Pubblicità

Fantasie erotiche: il buono, il brutto e il cattivo!

Mentre le fantasie erotiche categorizzate come buone sono legate ad una considerazione di sé positiva, i desideri sessuali classificati come brutti e cattivi richiamano invece i sentimenti di colpa e di vergogna.

Fantasie erotiche Buono brutto cattivoUna vibrante vita erotica richiede una certa sinergia tra le nostre fantasie e desideri di ciò che è buono, brutto e cattivo; le nostre fantasie sessuali forniscono infatti una finestra della nostra vita interiore: chi vogliamo essere, così come chi abbiamo paura di essere.

In qualità di psicologo, il Dottor Max Belkin, invita spesso i suoi pazienti ad esplorare il loro comportamento sessuale e le proprie fantasie erotiche come riflesso della loro educazione, bisogni emotivi e modelli relazionali.

Insieme si cerca di dare voce alle parti trascurate e rinnegate del loro Sé erotico, favorendo un’integrazione tra la componente amorevole, tenera e aggressiva, così come delle fantasie stravaganti che subentrano nelle loro relazioni erotiche.

Durante la crescita, si impara a categorizzare le fantasie, nel senso che alcune vengono considerate come buone e accettabili, altre come cattive e inaccettabili, e infine altre come brutte e indicibili.

Come risultato, mentre le fantasie erotiche categorizzate come buone sono legate ad una considerazione di sé positiva, i desideri classificati come brutti e cattivi richiamano invece i sentimenti di colpa e di vergogna.

Per esempio, un paziente uomo può presentarsi come una persona tutta d’un pezzo, ipermascolina, ma si impegna tuttavia e regolarmente in relazioni sessuali con uomini gay.

Al fine di evitare il senso di colpa e la vergogna, il soggetto tende a valutare le sue azioni come qualcosa di sgradevole, piuttosto che inquadrarle come desideri che fanno parte di lui.

Non a caso, quando ha sviluppato sentimenti più profondi verso uno di questi uomini, il loro contatto sessuale è cessato; il conflitto presente vede quindi da una parte un agito esterno dei suoi desideri erotici, che però sono considerati come brutti, e che pertanto non possono essere accettati perché minacciano la sua identità di uomo tutto d’un pezzo.

Le fantasie erotiche considerate “buone” non solo aiutano a creare e mantenere le versioni idealizzate dei nostri partner, ma aumentano anche l’autostima.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Beatrice Bonechi
Via Aretina, 251/A - FIRENZE
Cell.: 338 2496662
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

Ad esempio, il protagonista Johnny del film “Vertigo” di Hitchcock, si ritrova irresistibilmente attratto dalla misteriosa, bella e mentalmente fragile Madeleine; l’infatuazione di Johnny con Madeleine gli permette di personificare più ruoli contemporaneamente, come il detective, l’analista e l’amante, rinforzando così la percezione maschile di sé.

Al contrario, nel film “Rebecca” , Hitchcock allude all’amore omosessuale, alla lussuria sfrenata e al sesso promiscuo; considerati i costumi sessuali del 1940, questi desideri sono vissuti così negativamente e intesi come distruttivi, che nel film Hitchcock si è quasi “sentito costretto” a creare un finale in cui,  la presunta amante femminile di Rebecca, muore bruciata.

Infine, il film forse più sconvolgente di Hitchcock, “Psycho” ci lascia con un’indimenticabile e straziante immagine di dissociata aggressione sessuale, che potrebbe essere categorizzata come indiscutibilmente brutta.

Il personaggio principale del film si “trasforma” infatti in sua madre morta, a causa di un forte e patologico complesso di Edipo; la madre fidanzandosi con un altro uomo aveva -  secondo Norman -  tradito il figlio; Norman presentava quindi una doppia personalità, dandone una parte a sua madre, che faceva rivivere vestendosi come lei e riuscendo perfino ad imitarne perfettamente la voce.

Il Dottor Belkin utilizzando come metafora i tre film di Hitchcock, ritiene che la mente erotica possa funzionare in modo molto simile a quando ci si appresta a scegliere il film da vedere in tre diverse sale cinematografiche.

E’ come se la mente fosse in grado di mostrare tutte e tre le immagini erotiche consecutivamente e di sperimentare la tenerezza, la lussuria e l’aggressione nei confronti della stessa persona, seppur in tempi diversi.

Queste opzioni creative sono basate sulla capacità della nostra mente di differenziare tra  desideri erotici buoni, brutti e cattivi e impedisce loro di scontrarsi con l’altro.

Il sesso “hot” o bollente spesso richiede la canalizzazione di impulsi aggressivi, mentre quello romantico richiama aspetti amorevoli e di tenerezza verso i propri partner.

Mentre in alcune occasioni si possono idealizzare e persino adorare le persone che si amano, altre volte si potrebbe godere di un’oggettivazione e di dominanza dell’altro.

Inoltre, la capacità della mente di compartimentalizzare le fantasie erotiche in buone, brutte e cattive, può facilitare la fuga da conflitti intrattabili e spesso paralizzanti, come l’amore e la lussuria, la tenerezza e l’aggressività, l’idealizzazione e oggettivazione.

Tuttavia, la giocosità e la vita erotica creativa si basa proprio sulla capacità di muoversi liberamente tra le varie fantasie e desideri erotici.

I problemi sorgono quando, come nell’esempio dell’uomo tutto d’un pezzo che si trova a gestire un conflitto interno rispetto alle sue preferenze sessuali, i confini tra desiderio erotico buono, brutto e cattivo divengono rigidi e impenetrabili.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589

Uno degli obiettivi della psicoterapia è quindi quello di aiutare le persone ad accettare e articolare le parti differenti di sé, e che sono categorizzate come brutte e cattive.

Abbracciare l’aggressività, la lussuria, il bisogno e la fame di potere stimola l’immaginazione erotica e ispira l’amore creativo.

Ogni volta che si ricercano informazioni circa le fantasie erotiche degli altri, bisogna procedere con tatto e rispetto per la loro privacy.

A volte, in risposta all’invito di descrivere la propria vita erotica, il cliente potrebbe chiedere esitante: “Devo davvero condividere questo?”, la risposta potrebbe essere “No. È importante però che riconosca le sue fantasie erotiche e le integri in sé stesso”.

Un senso di accettazione, accompagnato da un senso umoristico diminuisce la vergogna e il senso di colpa dei pazienti, e questo può quindi prefigurarsi come un obiettivo terapeutico.

Accogliendo quelle che sono le nostre fantasie, brutte o cattive che siano, siamo in grado di sfruttare il loro potenziale creativo per rivitalizzare la relazione con il nostro partner.

Al contrario, se si impongono vincoli oppressivi sulla vita erotica e fantastica degli altri, spesso questo può determinare un “arresto erotico”, una preclusione della possibilità.

Un focus esclusivamente orientato su ciò che è buono o giusto può infatti determinare frustrazione e monotonia.

A tal proposito, nel film di Sergio Leone, “Il buono, il brutto e il cattivo”, sono presenti tre protagonisti dalle caratteristiche personologiche molto lontane, se non opposte, tra loro; anche se è presente l’odio, la manipolazione, e occasionalmente la tortura dell’altro, nessuno di loro, preso singolarmente, sarebbe in grado di individuare e scoprire il tesoro. Sono pertanto costretti a collaborare con i loro nemici.

Allo stesso modo, nella nostra ricerca personale di realizzazione romantica e sessuale, ognuno di noi deve accettare di “lottare” con il buono, il cattivo, e quelle parti di noi stessi che occasionalmente riteniamo brutte!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

 

 

Mentre le fantasie erotiche categorizzate come buone sono legate ad una considerazione di sé positiva, i desideri sessuali classificati come brutti e cattivi richiamano invece i sentimenti di colpa e di vergogna.

Una vibrante vita erotica richiede una certa sinergia tra le nostre fantasie e desideri di ciò che è buono, brutto e cattivo; le nostre fantasie sessuali forniscono infatti una finestra della nostra vita interiore: chi vogliamo essere, così come chi abbiamo paura di essere.

In qualità di psicologo, il Dottor Max Belkin, invita spesso i suoi pazienti ad esplorare il loro comportamento sessuale e le proprie fantasie erotiche come riflesso della loro educazione, bisogni emotivi e modelli relazionali.

Insieme si cerca di dare voce alle parti trascurate e rinnegate del loro Sé erotico, favorendo un’integrazione tra la componente amorevole, tenera e aggressiva, così come delle fantasie stravaganti che subentrano nelle loro relazioni erotiche.

Durante la crescita, si impara a categorizzare le fantasie, nel senso che alcune vengono considerate come buone e accettabili, altre come cattive e inaccettabili, e infine altre come brutte e indicibili.

Come risultato, mentre le fantasie erotiche categorizzate come buone sono legate ad una considerazione di sé positiva, i desideri classificati come brutti e cattivi richiamano invece i sentimenti di colpa e di vergogna.

Per esempio, un paziente uomo può presentarsi come una persona tutta d’un pezzo, ipermascolina, ma si impegna tuttavia e regolarmente in relazioni sessuali con uomini gay.

Al fine di evitare il senso di colpa e la vergogna, il soggetto tende a valutare le sue azioni come qualcosa di sgradevole, piuttosto che inquadrarle come desideri che fanno parte di lui.

Non a caso, quando ha sviluppato sentimenti più profondi verso uno di questi uomini, il loro contatto sessuale è cessato; il conflitto presente vede quindi da una parte un agito esterno dei suoi desideri erotici, che però sono considerati come brutti, e che pertanto non possono essere accettati perché minacciano la sua identità di uomo tutto d’un pezzo.

Le fantasie erotiche considerate “buone” non solo aiutano a creare e mantenere le versioni idealizzate dei nostri partner, ma aumentano anche l’autostima.

Ad esempio, il protagonista Johnny del film “Vertigo” di Hitchcock, si ritrova irresistibilmente attratto dalla misteriosa, bella e mentalmente fragile Madeleine; l’infatuazione di Johnny con Madeleine gli permette di personificare più ruoli contemporaneamente, come il detective, l’analista e l’amante, rinforzando così la percezione maschile di sé.

Al contrario, nel film “Rebecca” , Hitchcock allude all’amore omosessuale, alla lussuria sfrenata e al sesso promiscuo; considerati i costumi sessuali del 1940, questi desideri sono vissuti così negativamente e intesi come distruttivi, che nel film Hitchcock si è quasi “sentito costretto” a creare un finale in cui,  la presunta amante femminile di Rebecca, muore bruciata.

Infine, il film forse più sconvolgente di Hitchcock, “Psycho” ci lascia con un’indimenticabile e straziante immagine di dissociata aggressione sessuale, che potrebbe essere categorizzata come indiscutibilmente brutta.

Il personaggio principale del film si “trasforma” infatti in sua madre morta, a causa di un forte e patologico complesso di Edipo; la madre fidanzandosi con un altro uomo aveva -  secondo Norman -  tradito il figlio; Norman presentava quindi una doppia personalità, dandone una parte a sua madre, che faceva rivivere vestendosi come lei e riuscendo perfino ad imitarne perfettamente la voce.

Il Dottor Belkin utilizzando come metafora i tre film di Hitchcock, ritiene che la mente erotica possa funzionare in modo molto simile a quando ci si appresta a scegliere il film da vedere in tre diverse sale cinematografiche.

E’ come se la mente fosse in grado di mostrare tutte e tre le immagini erotiche consecutivamente e di sperimentare la tenerezza, la lussuria e l’aggressione nei confronti della stessa persona, seppur in tempi diversi.

Queste opzioni creative sono basate sulla capacità della nostra mente di differenziare tra  desideri erotici buoni, brutti e cattivi e impedisce loro di scontrarsi con l’altro.

Il sesso “hot” o bollente spesso richiede la canalizzazione di impulsi aggressivi, mentre quello romantico richiama aspetti amorevoli e di tenerezza verso i propri partner.

Mentre in alcune occasioni si possono idealizzare e persino adorare le persone che si amano, altre volte si potrebbe godere di un’oggettivazione e di dominanza dell’altro.

Inoltre, la capacità della mente di compartimentalizzare le fantasie erotiche in buone, brutte e cattive, può facilitare la fuga da conflitti intrattabili e spesso paralizzanti, come l’amore e la lussuria, la tenerezza e l’aggressività, l’idealizzazione e oggettivazione.

Tuttavia, la giocosità e la vita erotica creativa si basa proprio sulla capacità di muoversi liberamente tra le varie fantasie e desideri erotici.

I problemi sorgono quando, come nell’esempio dell’uomo tutto d’un pezzo che si trova a gestire un conflitto interno rispetto alle sue preferenze sessuali, i confini tra desiderio erotico buono, brutto e cattivo divengono rigidi e impenetrabili.

Uno degli obiettivi della psicoterapia è quindi quello di aiutare le persone ad accettare e articolare le parti differenti di sé, e che sono categorizzate come brutte e cattive.

Abbracciare l’aggressività, la lussuria, il bisogno e la fame di potere stimola l’immaginazione erotica e ispira l’amore creativo.

Ogni volta che si ricercano informazioni circa le fantasie erotiche degli altri, bisogna procedere con tatto e rispetto per la loro privacy.

A volte, in risposta all’invito di descrivere la propria vita erotica, il cliente potrebbe chiedere esitante: “Devo davvero condividere questo?”, la risposta potrebbe essere “No. È importante però che riconosca le sue fantasie erotiche e le integri in sé stesso”.

Un senso di accettazione, accompagnato da un senso umoristico diminuisce la vergogna e il senso di colpa dei pazienti, e questo può quindi prefigurarsi come un obiettivo terapeutico.

Accogliendo quelle che sono le nostre fantasie, brutte o cattive che siano, siamo in grado di sfruttare il loro potenziale creativo per rivitalizzare la relazione con il nostro partner.

Al contrario, se si impongono vincoli oppressivi sulla vita erotica e fantastica degli altri, spesso questo può determinare un “arresto erotico”, una preclusione della possibilità.

Un focus esclusivamente orientato su ciò che è buono o giusto può infatti determinare frustrazione e monotonia.

A tal proposito, nel film di Sergio Leone, “Il buono, il brutto e il cattivo”, sono presenti tre protagonisti dalle caratteristiche personologiche molto lontane, se non opposte, tra loro; anche se è presente l’odio, la manipolazione, e occasionalmente la tortura dell’altro, nessuno di loro, preso singolarmente, sarebbe in grado di individuare e scoprire il tesoro. Sono pertanto costretti a collaborare con i loro nemici.

Allo stesso modo, nella nostra ricerca personale di realizzazione romantica e sessuale, ognuno di noi deve accettare di “lottare” con il buono, il cattivo, e quelle parti di noi stessi che occasionalmente riteniamo brutte!

 

Tratto da PsychologyToday

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

 

 

  |   Letto: 4099 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.