Pubblicità

Fratelli: nati e cresciuti nella stessa famiglia ma diversi

Perché i fratelli pur condividendo gli stessi genitori e lo stesso ambiente familiare sono cosi straordinariamente diversi tra loro?

fratelli e sorelleLo studio delle differenze tra fratelli è stato possibile a partire dagli anni Ottanta con il superamento della dicotomia ambientalismo e innatismo, in quanto patrimonio genetico e influenze ambientali devono essere connessi per comprendere le differenze tra fratelli (Dunn & Plomin, 1982).

Partendo da questo presupposto sono sorti diversi studi tra cui:

  • il Sibling Inventory Differential Experience, un questionario composto da item a cui si chiede ai soggetti di rispondere tramite una scala likert da 1 a 5 mettendo a confronto se stessi con il proprio fratello (Daniels & Plomin, 1985);
  • il Colorado Adoption Project (Plomin & DeFries, 1983) e il Cambridge Sibling Study (Dunn, 1996), studi longitudinali consistenti in interviste e osservazioni in contesti naturali di interazione familiare;
  • lo Swedish Adoption Twin Study of Aging (Plomin e coll., 1990), il più impegnativo progetto di ricerca della genetica comportamentale condotto su un campione di gemelli identici, fraterni, cresciuti insieme e allevati separatamente, con età media di 60 anni, confrontati tra loro.

Gli studi menzionati hanno dimostrato e confermato che l’ambiente condiviso comprende le esperienze comuni responsabili della somiglianza tra fratelli (come il livello di istruzione dei genitori e il numero di libri presenti in casa); mentre l’ambiente non condiviso comprende le esperienze uniche responsabili delle differenze; queste possono essere ricondotte a un ambiente familiare uguale solo in apparenza ma in realtà profondamente diverso per ogni fratello (come il trattamento differenziato dei genitori per i figli, l’ordine di nascita, il rapporto tra fratelli e la rivalità che può caratterizzare tale rapporto). Anche l’ambiente non condiviso extrafamiliare (come la scuola e il gruppo dei pari) comprende esperienze responsabili delle differenze tra fratelli.

Il trattamento differenziato da parte dei genitori nei confronti dei figli è, come ho detto prima,un elemento dell’ambiente familiare non condiviso. Le differenze nel comportamento dei genitori verso i figli sono spesso marcate e dolorose e di solito i bambini sono consapevoli del diverso trattamento, affetto e interesse loro riservati e ragionano su tale disparità. Le madri anche se non si comportano nello stesso modo verso lo stesso bambino nel corso del tempo, assumono un comportamento coerente verso i fratelli quando
hanno la stessa età; ma l’assistere al comportamento diverso messo in atto dai genitori nei propri confronti e nei confronti dell’altro bambino è più importante, infatti i bambini sono sensibili non solo al modo in cui i genitori si pongono in relazione con loro ma anche al modo in cui i genitori si pongono in relazione con i loro fratelli. Inoltre il comportamento differenziato dei genitori contribuisce alle differenze nella capacità di adattamento dei figli: dagli studi è emerso che i bambini le cui madri avevano rivolto maggiori manifestazioni di affetto ai fratelli, presentano un più basso sentimento di competenza sociale e di autostima rispetto a quelli che avevano ricevuto maggiore affetto. Ci si è chiesti se le differenze di comportamento potessero essere associate a differenze genetiche tra fratelli, ma tale ipotesi non è stata confermata dagli studi.

L’ordine di nascita è un altro elemento dell’ambiente familiare non condiviso. La posizione del maggiore nella famiglia resta la più specifica per l’unicità di quanto ha vissuto prima dell’arrivo dei fratelli: è lui che fonda la famiglia, assicura la fertilità dei genitori, conserva la memoria familiare ed è un punto di riferimento per i fratelli; può essere investito
dai genitori di una certa autorità sui fratelli e assumere questo compito con difficoltà o soddisfazione. Il fratello minore ammira il maggiore che è il suo punto di riferimento idealizzato con cui vorrebbe identificarsi. Il figlio di mezzo tenta di identificarsi con il minore attraverso comportamenti regressivi ma vorrebbe assomigliare al maggiore da cui è scarsamente considerato (Rufo, 2002).

Ma nell’affermare questo bisogna considerare che ogni bambino è unico e la posizione occupata all’interno della famiglia è solo un elemento di influenza.

Il rapporto tra fratelli è un altro elemento dell’ambiente familiare non condiviso. Esperienze differenti all’interno del rapporto tra fratelli contribuiscono a future differenze nel loro sviluppo. I bambini sono consapevoli delle differenze tra sé e i loro fratelli riguardo alla personalità, alla sicurezza di sé, alla capacità e al modo di vivere la stessa relazione fraterna. L’impatto della presenza del fratello è diverso per ogni bambino: ad esempio, per un bambino crescere con un fratello può significare la presenza irritante di un altro che richiede attenzione, rovina ogni gioco, si lamenta ed è sempre sostenuto dai genitori, talvolta ingiustamente; per l’altro implicato nella relazione crescere con un fratello significa provare un desiderio non corrisposto di giocare con un partner ammirato, ripetuti tentativi di catturare la sua attenzione, provare una forte ammirazione e un desiderio di piacere spesso frustrato. Le dimensioni generali del rapporto tra fratelli sono una amichevole-positiva (affetto, cooperazione, supporto) e l’altra negativa-ostile (conflitto, dominanza, controllo) che generalmente evidenziano le differenze nel loro comportamento. Le relazioni tra fratelli sono il risultato di una grande intimità imposta e non voluta; i ricordi comuni, i momenti di complicità , il benessere condiviso spesso si alternano a rivalità gelosie e periodi di crisi. Avere un fratello significa trovarsi di fronte a un rivale: come accettare di condividere l’amore dei genitori? Il modo in cui tale rivalità viene affrontata contribuisce alle differenze tra fratelli.

La scuola e il gruppo dei pari sono esperienze appartenenti all’ambiente non condiviso extrafamiliare. Comprende le differenze nel rapporto con le insegnanti e i compagni, le differenze nell’atteggiamento verso la scuola; tali differenze dipendono dalla capacità di adattamento associate alla esigenze non condivise all’interno della famiglia e da una debole influenza genetica sulla scelta dei pari e da parte dei pari.

In conclusione la domanda “perché i fratelli sono diversi?” sembra aver trovato una risposta, anche se studi permetterebbe un ulteriore approfondimento. E la risposta è che i fratelli sono diversi perché diverse sono le vite che conducono all’interno e all’esterno della famiglia e le differenze nel modo in cui i momenti di transizione (scuola, lavoro, matrimonio..) vengono vissuti hanno un ruolo determinante nel porre i fratelli su traiettorie differenti.

Vorrei concludere citando una delle conclusioni di uno studio di Plomin e coll. (1990) “l’ambiente non condiviso contribuisce in maniera sostanziale a determinare chi siamo a una data età ma è anche la causa principale del perché rimaniamo come siamo”.

 

BIBLIOGRAFIA
  • Daniels, D. & Plomin, R. (1985). Differential experience of sibling in the same family. Developmental Psychology, 21, 747-760.
  • Dunn, J. & Plomin, R. (1990). Separate lives. Why siblings are so different. Usa: Basic Books. Trad. It. Vite Separate. Perché i fratelli sono così diversi? Firenze: Giunti, 1997.
  • Plomin, R., & DeFries, J. C. (1983). The Colorado Adoption Project. Child Development, 54, 276-289.
  • Plomin, R., Bergeman, C. S., Pedersen, N. L., McClearn, G. E., &
  • Nesselroade, J. R. (1990). Genetic and environmental influences on social support: The Swedish Adoption/Twin Study of Aging (SATSA). Journals of Gerontology: Psychological Sciences, 45, 101-106.
  • Rufo, M. (2002). Fratelli e sorelle, una malattia d’amore. Milano: Feltrinelli.

 

Articolo a cura della Dottoressa Annalisa De Filippo

 

 

 

  |   Letto: 5982 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Metodo Gottmann

La terapia di coppia promossa dal Metodo Gottmann, può essere utilizzata per educare i partner nelle prime fasi di una relazione e per ripristinare un funzionamento sano in quelle coppie afflitte o bloccate in conflitti cronici, o impegnate in altri modelli distruttivi. Il Metodo Gottmann per le Relaz...

Ambiente invalidante e disturbo borderline di personalità

Un nuovo studio presentato da Musser e colleghi ha delineato quattro aspetti della genitorialità invalidante a partire dalla concettualizzazione di Linehan sulla relazione tra ambiente invalidante e disturbo borderline di personalità. Il disturbo borderline della personalità, è un...

Epigenetica e psicologia

Conoscere l'epigenetica consente di comprendere come l'ambiente e lo stile di vita possano interagire con il genoma umano e determinare cambiamenti epigenetici. L'epigenetica è lo studio dei cambiamenti ereditabili nell'espressione genica (geni attivi e non attivi) che non implicano cambiamenti nella ...

Psicoanalisi infantile: il contributo di Donald Winnicott

Mentre l'attenzione di Freud era focalizzata sulla psicologia della sessualità e sul complesso di Edipo, il focus di Winnicott ha evidenziato l'inizio stesso della vita in quanto le sue scoperte cliniche psicoanalitiche hanno illuminato il significato del ruolo genitoriale nelle prime relazioni oggettu...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.