Pubblicità

Dinamiche familiari e relazione di coppia

Secondo la Dottoressa Firestone esistono tre modalità apprese durante l'infanzia che possono influenzare i modelli relazionali di coppia:la selezione, la distorsione e la provocazione.

dinamiche familiari coppiaQualche anno fa stavo parlando con il mio amico e collega Daniel Siegel, leader nel campo della neurobiologia interpersonale; stavamo discutendo su come e perchè le persone si trovano bloccate in determinati modelli di relazione”, dichiara la Dottoressa Lisa Firestone, psicologa clinica e Direttrice del Research and Education for the Glendon Association.

Il Dottor Siegel ha spiegato che i nostri cervelli sono effettivamente cablati per ricreare le condizioni del nostro passato.

Le nostre prime esperienze aiutano a stabilire reti neurali che, a livello sinaptico, ci portano a stimolare in un secondo momento un ambiente che fornirà un feedback familiare.

Anche quando i primi legami di attaccamento erano tesi e pieni di difficoltà, l'instaurarsi di relazioni future ri-attiva quegli stessi schemi.

Questo avviene automaticamente, generando un modo di essere nel mondo”, ha dichiarato il Dottor Siegel. “Crei il tuo incubo ricreando il tuo passato”.

Questa realtà cerebrale non significa che siamo tutti condannati; “Quando guardiamo alla connessione tra il cervello, la mente e le relazioni, in realtà vediamo una finestra di opportunità per la trasformazione”, prosegue il Dottor Siegel.

Le persone possono apprendere nuovi modi di essere e di relazionarsi, e possono farlo nel momento in cui acquisiscono consapevolezza di come le loro esperienze passate modellino il comportamento attuale.

Come ha proseguito nella sua spiegazione, “la mente può effettivamente cambiare gli schemi cerebrali”, ma per farlo, bisogna dare un senso e comprendere da dove provengono tali schemi e come potrebbero ferire o limitare le relazioni interpersonali.

Le prime relazioni di attaccamento aiutano a stabilire come ci si sente rispetto a sè stessi e come crediamo che dobbiamo comportarci per ottenere ciò che vogliamo e di cui abbiamo bisogno nella vita e nelle relazioni.

Al fine di mantenere le manovre difensive originariamente sviluppate per adattarsi all'ambiente iniziale, si cercano situazioni che ricreano un ambiente in cui tali difese siano ancora appropriate.

Nel processo, si riaffermano i vecchi sentimenti su sè stessi, spesso confermando un'identità negativa che ci è stata conferita durante l'infanzia.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Da adulti, ripetiamo spesso dinamiche del nostro passato senza nemmeno saperlo; questo è particolarmente vero nelle nostre relazioni intime.

Spesso, agiremo in modi che potrebbero essere stati adattivi durante l'infanzia, ma che nel presente feriscono. Possiamo ripetere modelli distruttivi di cui siamo stati testimoni o esperti, imitando un genitore o un modello di ruolo significativo.

Potremmo comportarci in modi che perpetuano scenari familiari, cioè litigare, piagnucolare o chiudersi proprio come si faceva da bambini.

Possiamo scegliere partner che si adattino alle caratteristiche della nostra storia, oppure proiettare questi tratti su un partner, provocandolo e coinvolgendolo in una dinamica distruttiva. Queste ultime tre tendenze sono indicate come selezione, distorsione e provocazione.

Capire come operano può quindi favorire una comprensione del perchè continuiamo a trovarci nelle stesse insidie della relazione.

La selezione

Quando scegliamo qualcuno con cui intraprendere una relazione, questa stessa scelta ha a che fare con la nostra storia più di quanto possiamo pensare. Sia che le nostre attrazioni sembrino misteriose o totalmente ragionevoli per noi, ci sono spesso elementi invisibili in gioco che ci trascinano verso individui che ci ricordano elementi del nostro passato.

Siamo spesso attratti da partner che ci permettono di rivivere modelli negativi, che possono essere stati dolorosi ma anche confortevoli e familiari.

Ad esempio, se ci sentivamo ignorati da bambini, possiamo cercare relazioni con persone che sono meno disponibili; se ci sentivamo “invasi”, potremmo finire con partner che cercano di controllarci.

A volte tendiamo a provare un'attrazione verso le persone che hanno qualità simili a quelle dei nostri genitori, o che ci fanno sentire in modi simili a come ci sentivamo durante l'infanzia.

Questo tipo di ri-creazione basata sulla selezione avviene in molte relazioni e secondo diverse modalità.

Una donna con cui la Dottoressa Firestone ha lavorato, sosteneva di essere attratta da uomini che erano “misteriosi” e che avevano uno sguardo “freddo e distaccato”. Si sentiva attratta da questo tipo di atteggiamento.

Tuttavia, dopo aver intrapreso una relazione con uno di questi uomini, si sentiva frustrata dal loro modo di essere distante, sprezzante o rifiutante. Aveva difficoltà a riconoscere quanto fosse “sconvolta” dai tratti che l'avevano affascinata, fino a quando non ha riflettuto sulla sua infanzia, in cui entrambi i genitori e suo fratello presentavano queste stesse caratteristiche.

Pubblicità

Nessuno nella sua infanzia le aveva infatti parlato apertamente o manifestato calore e affetto. Si sentiva isolata e abbandonata durante la crescita e così, da adulta, sceglieva partner che ri-creavano lo stesso clima emotivo.

La distorsione

A volte, anche quando entriamo in una relazione sana con una persona che ha qualità positive, ci ritroviamo a vedere il partner in modi che corrispondono al nostro passato.

La Dottoressa Firestone racconta di un suo paziente, la cui infanzia era stata caratterizzata da genitori possessivi e opprimenti; sentiva ovviamente delle attrazioni verso le donne, ma nel momento in cui l'altra persona iniziava a mostrare interesse per lui, immediatamente la curiosità e l'attrazione svaniva.

Quando una donna esprimeva il suo interesse per lui, iniziava a sentirsi soffocato e la percepiva come disperata, aggressiva e bisognosa. Nel momento in cui questa faceva un passo indietro o perdeva l'interesse, la sua attrazione si risvegliava.

Si rese presto conto che questa distorsione sulle potenziali partner stava limitando la sua capacità di avvicinarsi a chiunque e che, in effetti, stava ricreando un ambiente in cui si sentiva sopraffatto e intrappolato.

La provocazione

Oltre a scegliere partner che ci ricordano i nostri schemi passati, a volte si provoca il partner per ripristinare le dinamiche familiari vissute. Questo non è un qualcosa che facciamo consapevolmente, ma la nostra tendenza a generare il clima emotiva della nostra infanzia può infiltrarsi nel nostro modus operandi.

Ad esempio, se siamo stati spesso criticati come bambini e trattati come se fossimo incompetenti, potremmo essere consapevoli di sentirci feriti da parole di questo tipo nel corso della vita.

Tuttavia, siamo meno consapevoli dei modi in cui possiamo inconsciamente cercare di perpetuare questa immagine di noi stessi.

Nella nostra relazione, possiamo improvvisamente iniziare a dimenticare di occuparci delle cose che abbiamo detto che avremmo fatto.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Potremmo presentarci tardi o diventare pigri e resistenti all'aiuto; potremmo comportarci attivamente in modo irresponsabili o negligente, portando l'altro ad affrontarci.

Senza rendercene conto, intraprendiamo azioni che spingono l'altro a trattarci allo stesso modo di come succedeva da bambini.

Ci sono molti modi in cui queste dinamiche involontarie possono svolgere un ruolo, ma guardare al passato può far luce sui modi in cui abbiamo imparato a comportarci nelle relazioni e su ciò che abbiamo imparato ad aspettarci dall'altro.

Creando una narrazione coerente delle nostre esperienze, possiamo ottenere informazioni su come inavvertitamente ri-creiamo il nostro vecchio ambiente emotivo.

Possiamo quindi iniziare a separare il passato dal presente e prendere decisioni più consapevoli su come vogliamo essere nelle nostre relazioni.

Con chi vogliamo stare? Che tipo di interazioni vogliamo avere? Come possiamo avvicinarci ai nostri obiettivi senza ricorrere a vecchi schemi che ci portano dove abbiamo iniziato?

Questo processo di differenziazione dal passato per realizzare il proprio vero Sè permette di essere più vulnerabili e aperti ad un'altra persona.

Possiamo quindi imparare a crescere nelle nostre relazioni, forgiare il nostro destino e forse persino usare le nostre menti per cambiare il nostro cervello.

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3901 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.