di cravatte da parte delle donne, anziché degli uomini.

In uno studio su assistenti di volo effettuato presso la University of Californial Davis, e condotto dagli psicologi Carrie Leigh Haise e Margaret Rucker, l’uso della cravatta, o di una particolare versione di cravatta, negli assistenti di sesso femminile, sembra veicolare sì un’immagine più competente, ma anche meno desiderabile.

Ovviamente l’indagine svolta riguardava l’indossare la cravatta come parte di una divisa, e non come una scelta singola legata alla moda.

La University of Minnesota ha invece sottolineato che se una donna decide di indossare una cravatta per apparire più maschile, questa sarà valutata come meno sexy rispetto all’indossare una semplice sciarpa.

Forse questo può essere il motivo per cui tante donne ora indossano sciarpe come parte del loro abbigliamento professionale e quotidiano.

Nel contesto della psicologia sociale, lo studio della scelta degli abiti tende a focalizzarsi sulla relazione con la propria immagine corporea.

Il team del Dottor Gonzalez-Himenez, ha recentemente esaminato le relazioni tra il “cosmopolitismo” e la funzione dell’abito, tenendo conto sia dell’autostima che della soddisfazione del proprio corpo.

Nel loro lavoro le persone variano nel cosmpolitismo, concentrandosi o sull’apprezzamento delle diversità culturali, o apertura mentale o interesse per l’esperienza.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Liscia
Via Gaspare Gozzi, 89 - ROMA
Cell: 347 2948154
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

I cosmopoliti scelgono un abbigliamento che è di moda e che favorisce un’espressione della loro individualità.

Coloro che presentano un elevato cosmopolitismo, secondo gli studiosi, sono maggiormente preoccupati dell’aspetto fisico e di come vogliono essere guardati dagli altri.

Per misurare tutti questi aspetti è stata realizzata una scala di 15 item al fine di valutare i 5 significati psicologici annessi all’abbigliamento: la moda, il camuffare, l’individualità, il confort, e la qualità.

Dall’analisi dei risultati è emerso che nelle donne la scelta dell’abbigliamento è legata alla moda e all’individualità, ossia come la scelta del capo veicola informazioni su di sé.

Gli uomini, invece, non sembrano fare le scelte di abbigliamento sulle stesse basi delle donne.

Tali scelte si accostano maggiormente alla propria immagine corporea, e non si è osservata una particolare funzione o utilizzo delle cravatte, da parte degli uomini, per impressionare l’altro.

Tuttavia, i ricercatori hanno concluso che “gli uomini sono consapevoli e preoccupati di come il loro corpo apparirà agli altri, e scelgono strategicamente vestiti che modificano o camuffano il loro aspetto reale”.

La cravatta, in questo contesto, potrebbe quindi essere un modo per attirare l’attenzione su un dettaglio, allontanando così l’attenzione dal corpo intero.

La psicologia ovviamente non si è ancora interessata, dunque non ha compreso appieno come le scelte della cravatta negli uomini possa veicolare significati particolare.

Tuttavia, è chiaro che la scelta della cravatta può essere utilizzata per rimandare un’immagine di sé.

Noi non possiamo sapere esattamente che cosa Trump sta cercando di comunicare con le sue cravatte extra-lunghe, ma dato il carattere distintivo del look, essa sicuramente deve avere per lui un qualche significato particolare.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 1768 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.