Pubblicità

Felicità: 10 scoperte che tutti dovrebbero conoscere!

Le ricerche più interessanti che ci aiuteranno ad essere davvero felici!


felicità 10 scoperteDove risiede la felicità nel nostro corpo?

È vero che essa influenza il nostro codice genetico?

Perché cambia con l’età?

Di seguito ci sono 10 delle scoperte più interessanti sulla felicità.

1.    La felicità attiva tutto il corpo.

A differenza dei pensieri, le emozioni non vivono solo nella mente, ma sono anche associate alle sensazioni corporee.

Un nuovo studio, ha tracciato, per la prima volta, una mappa dei legami tra esse.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

I ricercatori hanno indotto diverse emozioni in 701 partecipanti e, poi, hanno dato a ciascuna un diverso colore sulla mappa corporea, in base all’intensità dell’attivazione, dal giallo, che indicava il massimo livello di attività, all’azzurro, per una molto bassa.

Dai risultati è emerso che la felicità era quell’emozione che colorava di giallo tutto il corpo, comprese le gambe.


2.    La felicità cambia il nostro codice genetico.


Un recente studio ha esaminato lo schema di espressione genica all’interno delle cellule responsabili della lotta contro le malattie infettive e la difesa da corpi estranei.

I risultati indicano che le persone con i più alti livelli di felicità erano quelle con un’espressione più forte di anticorpi e geni antivirali.

Quindi, il giusto tipo di felicità non solo ci fa sentire bene, ma giova anche a tutto il corpo, fino al suo codice genetico.


3.    Le persone sono più felici quando fanno la cosa giusta.


Cosa hanno fatto le persone di tutto il mondo per affrontare la crisi economica? Come hanno conservato la loro felicità?

Esse hanno collaborato tra di loro.

I dati provenienti da 255 aree metropolitane degli Stati Uniti hanno rivelato, infatti, che gli individui che collaborano tra di loro – fare piccole cose belle l’uno per l’altro, come il volontariato o aiutare un vicino – sono più felici.


4.    Agire in modo estroverso rende felici.


Una ricerca recente suggerisce che agire come una persona estroversa, anche se, in realtà, siete introversi, vi rende persone più felici.

I risultati provengono dalle indagini effettuate su centinaia di persone tra Stati Uniti, Venezuela, Filippine, Cina e Giappone.

Questi individui hanno riferito di aver provato più emozioni positive nelle situazioni quotidiane in cui hanno agito in modo più estroverso, o se si sono sentiti tali.
Ciò valeva anche tra gli introversi – quei soggetti che, in genere, preferiscono attività solitarie.


5.    La felicità on line è contagiosa.

Uno dei più grandi studi su Facebook ha esaminato il contenuto emotivo di un miliardo di messaggi nel corso di due anni.

È stato scoperto che le emozioni positive si diffondono con più forza in rete, rispetto a quelle negative, quindi la felicità online è contagiosa.

6.    L’invecchiamento cambia ciò che ci rende felici.
    
Un recente studio ha chiesto a più di 200 persone, di età compresa tra 19 e 79 anni, di riferire le esperienze, sia ordinarie che straordinarie, che le avevano rese felici.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Narduzzo
Corso Galileo Ferraris, 107 - TORINO
Cell: 333 7130974
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

È emerso che, in tutti i gruppi di età, esse hanno apprezzato entrambi i tipi di esperienze, ma sono stati i soggetti più anziani a provare più piacere da quelle relativamente normali (passare del tempo con la loro famiglia, lo sguardo sul volto di qualcuno, o una passeggiata nel parco).

Quindi, con l’aumentare dell’età, tendiamo ad essere più felici nella nostra quotidianità.


7.    Le persone materialiste sono meno felici.


La ragione per cui le persone materialiste sono meno felici è che focalizzarsi troppo su ciò che si vuole – e che, quindi, non si possiede concretamente – rende più difficile apprezzare ciò che si ha già.

Un recente studio ha rivelato, inoltre, che questi individui hanno un senso di gratitudine minore, che, a sua volta, è associato a bassi livelli di soddisfazione per la propria vita.


8.    Le relazioni sociali forti ci rendono più felici.


Secondo un recente studio, avere relazioni sociali importanti è strettamente connesso alla felicità, più del successo accademico.

Infatti, se costruire relazioni sociali salde nell’infanzia e nell’adolescenza si associa con adulti più felici, lo stesso non è stato riscontrato per quel che riguarda la carriera scolastica.

Quindi, non c’è istruzione che basti ad insegnarci cosa significa essere felici, sia in senso emotivo, che filosofico.


9.    Gli obiettivi concreti portano alla felicità.


Una nuova ricerca suggerisce che sono gli obiettivi concreti a condurci verso la felicità.

Lo studio ha trovato, infatti, che le azioni compiute al servizio di un obiettivo concreto (far sorridere qualcuno) hanno reso le persone più felici, rispetto a quanto accadeva con un obiettivo astratto (rendere felice qualcuno).


10.    Anche le esperienze banali donano felicità.


La ricerca psicologica ha trovato che anche le esperienze banali di tutti i giorni possono darci una gioia inaspettata.

In uno studio, in particolare, è stato chiesto a 135 studenti di creare una capsula del tempo, che comprendeva:
•    Una conversazione recente;
•    L’ultimo evento sociale a cui avevano partecipato;
•    Un estratto da un documento che avevano scritto;
•    Tre canzoni preferite.

In più, fu detto loro di prevedere come si sarebbero sentiti quando avrebbero riaperto la capsula tre mesi più tardi.

Dai risultati è emerso che gli studenti hanno sottostimato, in modo significativo, queste loro emozioni.

Lo studio è, quindi, un promemoria di come si tenda a sottovalutare la felicità che possiamo ottenere dagli eventi, anche banali, di tutti i giorni.

 

Cosa vi rende felici?
Non dimenticatelo mai!

 

 

Fonte: Psy Blog

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 1368 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Depressione adolescenziale: come riconoscerla?

Secondo alcuni ricercatori esistono due tipologie di depressione adolescenziale: una depressione evolutiva, legata alla fase specifica dello sviluppo, ed una definita “atipica”; analizziamole entrambe. Alcuni bambini vivono il passaggio dalla pre-adolescenza all'adolescenza molto rapidamente e co...

La terapia sistemico-relazionale

La terapia Sistemico-Relazionale si diffuse negli Stati Uniti durante gli anni '50, in particolare grazie alle teorie della prima e seconda cibernetica e la teoria dei sistemi elaborata da L Von Bertanlaffy. La "Scuola di Palo Alto" e il Mental Research Institute. La psicoterapia ad indirizzo sistemico-relaz...

Adolescenza e sviluppo psico-sessuale

L’influenza dei sistemi operativi interni consentono, durante l'adolescenza, di costruire schemi di riferimento per la definizione dell’intimità e valutare la misura in cui saranno coinvolti in relazioni sentimentali. All’interno del presente articolo si cercherà di esplorare ...

Promozione del benessere e psicoterapia

Mentre l'obiettivo tradizionale della psicoterapia per i disturbi di personalità è quello di alleviare la psicopatologia ed i sintomi negativi, la promozione del benessere sta acquisendo sempre maggiore attenzione nella pratica psicoterapeutica. Gli individui con disturbi di personalità ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.