Pubblicità

Desideri parafilici: differenze di genere?

Secondo un articolo pubblicato nella rivista “Sexual Abuse: A Journal of Research and Treatment”, la presenza di una maggiore spinta sessuale negli uomini potrebbe predisporli a sviluppare dei veri e propri desideri parafilici.

desideri parafilici genereIl termine “parafilia”, significa letteralmente “al di là dell'amore tipico”.

Di conseguenza, è divenuto il termine scelto dalla psicologia per descrivere una vasta gamma di insoliti interessi sessuali.

Tuttavia, è importante notare che solo perchè qualcuno ha una parafilia, non significa necessariamente che abbiano un disturbo psicologico.

Le parafilie sono generalmente considerate clinicamente significative solo nella misura in cui sono angoscianti per l'individuo o causano danni agli altri.

Numerosi clinici hanno concluso che le parafilie sono più comuni tra gli uomini rispetto alle donne, soprattutto perchè è raro che le donne visitino psichiatri e psicologi per problemi associati a insoliti interessi sessuali.

Tuttavia, ci sono state pochissime ricerche finora sulle parafilie al di fuori dei contesti clinici che gettano luce sulla natura di questa differenza sessuale.

Di conseguenza, non è chiaro se gli uomini in generale si aprano a interessi sessuali più insoliti e, in tal caso, perchè.

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Sexual Abuse: A Journal of Research and Treatment” ha cercato di fornire una risposta.

In questo studio, 1.226 uomini e donne canadesi hanno completato un sondaggio online.

Il campione era prevalentemente femminile (58%), con la maggior parte dei partecipanti che si identificano come eterosessuali e con età compresa tra i 18 ed i 20 anni.

Il sondaggio ha indagato la vita sessuale dei partecipanti ed il grado in cui si sentivano attratti o respingevano 14 diverse parafilie.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giulia Poddi
Via Enrico Costa, 18 - CAGLIARI
Cell: 333 9089506
Dottor Sergio Chieregato
Via Cernaia, 30 - TORINO
Cell: 335 6343021

Le parafilie includevano:

  • Voyeurismo: osservare una persona ignara quando è nuda, si spoglia o fa sesso;
  • Esibizionismo: esporre i propri genitali ad una persona ignara;
  • Scatologia telefonica: fare telefonate oscene;
  • Feticismo: uso di oggetti inanimati come scarpe o stivali;
  • Travestitismo: indossare abiti appartenente al sesso opposto, anche conosciuto come Cross-dressing;
  • Frotteurismo: strofinare le proprie parti genitali contro una persona ignara in pubblico, ad esempio in metropolitana o ascensore;
  • Sadismo sessuale: infliggere danni e umiliazioni ad un'altra persona traendone piacere sessuale;
  • Masochismo sessuale: infliggere o farsi infliggere dolore fisico o psicologico;
  • Biastofilia: eccitazione sessuale ottenuta aggredendo in modo carnale una persona non consenziente;
  • Urofilia: nota anche come pissing, consiste nell'urinare sul partner;
  • Scatofilia: è una parafilia che ha per tema centrale le deiezioni;
  • Ebefilia: attrazione sessuale per bambini pubescenti con età compresa tra 11 ed i 13 anni;
  • Pedofilia: attrazione sessuale verso bambini pre-puberi;
  • Zoofilia: attrazione sessuale verso animali.

Ognuna di queste parafilie è stata valutata su una scala da -3 (vera repulsione) a 0 (indifferente) a +3 (molto eccitato).

Il punteggio medio per ogni parafilia era negativo sia per gli uomini che per le donne, il che ci dice che, in generale, le persone provavano più repulsione che eccitazione da ciascuna parafilia.

Tuttavia, gli uomini, avevano punteggi significativamente meno repulsivi delle donne, in media, per 12 delle 14 parafilie: gli uomini e le donne non differivano solo per la parafilia del sadismo e masochismo.

Detto questo, c'erano alcuni uomini e donne che riferivano che il pensiero di ogni parafilia era eccitante.

Tra coloro che hanno trovato una data parafilia eccitante (cioè coloro che hanno fornito punteggi numerici maggiori di zero), gli uomini in genere erano più numerosi delle donne.

Ad esempio, mentre il 52% degli uomini riteneva che la prospettiva del voyeurismo fosse almeno leggermente eccitante, il numero di donne testate era molto più basso (26%).

Pubblicità

Allo stesso modo, il 28% degli uomini ha riscontrato che il feticismo fosse eccitante rispetto all'11% delle donne, mentre l'8% degli uomini si sentiva stimolato dall'urofilia, rispetto a meno dell'1% delle donne.

Quindi, come spieghiamo che i valori di eccitazione e repulsione differiscono così tanto tra i sessi?

Gli autori del presente studio hanno testato diverse possibili spiegazioni, tra cui la possibilità che gli uomini siano più impulsivi.

Nello specifico, hanno scoperto che gli uomini tendevano ad avere impulsi sessuali più forti rispetto alle donne, e questa differenza rappresentava statisticamente l'associazione tra sesso (maschile VS femminile) ed eccitazione parafilica.

In altre parole, i risultati hanno suggerito che la maggiore spinta sessuale degli uomini potrebbe predisporli a sviluppare interessi sessuali insoliti.

Le modalità con cui questo studio ha indagato “l'eccitazione sessuale” ha davvero implicato la valutazione dell'ipersessualità e del comportamento sessuale compulsivo, ad esempio, impulsi e comportamenti sessuali che causano interferenze nella vita quotidiana.

Quindi, quando si parla di “elevata eccitazione sessuale” in questo studio, gli autori stanno realmente facendo riferimento a soggetti che hanno impulsi e comportamenti sessuali che sfuggono al loro controllo, al contrario di un semplice desiderio sessuale.

In breve, i risultati di questo studio confermano ciò che molti psicologi hanno affermato sulla base di campioni clinici, ovvero che gli uomini hanno maggiori probabilità di avere desideri parafilici rispetto alle donne, ma questo studio fa un ulteriore passo in avanti evidenziando che potrebbe esserci una differenza nel desiderio e compulsività sessuale che spiega perchè gli uomini e le donne si differenziano così tanto quando si parla di parafilie.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 149 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...