Pubblicità

Gioco d'azzardo

Viviamo in una società che sta promuovendo la possibilità di vivere con intensità, la necessità di liberarsi di tutti i legami, confini e vincoli ideologici, familiari, culturali con l'idea che vincere sia facile.

gioco d'azzardoIl gioco nel suo complesso è un’attività realizzata per se stessa in quanto ha il proprio aspetto gratificante in se e non nel fine che raggiunge o nel risultato che produce, come invece accade nell’ambito lavorativo.

Sia nel mondo umano che in quello animale il gioco è principalmente prerogativa di individui giovani tesi all’esplorazione del mondo circostante e all’apprendimento delle regole per controllarlo sul modello adulto.

Uscendo dal gioco infantile come processo di apprendimento, socializzazione e sviluppo intellettivo a cui tutti gli esseri umani sono stati sottoposti, in questo articolo si tratterà la modalità di gioco “adulto” che a volte può assumere dei connotati negativi diventando “azzardo”.

Viviamo in una società che sempre più sta spingendo l’autonomia degli individui, la possibilità di vivere con intensità le straordinarie occasioni che si presentano, la necessità di liberarsi di tutti i legami, confini e vincoli ideologici, familiari, culturali. Ed i messaggi pubblicitari ci ricordano come nulla sia impossibile (“Impossible is nothing”, Adidas) come la stupidità sia un valore – l’intelligenza un problema – e per vivere pienamente sia importante liberarsi dalle proprie inibizioni ("Be Stupid, Goodbye Inibition" Diesel) e vincere sia facile (“Ti piace vincere facile?" Gratta e vinci).

Psicologi in evidenza
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619
Dottor Francesco Innocenti
Via T. Tozzetti, 23 - FIRENZE
Cell.: 340 7525217

Di fronte a tutto ciò rischiamo di apparire spaesati: senza punti di rifermento ideologici, spaziali, affettivi, temporali. In questo quadro è paradossale osservare come sempre con maggiore evidenza si stiano diffondendo nuovi e crescenti comportamenti di dipendenza patologica. Forme di addiction che si costruiscono in assenza di un oggetto concreto, di un qualcosa che “entra nel corpo” in grado di modificare e ristrutturare le relazioni e la “biologia" del soggetto. Non è piu’ il malessere della civiltà descritto da Freud : quello dovuto ad un sistema sociale, valoriale e normativo che esaltava e pretendeva il controllo degli impulsi. Al contrario le nuove patologie si distinguono per il difetto di controllo, per l’incapacità nel temperare, procrastinare, dare un senso agli impulsi . Anche i giochi che troviamo rispondono a questo modello. Giochi che sono straordinariamente appetibili grazie ad una pubblicità che stimola le nostre debolezze, i nostri incubi. Nel DSM V (Manuale Diagnostico e Statistico dei disturbi mentali) il GAP (gioco d’azzardo patologico) è oggi inserito nei disturbi correlati da sostanze e disturbi da addiction.

I comportamenti legati al gioco d’azzardo attivano sistemi di ricompensa simili a quelli attivati dalle sostanze di abuso e producono alcuni sintomi comportamentali che sembrano comparabili a quelli prodotti da uso di sostanze.

Non dobbiamo poi andare a cercare il gioco, è il gioco che cerca noi. Nei luoghi diversi ed in ogni momento: nel nostro smartphone, mentre facciamo la fila alla posta, al supermercato, al bar.

Troviamo giochi che sono altamente additivi, ovvero strutturati (velocità , solitudine, riscossione immediata ) in modo da creare compulsività.

Tuttavia pensare al gioco d’azzardo rischia di aprire ad una dimensione che richiama modelli letterari lontani dalla realtà odierna: il giocatore che sfida gli Dei, che si appella a potenze magiche, a stratagemmi e sistemi matematici, illusori, deliranti.. Tutto è cambiato. Dostojevski non abita più qui.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112

I “nuovi giocatori”, quelli che incontriamo al bar dell’angolo , quelli rinchiusi in una sala giochi, o captati dal proprio schermo del Pc , appaiono invece molto più “banali”. Non più eroi tragici che cercano nel gioco l’eccitazione, la sfida , l’esibizione, la prova delle loro abilità.

Molto più banalmente cercano forse un’evasione temporanea che rischia di non limitarsi ad una semplice parentesi , ma di costruire e costituire un’isola , uno spazio alternativo è preferibile alla vita reale ove potersi rinchiudere: un rifugio. Ecco che allora il gioco diventa per molti il luogo dove imbrigliare ed incanalare molte delle frustrazioni derivate dall’irraggiungibilità’ delle mete di successo e dei valori socialmente auspicati, un contenitore rassicurante per accettare i fallimenti personali senza nemmeno la speranza di uscirne vincitori.

 

Articolo a cura della Dottoressa Federica Leva

 

 

 

  |   Letto: 1094 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Teoria del gioco e psichiatria: da Berne a Szasz

La questione centrale di una psicoterapia orientata alla teoria del gioco non è “qual è la malattia e come influenza il comportamento del paziente?”, ma piuttosto è “che scopo ha il comportamento di questa persona e quali strategie sono state adottate per comunicare ques...

L’ipnosi: una tecnica sottostimata

Nonostante non sia ancora una tecnica la cui efficacia è supportata da prove scientifiche, essa si rivela utile nel trattamento e gestione di diverse problematiche psicologiche. Il Dottor Robert Landon, psichiatra e psicologo da oltre trent’anni ritiene che l’ipnosi sia una tecnica ad oggi...

Controtransfert e mentalizzazione con i “pazienti difficili”

Le teorie basate sulla mentalizzazione e quelle fondate sull’intersoggettività hanno implicazioni dirette per la pratica clinica, e si rendono particolarmente utili per comprendere cosa succede all’interno del rapporto tra medico e paziente. All’interno del presente articolo, ci si ...

Promozione del benessere e psicoterapia

Mentre l'obiettivo tradizionale della psicoterapia per i disturbi di personalità è quello di alleviare la psicopatologia ed i sintomi negativi, la promozione del benessere sta acquisendo sempre maggiore attenzione nella pratica psicoterapeutica. Gli individui con disturbi di personalità ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.