Pubblicità

Ecco il vero segreto per scoprire le bugie!

Una tecnica semplice per capire se una persona ti sta mentendo.


mentire bugieFino ad ora, la ricerca non è riuscita ad indicare un metodo che permetta di rilevare con precisione le bugie.

Nonostante tutti i consigli che si trovano in giro su come individuare i bugiardi, è emerso, studio dopo studio, che è veramente difficile capire quando qualcuno ci sta mentendo.

I test precedenti, che prevedevano di guardare dei video sui soggetti sospetti, hanno trovato che individui esperti, e non, riescono nell’intento in circa il 50% dei casi: in altre parole, potreste anche lanciare una moneta per capire se l’altro vi sta ingannando!

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275


Il nuovo studio.


Tuttavia, un nuovo studio, pubblicato su “Human Communication Research”, ha trovato che un processo di interrogatorio attivo produceva risultati quasi perfetti, poiché si riusciva ad individuare correttamente il 97,8% dei bugiardi.

Quindi, il processo di individuazione della bugia non avrebbe niente a che fare con quanto supposto finora, come il fatto che chi mente tenda ad evitare il contatto visivo, o il dover monitorare la sua particolare sudorazione.
Tutto quello che bisogna fare è domandare!


I risultati.


Nella serie di studi, i partecipanti furono sottoposti ad un gioco a quiz, durante il quale veniva segretamente offerta loro la possibilità di imbrogliare.

Così, in uno degli esperimenti il 12% dei soggetti imbrogliò, mentre nell’altro scelse di farlo il 44,9% di essi.

I partecipanti furono, poi, intervistati, usando una serie di tecniche di interrogatorio attivo.

Per un gruppo, i ricercatori si servirono della Reid Technique, impiegata da diversi professionisti delle forze dell’ordine in Nord America, la quale comprende tattiche, come presupporre che il sospettato sia colpevole, allontanarne la colpa e porre domande precise quali “L’hai pianificato o è semplicemente accaduto?”.

Questa tecnica fu efficace al 100%, poichè tutti i 33 partecipanti colpevoli ammisero il loro “crimine”.

Un secondo gruppo fu intervistato da agenti federali americani con un’esperienza fondamentale negli interrogatori.

Essi furono capaci di individuare correttamente il 97,8% delle persone che imbrogliarono durante il gioco, cioè tutti tranne due delle 89 persone.

Bisogna tener presenti due cose, però:

-    I critici della Reid Technique dicono che essa può condurre a false confessioni.

-    I partecipanti in questo studio non avevano così tanto da perdere ammettendo la loro colpa: non era come se avessero ucciso i loro compagni!


L’interrogatorio attivo.


Tuttavia, il fattore importante è stato che le domande furono poste in modo attivo, proprio come nei veri interrogatori.

Il Professor Timothy Levine, della Michigan State University, autore dello studio, ha spiegato:
Questa ricerca suggerisce che interrogare in modo efficace è cruciale per il rilevamento dell’inganno.
Porre delle domande non ben strutturate può effettivamente rendere molto difficile rilevare con esattezza una bugia e, d’altro canto, si può far apparire colpevoli le persone oneste.
Ma apportarvi dei cambiamenti, apparentemente minori, può realmente aumentare la precisione, anche nelle interviste brevi.

Ciò ha enormi implicazioni per la cognizione e l’applicazione della legge”.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113

Il professor Levine crede, sostanzialmente, che le bugie siano così difficili da rilevare in parte per il fatto che nella vita normale di tutti i giorni abbiamo un presupposto di onestà.

“Il presupposto di onestà è altamente adattivo.
Esso permette una comunicazione efficiente ed ha senso perché la maggior parte della comunicazione è onesta per la maggior parte del tempo.

Comunque, il presupposto di onestà rende gli uomini vulnerabili ad ingannare gli altri in modo occasionale”.

 

Capire se una persona ci sta mentendo è una delle cose più difficili in assoluto.
Ma, da quanto emerge dallo studio, la chiave per rilevare le bugie potrebbe essere assumere che qualcuno ci stia ingannando ed interrogarlo sulla base di questo assunto.
   

 

Fonte: Psy Blog

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2065 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

L’ipnosi: una tecnica sottostimata

Nonostante non sia ancora una tecnica la cui efficacia è supportata da prove scientifiche, essa si rivela utile nel trattamento e gestione di diverse problematiche psicologiche. Il Dottor Robert Landon, psichiatra e psicologo da oltre trent’anni ritiene che l’ipnosi sia una tecnica ad oggi...

Mentire in terapia

Perchè i clienti mentono durante la terapia? Perchè mentire su problemi che si cercano di trattare? Cosa può fare lo psicologo o il terapeuta a riguardo? Secondo il Dottor Ryan Howes, le persone mentono quando si trovano sul divano o le poltrone dei propri terapeuti. Succede spesso, e a...

La terapia per la risoluzione dei conflitti

La terapia per la risoluzione dei conflitti, ideata dalla Dottoressa Susan Heitler è una forma di trattamento in cui si cerca di insegnare alle persone abilità efficaci per risolvere i conflitti in qualsiasi situazione. La terapia per la risoluzione dei conflitti (Conflict resolution Therapy), ...

Betty Joseph

Betty Joseph, psicoanalista e membro della British Psychoanalytical Society, credeva che solo prestando la più rigorosa attenzione a ciò che il paziente non sta solo dicendo, ma facendo nella seduta analitica, insieme al controtransfert dell'analista, poteva emergere la realtà psichica. ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.