Pubblicità

È possibile generare falsi ricordi?

Diverse ricerche hanno evidenziato che l'uso massivo di alcune tecniche quali ipnosi regressiva, immaginazione guidata ed interpretazione dei sogni potrebbe generare nei clienti dei falsi ricordi.

è possibile generare falsi ricordiI recenti resoconti dei media hanno sollevato interrogativi su alcune tecniche utilizzate in psicologia attraverso le quali diverse persone denunciano abusi sessuali storici contro figure pubbliche di spicco.

In particolare, è stato suggerito che alcune tecniche psicoterapeutiche corrono un alto rischio di generare involontariamente false memorie, conosciute anche con il termine di falsi ricordi.

Quando si parla di false memorie o falsi ricordi si fa riferimento a ricordi di eventi che sono o grossolanamente distorti o che non hanno mai avuto luogo.

È bene però chiedersi come mai esistono tali paure intorno a questo tipo di tecniche psicoterapeutiche.

Le tecniche utilizzate per recuperare i ricordi presumibilmente repressi possono includere la regressione ipnotica, l'immaginazione guidata e l'interpretazione dei sogni.

Gli psicoterapeuti coinvolti possono ritenere che i ricordi di esperienze traumatiche siano automaticamente relegati nell'inconscio attraverso l'azione di un meccanismo di difesa noto come repressione.

Possono quindi pensare che, sebbene tali ricordi non possano più essere richiamati coscientemente, esercitano ancora un'influenza dannosa, che genera una vasta gamma di problematiche psicologiche comuni come ansia, depressione, bassa autostima e disturbi del comportamento alimentare.

Si sostiene che l'unico modo per affrontare questi problemi psicologici è quello di recuperare le memorie o i ricordi repressi e “lavorarci” attraverso la guida di un abile psicoterapeuta.

Tali credenze e pratiche sono comunemente utilizzate nei paesi Occidentali, negli Stati Uniti e nel Regno Unito.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

In realtà, la letteratura non ha ancora fornito alcuna prova credibile per il funzionamento della nozione psicoanalitica della repressione, pertanto alcuni ricercatori hanno sollevato il dubbio circa la possibilità che tali condizioni psicoterapeutiche si pongano come ideali per la generazione di falsi ricordi.

E' bene sottolineare che dimenticare il trauma è raro. Le prove dimostrano che, in generale, le esperienze traumatiche sono molto più suscettibili di essere ricordate che dimenticate.

Vi sono però alcune eccezioni a questa generalizzazione. Ad esempio, è improbabile che i ricordi di qualsiasi esperienza che si verifica durante i primi anni di vita siano consapevolmente accessibili nell'età adulta.

Ciò è dovuto al fenomeno dell'amnesia infantile; il cervello di un bambino non è abbastanza maturo dal punto di vista fisico per deporre dettagliati ricordi autobiografici in quella fase della vita.

Allo stesso modo, un trauma fisico al cervello in età adulta, a seguito di un incidente o evento traumatico, può impedire il consolidamento dei ricordi del trauma.

Anche i ricordi inerenti a determinate esperienze traumatiche in età adulta possono risultare distorti o incompleti.

La memoria non funziona come una videocamera, registrando fedelmente ogni dettaglio di un'esperienza. Al contrario, la memoria è un processo ricostruttivo.

Ogni volta che ricordiamo un evento, la memoria si baserà su tracce mnestiche più o meno accurate, ma la mente spesso colmerà automaticamente qualsiasi lacuna senza avere una chiara consapevolezza di tale processo.

Pubblicità

In generale, ricordiamo l'essenza ma non i dettagli. Tuttavia, in determinate circostanze, possiamo sviluppare ricordi completamente falsi per eventi che non hanno mai avuto luogo.

Questa scoperta contro-intuitiva è stata dimostrata in centinaia di studi scientifici ben controllati utilizzando un'ampia varietà di metodi.

Ad esempio, i volontari potrebbero essere intervistati ripetutamente riguardo ad eventi che i loro genitori hanno confermato di aver vissuto durante i loro primi anni. Senza la conoscenza dei volontari, tuttavia, è stato incluso un evento aggiuntivo che i loro genitori hanno confermato di non aver mai vissuto, come perdersi in un centro commerciale all'età di cinque anni.

Nella ricerca pioneristica che utilizzava questa tecnica, la psicologa americana Elizabeth Loftus scoprì che circa un quarto dei volontari sviluppava falsi ricordi parziali o dettagliati di questo tipo.

In un'altra ricerca, ai volontari è stato chiesto se un certo numero di eventi dell'infanzia abbastanza comuni gli fosse mai accaduto personalmente.

In un altro studio apparentemente non correlato, è stato poi chiesto loro di immaginare alcuni degli eventi che inizialmente avevano detto di non aver mai vissuto. Più tardi, sono stati nuovamente interrogati sugli eventi della lista originale. Questa volta, erano più propensi a riferire che gli eventi che immaginavano fossero realmente accaduti.

In alcuni casi, i risultati di tali studi possono essere alquanto sorprendenti.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458

Ad esempio, un recente studio di Julia Shaw e Stephen Porter ha rilevato che il 70% dei partecipanti ha sviluppato falsi ricordi inerenti l'aver commesso un grave crimine - come l'aggressione con un'arma.

Ovviamente, questo pone un nuovo quesito, ossia quali possono essere le condizioni per creare falsi ricordi?

La comprensione attuale circa i falsi ricordi è abbastanza avanzata da poter specificare in modo alquanto preciso le migliori condizioni in base alle quali verranno generate.

Si scopre che queste condizioni corrispondono esattamente alle condizioni in cui si sono utilizzate massivamente le tecniche sopracitate.

Già nel 1994, Stephen Lindsay e Don Read riassumevano i pericoli del “lavoro sulla memoria” in psicoterapia alla luce di ciò che si conosce circa la distorsione della memoria a partire dalle ricerche sperimentali.

Hanno quindi enunciato quattro criteri:

Le forme estreme di lavoro sulla memoria attraverso alcune tecniche psicoterapeutiche combinano virtualmente tutti i fattori che hanno dimostrato di aumentare la probabilità di falsi ricordi o convinzioni illusorie: un'autorità fidata comunica una giustificazione per la plausibilità di ricordi nascosti di un trauma infantile di lunga data ( molti clienti hanno ricordi nascosti, hanno sintomi psicologici, sintomi fisici e sogni li dimostrano, e che il dubbio è un segno di 'rifiuto'); un'autorità fidata fornisce la motivazione per tentare di recuperare tali ricordi (la guarigione è contingente al recupero di memorie nascoste); il cliente viene ripetutamente esposto a informazioni suggestive da più fonti (aneddoti nei libri popolari, altre storie di sopravvissuti, commenti ed interpretazioni offerti dal terapeuta, e così via), fornendo un 'copione' per recuperare ricordi e suggerimenti su dettagli particolari; e infine tecniche come l'ipnosi e l'immaginazione guidata migliorano l'immaginazione ed il criterio di risposta in modo tale che le persone siano più disposte ad interpretare pensieri, sentimenti e immagini come ricordi”.

Alla luce di quanto esposto, non volendo attuare nessuna forma di “denigrazione” nei confronti delle suddette tecniche psicoterapeutiche, è bene comunque sottolineare l'importanza di una presa di consapevolezza circa la possibilità dell'influenza che si potrebbe esercitare sui clienti.

La presunta influenza non può certo essere stimata con certezza in quanto variabile da individuo a individuo.

Ciò che si raccomanda è un agito psicoterapeutico moderato e cautelativo in tutte quelle situazioni in cui gli aspetti immaginativi fungono da supporto per il recupero di memorie traumatiche o presumibilmente perdute.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 527 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.