Pubblicità

Dovete dire al vostro capo che avete sbagliato un lavoro? State attenti alle emozioni!

Uno studio dimostra come le emozioni influenzino la reazione di un capo di fronte al fallimento di un suo impiegato.


sbagliare lavoroPrima o poi, tutti facciamo degli errori sul posto di lavoro
Ma c’è un modo giusto per spiegarlo al proprio capo?

In un articolo, pubblicato da “Europe’s Journal of Psychology”, i Dr. David e Hareli Shlomo e la Dr. essa Ursula Hess hanno studiato se mostrare un’emozione (o la sua mancanza) e se ammettere le proprie responsabilità, incolpare qualcun altro o dare una risposta ambigua possano influenzare la credibilità del racconto dell’impiegato e le sue possibilità di essere licenziato o avere una promozione.

Gli studi ed i risultati.

I ricercatori hanno selezionato  degli allievi dalla Business School della University of Haifa, in Israele, per partecipare ad un esperimento online, presentato in due versioni.

Nel primo studio, 416 partecipanti lessero di un aggiornamento dei software di un ufficio andato terribilmente male: dopo di esso, l’intero sistema del cliente subì un guasto e rimase inoperativo per alcune ore, causando a questi un danno considerevole.
Ai partecipanti fu comunicato che il tecnico incaricato dell’aggiornamento era una persona affidabile.

In seguito, videro un video di un attore maschio, addestrato a fare la parte dell’impiegato, e a porre la domanda “Secondo voi cosa ha causato il problema?”. In esso, l’attore mostrava rabbia, vergogna o un’emozione neutra. Egli, inoltre, poteva ammettere la sua responsabilità, dicendo di aver saltato la corretta procedura diagnostica perché era un’istallazione di routine, incolpava il suo supervisore per avergli detto di fare così, oppure dava una risposta ambigua, dicendo che non sapeva cosa fosse successo.

Dopo aver visto i video, i partecipanti valutarono quanto credevano a quanto detto dall’impiegato ed indicarono se gli avrebbero dato una promozione in futuro, o se l’avrebbero licenziato immediatamente.

I ricercatori hanno trovato che, se l’attore mostrava poche emozioni, o nessuna, indipendentemente da cosa dicesse effettivamente, egli era considerato più credibile, rispetto a quando esternava vergogna o colpa, e c’erano anche maggiori probabilità che i partecipanti scegliessero di promuoverlo in futuro.

I Dr. Shlomo e colleghi spiegano che le norme inerenti il posto di lavoro valorizzano un’emotività neutra, l’obiettività e la professionalità. Ammettere la colpa, in questo contesto, può generare più fiducia, favorendo una probabilità maggiore di ottenere una promozione in futuro, perché sentirsi in colpa “segnala non solo che una persona ha compreso di aver compiuto un misfatto, ma anche che ha intenzione di fare meglio in futuro”.


Nel loro secondo studio, invece di dire ai partecipanti che l’impiegato era affidabile, gli studiosi rivelarono ad una metà di loro che un altro “impiegato” aveva confermato la spiegazione fornita nel video.

Come nel primo studio, i ricercatori hanno trovato che nascondere le emozioni e comportarsi in modo neutrale aumentava la credibilità delle affermazioni dell’attore: i partecipanti, infatti, avevano più probabilità di dire che in futuro gli avrebbero dato una promozione, piuttosto che licenziarlo per quell’errore.
Inoltre, l’impiegato era giudicato più credibile quando ammetteva la colpa per l’accaduto, ma ciò aveva un costo: i partecipanti, infatti, affermavano, in questo caso, che l’avrebbero licenziato immediatamente. Quindi, a differenza di quanto emerso nel primo esperimento, manifestare il proprio senso di colpa per quanto accaduto non garantiva la possibilità di essere promossi in futuro.

Insomma, sapere che un altro impiegato confermava il racconto aumentava la credibilità delle affermazioni del primo, ma, cosa interessante, questo era particolarmente vero se egli appariva arrabbiato: i partecipanti, infatti, tendevano a non avere fiducia dei resoconti degli impiegati arrabbiati, a meno che un altro testimone non confermasse la loro versione, poiché la rabbia è considerato, spesso, un “comportamento sospetto” nel contesto lavorativo e potrebbe essere “vista come uno sforzo per difendersi e distogliere l’attenzione dalla propria colpa”.


Conclusioni.

Poiché lo studio ha usato solo un attore maschile in un’unica situazione, è possibile che con delle impiegate di sesso femminile, o in un contesto lavorativo diverso, i risultati possano essere interpretati in altri modi.

Complessivamente, i Dr. Shlomo e colleghi conclusero che mostrare le proprie emozioni,  nel proprio ambiente lavorativo, dopo un aver fallito un compito, viene interpretato, spesso, come segno di inganno: anche se gli individui potrebbero usarle in modo genuino, per enfatizzare i loro punti di vista, esse, infatti, potrebbero influenzare in senso negativo la credibilità di quanto costoro affermano.

I ricercatori sottolineano, quindi, che i manager dovrebbero tener conto di questa dinamica, prima di prendere delle decisioni importanti, di fronte all’errore commesso da un loro impiegato.
    
            

 

 

Fonte: PsychologicalScience.org

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1499 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Psicologo del marketing e della comunicazione

Lo psicologo della comunicazione e marketing è un laureato in psicologia, abilitato dall'Esame di stato all'esercizio della professione, iscritto all’Albo degli psicologi nella sezione A. Deve essere capace di operare in completa autonomia professionale e di instaurare una collaborazione paritaria con a...

La psicoterapia nell’ambito delle neoplasie

L’importanza del supporto psicologico e del lavoro di èquipe nel paziente oncologico Il cancro, come patologia cronica, può determinare diversi cambiamenti nello stile di vita di una persona,  tale da andare ad ripercuotersi su tutto il contesto fisico, sociale e psicologico di chi si "scontra" con ...

Wilfred Bion e la Rêverie

Aspetti teorici della teoria Bioniana: rêverie, gruppo di lavoro, assunti di base, sistema proto-mentale, elementi-beta, funzione alfa, schermo beta, trasformazioni. Per comprendere il concetto di Rêverie è bene effettuare un excursus rispetto alla teoria e al pensiero di Wilfred Bion. Ne...

La personalità istrionica

Gli individui che presentano un disturbo istrionico di personalità sono continuamente alla ricerca di attenzione, sono caratterizzati da emozioni eccessive e una tendenza a considerare e vivere le persone o situazioni in modo emotivo. La parola personalità descrive modelli di comportamento ra...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.