Pubblicità

Dare significato alle coincidenze

coincidenzeLa nostra vita è costellata di eventi che consideriamo coincidenze. La coincidenza indica due o più eventi che avvengono insieme(co-incidenza). Accadono due, o più, fatti collegati tra loro, ma in modo non causale, ossia senza rapporto di causa-effetto.

Questi eventi possono essere azioni, fatti, sogni, ricordi, frasi, letture, film, incontri, telefonate, viaggi, immagini, fotografie... Insomma, i termini della relazione che creano una coincidenza possono essere molo differenti tra loro, ma ugualmente importanti.

Alcune di queste coincidenze assumono ai nostri occhi importanza, suscitano il nostro interesse e non le consideriamo “semplici coincidenze”, ma vi intravediamo un significato. Due eventi ci paiono collegati tra loro in modo acasuale, attirano la nostra attenzione, poiché suscitano in noi un’emozione intensa.

La sensazione è quella di assistere a un piccolo miracolo, poiché la probabilità che quella contemporaneità si verificasse è statisticamente molto bassa.

Questo tipo di coincidenza “significativa” è stata studiata per primo dallo psicoanalista Carl Gustav Jung, il quale l’ha definita “sincronicità” e l’ha spiegata come “la contemporaneità di due eventi connessi quanto al significato, ma in maniera acausale”. Un evento sincronistico è una coincidenza dotata di significato soggettivo per la persona a cui accade. Per Jung una coincidenza significativa ha tre caratteristiche: 1) i fatti che la caratterizzano sono collegati senza un rapporto di causa-effetto, 2) essa è sempre accompagnata da un’intensa reazione emotiva soggettiva, 3) il contenuto dell’esperienza ha sempre un carattere simbolico. Le parole chiave sono “soggettività” e “emozione”.

Ciò che è interessante è che il considerare le coincidenze nella nostra vita, sposta il nostro punto di vista dalla logica di causa- effetto, a un’attenzione per ciò che ci succede in quanto significativo per noi. Ciò è difficile soprattutto nella nostra cultura, dove tutto ciò che accade deve essere sotto il nostro controllo e deve sempre avere spiegazioni razionali. Soffermarci sulle coincidenze significative, può invece farci concentrare sul nostro mondo interno, sul perché quella è per noi una sincronicità, che significato vi abbiamo visto e perché. Infatti l’attribuire a due eventi un carattere sincronistico, vuol dire che qualcosa è successo in noi, ci sono motivi psicologici consci, ma più spesso, inconsci, se noi l’abbiamo notato.

La coincidenza significativa si caratterizza per il tono emotivo, è accompagnata dalla sensazione di essere in presenza di qualcosa che supera i limiti umani per avvicinarsi al divino. In effetti chi l’ha provato sa a cosa mi riferisco, la sensazione è davvero quella di essere in presenza di un potere soprannaturale e c’è chi ritiene sia in effetti così!

L’accento va posto sul tipo di reazione emotiva molto particolare e profonda che il soggetto innegabilmente prova. Il suggerimento è quello di soffermarvisi. Non superare l’esperienza con cinismo, ma fermarsi a riflettere su ciò che proviamo, cercando di capire perché proprio quella coincidenza ci pare “numinosa”, ossia con un carattere quasi “divino”, che cosa possiamo capire di noi e della nostra vita attraverso di essa. E’ un’occasione che ci viene offerta per conoscerci meglio e per riconoscere un segnale circa la direzione da dare alle nostre scelte future.

Come per l’analisi dei sogni, anche le altre coincidenze, avendo un carattere soggettivo, possono essere capite solo dalla persona che le vive, solo a lei spetta svelarne il significato. E’ un’esperienza personale e il suo senso può essere deciso, in ultimo, solo da colui che ne è il soggetto-oggetto.

Cerchiamo di capire meglio. Jung osservava come, nella sincronicità, uno stato psichico sia simultaneo, avvenga insieme, ad uno o più eventi. Quindi un fenomeno interno, psichico, si collega a un evento esterno, un fatto reale. L’occasione è quella di cogliere tale collegamento e di rendere conscio un elemento inconsapevole.

Sigmund Freud comprese che l’analisi dei sogni rende conscio l’inconscio, tale affermazione può essere estesa a tutti i fenomeni di sincronicità. Ciò è particolarmente vero nei momenti di crisi. Tutti noi ci siamo ritrovati in periodi di empasse, dove prendere una decisione era molto complesso, in cui due soluzioni parevano entrambe foriere di cambiamento e di rischio. Basti pensare a crisi emotive legate alla scelta di un nuovo lavoro, all’ affrontare una separazione, un viaggio lontano dai propri cari. Ciascuno ha avuto situazioni in cui sapere cosa sia giusto per sé non era facile. In tali frangenti, notare una sincronicità può essere il modo di uscire dall’empasse.

Può accadere che un evento, oppure un sogno, un libro “fortunosamente” trovato, un’informazione ricevuta, siano la risposta che aspettavamo per prendere quella decisione importante per la nostra vita. L’occasione per effettuare trasformazioni anche radicali nelle nostre esperienze, svolte in grado di modificare in profondità il nostro mondo.

Prendiamo questo esempio tratto dalla mia esperienza come psicoterapeuta:

Una paziente sognò se stessa, sua madre e sua nonna. Pochi giorni dopo scoprì una gravidanza inattesa. La coincidenza tra il “sogno delle tre madri” e la gravidanza aiutò la donna ad accettare il suo stato, lesse il sogno come un segnale. Forse non era preparata ad essere madre a livello consapevole, ma il suo inconscio le fece capire che sarebbe stata una buona madre, le indicò di essere pronta per questa esperienza.

 Esso mostra bene come l’aver notato una coincidenza significativa, abbia assunto un significato simbolico per la persona in concomitanza con un cambiamento importante per la sua vita.

520051406_00ec5aeb99_o
Rivedendole dopo un po’ di tempo, ci si accorge che le svolte importanti della vita sono state spesso o sempre annunciate da coincidenze significative. A volte, pur avendole riconosciute, non abbiamo dato loro il giusto valore nel momento in cui accadevano, e, solo in un secondo tempo, siamo in grado di riconoscerne la rilevanza. Questo poiché tendiamo a privilegiare la razionalità e a notare solo i rapporti di causa-effetto. Spostando l’attenzione, invece, sulle relazioni acausali, possiamo riconoscere i momenti cruciali della nostra vita e avvantaggiarci di un utile punto di vista non convenzionale.

Lo scrittore Frank Joseph ci aiuta ad approfondire il significato evolutivo e “spirituale” delle coincidenze. Egli, rifacendosi al mondo greco, distingue tra “fato” e “moira” ed è a quest’ultima che ricollega il fenomeno della sincronicità.

I greci antichi distinguevano tra un destino inferiore, il fato, e un destino superiore, la moira. Quest’ultima concerne il seguire i suggerimenti del proprio cuore a dispetto delle regole, dei dettami sociali, di ciò che è ritenuto essere giusto dai più. Implica il seguire il proprio intuito, seguire la voce interiore che porta a fare ciò che si pensa adatto, ciò per cui ci si sente portati, destinati appunto. Non importa “cosa”, non importa il valore attribuito socialmente, importa l’intuitività ad esso legata. Possiamo definirla “vocazione”, è una chiamata interiore. Sta a noi accettare la chiamata, accorgercene e farla nostra volontariamente. Il fato è coercitivo, ma la moira no. Può essere la nostra occasione di “elevarci”, di seguire il nostro io profondo o anima.

Nel XXI secolo, sappiamo bene che il destino inferiore, il fato, non esiste, poiché siamo consapevoli del nostro libero arbitrio e dell’importanza che esso riveste. Se siamo liberi di decidere, se non esiste predestinazione, la responsabilità della nostra vita è nelle nostre mani. Diverso è per la moira, che invece, come si è visto, implica una scelta consapevole. Siamo noi a forgiare il nostro destino superiore.

A questo proposito studi effettuati da psicologi americani, hanno mostrato come per essere autenticamente felici, occorra esercitare le proprie potenzialità, ossia quelle capacità che ci riconosciamo e che esercitando le quali ci sentiamo pieni di energia. Quando ci si immerge in queste attività, si entra in uno stato di serenità, di forza, il tempo non esiste più, si sta davvero bene. Se ci dedichiamo a ciò che ci gratifica, la nostra vita migliora e si riempie di significato. In psicologia questo stato si chiama “flow" o esperienza ottimale.

Esistono test che aiutano a capire quali siano le potenzialità personali di ciascuno, ma anche solo dedicando un po’ di tempo, ci si può autoanalizzare e trovare, più o meno facilmente, i nostri punti di forza (“signature strenghts”). Le potenzialità personali sono molte e differenti, vanno da attività intellettuali, a capacità artistiche, sportive, spirituali, all’amore per la natura, all’impegno nel sociale, al volontariato…

Frank Joseph afferma che le coincidenze significative, indicandoci il cammino dal destino inferiore a quello superiore, ci mostrano se le attività in cui siamo impegnati sono la nostra vocazione, se siamo sulla via per il nostro “destino superiore”. Se notiamo sincronicità, possiamo avere la conferma delle nostre scelte. Come una guida che costantemente ci ricorda di seguire la voce del cuore, per trovare la nostra via autentica e crescere. Si tratta di un aiuto dal mondo interno a quello esterno e viceversa. E’ l’occasione in cui la psiche viene in aiuto al nostro scopo. Agendo a livello del non razionale, noi possiamo modificare, del tutto o in parte, il nostro “destino”, ossia possiamo partecipare alla creazione della nostra vita, sentendoci meno in balia degli eventi esterni.

Più concentriamo l’attenzione sulle coincidenze significative, più iniziamo a notarne altre e a lasciarci guidare da un senso ulteriore, l’intuito entra in gioco e trovare il significato a ciò che ci accade diviene via-via più semplice. Domandarsi “Che significato ha per me questo co-incidere di eventi?” attira la spiegazione, fornisce la risposta giusta per noi in quel momento. Così facendo, ci arricchiamo di informazioni utili per la nostra vita. Aumentiamo la capacità di comprendere la nostra via, il nostro modo di essere a questo mondo e ci sentiamo più forti e, soprattutto, più sereni.

A questo proposito, un altro aspetto da considerare è che, in una situazione di difficoltà, riconoscere una sincronicità e attribuirvi un senso, può avere, tra l’altro, un effetto catartico. La persona può, attraverso il carattere intimo e simbolico della coincidenza, capire aspetti di se stessa e delle persone a lei care, dando il via a una presa di coscienza con effetti terapeutici. Capire il significato di ciò che ci accade, può aiutare a svincolare un’emozione bloccata, dando il via a una reazione liberatoria, di scarica, “purificatrice” appunto. Può essere il momento in cui si comprendono errori commessi, fraintendimenti, colpe attribuite o lasciateci attribuire, scelte effettuate in passato e mai a pieno capite. Un’occasione per sbloccare parti più o meno profonde del nostro psichismo. Il momento per voltare pagina e cambiare, almeno in parte, la nostra vita. Un modo per agire più consapevolmente in futuro dopo aver compreso l’agire passato.

All’inizio, come per tutte le cose, non è semplice capire e, soprattutto, trovare il senso utile di ciò che ci accade, ma con il tempo diventa più immediato. Quando si nota il co-incidere di due o più eventi, bisogna sempre domandarsi qual è il messaggio contenuto in esso. Occorre ricordare che tale messaggio ci riguarda, è il nostro messaggio e che quindi è più facile comprenderlo con una sorta di illuminazione piuttosto che con un lungo scervellarsi razionale. L’intuito è un’ arma utilissima che dobbiamo imparare (re-imparare!) ad utilizzare. In effetti è probabile che, prima del predominio della scienza e del metodo scientifico newtoniano, all’intuito si desse molto valore. Sicuramente si prestava maggiore attenzione al sentire, all’emotività, al mondo interno fatto di sogni, premonizioni, sensazioni, intuizioni, sesto senso.

Appena prestiamo attenzione alla sincronicità accade che gli eventi a cui attribuire un senso aumentino, questo perché abbiamo iniziato a spostare lo sguardo dall’esterno all’interno. Siamo pronti ad abbandonare la causalità per abbracciare una visione più intima di noi stessi. Quando una serie di coincidenze si sussegue, quello è il momento per comprendere cosa sta succedendo, per scegliere il percorso adatto da seguire nella nostra esistenza. Quelli sono i segnali che noi stessi ci diamo per capire il nostro cammino. Sentire se stiamo bene, se siamo soddisfatti di noi stessi, di ciò che facciamo, oppure no. Le coincidenze notate possono confermarci le scelte o al contrario dirci che il sentiero preso al bivio non era quello adatto a noi, che è meglio tornare sui nastri passi e risintonizzarci per effettuare una scelta differente.

 Riassumendo, le coincidenze sono dunque un’occasione per:1210868224232

  1. riconoscere segnali interiori e affiancare le emozioni al pensiero;

  2. riflettere su di noi e fare un’autoanalisi;

  3. aiutare lo scioglimento di un blocco emotivo (catarsi);

  4. valutare le scelte future;

  5. cogliere un segnale per effettuare un cambiamento;

  6. trovare segni che la via che si sta percorrendo è quella giusta per noi (moira);

  7. riconoscere (unitamente ad altri elementi) lo scopo della nostra vita;

  8. affidarsi all’intuito

Chiaramente, tutti gli aspetti, o comunque molti, sono intrecciati tra loro in un unico intento di guida e aiuto per la nostra vita.

 

 

 Articolo a cura della Dottoressa Giacomina Rienzo

 

 

  |   Letto: 8642 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.