Pubblicità

Geni, stress e comportamento

Secondo una recente ricerca alla base dell'ipersensibilità all'ambiente e della vulnerabilità allo stress è implicata l'attività del gene che codifica per il recettore glucocorticoideo NR3C1.

geni stress e comportamentoQuando si immagina un gruppo di bambini che si recano a scuola per la prima volta nella loro vita, si può ragionevolmente considerare come, all'interno di questo gruppo, vi siano alcuni bambini che passano la loro giornata con il muso ed il broncio in un angolo della classe, mentre altri godono chiaramente della nuova esperienza.

Perchè questa differenza comportamentale è così grande?

Dopo tutto, essere lontani da casa per la prima volta e passare una giornata in mezzo ad estranei dovrebbe risultare stressante per ogni bambino.

Come può un bambino essere così elastico mentre il suo pari è così sensibile? È legato alle cure ricevute o a Madre Natura?

Gli scienziati ritengono che la sensibilità e la resilienza allo stress siano determinate in parte dai geni. La presenza o l'assenza di una specifica variante genetica rende un bambino emotivamente delicato o resiliente.

Tuttavia, gli scienziati si affrettano ad aggiungere che la cultura può trionfare sui geni e annullare alcuni dei loro effetti indesiderati.

In che modo i geni influenzano la risposta allo stress?

Un recente studio ha collegato il motivo alla base dell'ipersensibilità all'ambiente e della vulnerabilità allo stress nei bambini all'attività del gene del recettore glucorticoideo NR3C1.

La regione promotrice di queste gene controlla l'attività del gene e determina il numero di recettori glucocorticoidi prodotti. Il recettore dei glucocorticoidi si lega all'ormone dello stress, il cortisolo, e gli consente di comunicare con le cellule del corpo.

Questa attività determina come un individuo risponde allo stress. Secondo i risultati di uno studio condotto su bambini di età compresa tra gli 11 ed i 14 anni, coloro che sono stati maltrattati durante l'infanzia hanno un'espressione ridotta del gene NR3C1.

Questo indica che vi è meno produzione di glucocorticoidi nel loro cervello. Il cortisolo è infatti necessario per eseguire le performance; durante i periodi di stress, la secrezione di cortisolo ci rende attenti all'ambiente.

Ma la secrezione eccessiva di cortisolo ci fa divenire ansiosi ed in preda al panico, determinando stress ed un conseguente calo delle prestazioni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Irene Giangreco Marotta
Via Paolessi, 1 - RIETI
Cell: 347 1332633

Più alto è il numero di recettori glucocorticoidi nel corpo, maggiore è la quantità di cortisolo che viene ancorata. In tal senso, diveniamo capaci di tollerare lo stress senza sentirsi stressati.

Ma quando gli individui hanno una condizione in cui il gene NR3C1 produce meno recettori di questo tipo, più ormoni di cortisolo scorrono nel sangue.

Più alto è il livello di cortisolo nel sangue, più si è vulnerabili agli effetti dello stress.

In che modo lo stress precoce altera l'espressione genica?

Ci sono stati diversi studi su come lo stress durante i primi anni dello sviluppo possa alterare la composizione genetica di un individuo, e se questo influisce su come egli successivamente reagisce allo stress.

L'interesse scientifico in questa materia è stato alimentato dalla convinzione che i bambini che sono stati sottoposti ad abusi fisici ed emotivi durante la loro infanzia sono a più alto rischio di sviluppare disturbi da abuso di sostanze, depressione, disturbo da stress post-traumatico e comportamento antisociale.

Questo non è uno sviluppo sorprendente considerando che le persone che soffrono di traumi infantili tendono a crescere credendo che il mondo sia una posto pericoloso e ostile.

Quindi tendono a rispondere a situazioni stressanti come qualcuno reagirebbe ad una minaccia - con ansia e aggressività.

Condizioni di vita avverse e/o abusi subiti durante l'infanzia possono portare a modifiche dell'espressione genica del recettore glucocorticoideo.

Si ritiene che le alterazioni nell'espressione di questo gene siano la causa principale alla base dell'associazione tra trauma infantile, reattività allo stress e rischio di sviluppare tendenze psicopatologiche.

Pubblicità

Gli eventi traumatici infantili comprendono l'incuria della madre, la separazione dalla madre, la perdita di uno o entrambi i genitori e l'abuso fisico e/o mentale.

Per inciso, gli scienziati hanno anche notato simili cambiamenti epigenetici nel gene GR nei roditori che non hanno ricevuto cure materne durante l'infanzia.

Questo gene è sensibile e nei bambini e può essere colpito anche dalla presenza di ansia e depressione pre-natale della madre.

Il bambino “orchidea” 

L'orchidea è una pianta delicata e bellissima. Date le giuste condizioni di crescita, l'orchidea ha bellissime fioriture.

Anche il bambino “orchidea” può evolversi in un essere umano con una forza morale e mentale esemplare se gli viene fornito un ambiente amorevole, premuroso e solidale.

Si ritiene inoltre che tale ambiente riduca le possibilità che un bambino “orchidea” sviluppo disturbi psicopatologici in età avanzata.

È questa convinzione che ha portato allo sviluppo del programma Fast Track negli Stati Uniti. Il programma Fast Track è un'iniziativa di ricercatori universitari per monitorare i bambini ad alto rischio nelle scuole e nelle comunità e avviare tempestive misure interventistiche per favorire l'apprendimento di modalità funzionali atte a fronteggiare lo stress.

Psicologi in evidenza
Dottor Edoardo Guerrieri
Via Roma, 34 Empoli - FIRENZE
Cell: 338 3753458
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275

È stato condotto uno studio su circa 980 bambini dell'asilo con problemi comportamentali, ipersensibilità all'ambiente e vulnerabilità allo stress. Sono stati sottoposti ad un programma di intervento di 10 anni in cui hanno appreso abilità sociali e meccanismi di coping.

I loro genitori sono stati invece sottoposti a training per la gestione del comportamento. Durante questo periodo sono state condotte anche visite domiciliari regolari e sessioni di Peer Coaching.

Al termine dello studio è stato rilevato che gli individui che hanno usufruito del programma hanno riportato minori istanze di comportamento criminale violento e condanne per reati legati alla droga ed un indice di benessere più elevato nella vita.

Lo studio indica anche che il tasso di successo del programma di intervento aumenta quanto prima un individuo con problemi comportamentali rientra nella sua età.

I risultati sopra menzionati dimostrano chiaramente l'importanza di programmi di intervento precoce per bambini ad alto rischio. Questo è compito delle autorità, ma i genitori, gli insegnanti, i consulenti scolastici e, in particolar modo gli psicologi dovrebbero promuovere le giuste forme di prevenzione.

I bambini non solo hanno bisogno di cure amorevoli per crescere ma anche di una guida ed un supporto per costruire i loro livelli di fiducia, imparare a seguire i loro sogni e avere il coraggio di attenersi alle loro convinzioni e ideali.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

 

Bibliografia

Oberlander, T., Weinberg, J., Papsdorf, M., Grunau, R., Misri, S., & Devlin, A. (2014). Prenatal exposure to maternal depression, neonatal methylation of human glucocorticoid receptor gene (NR3C1) and infant cortisol stress responses Epigenetics, 3 (2), 97-106

  |   Letto: 729 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.