Pubblicità

Gli studiosi hanno scoperto come invertire la dipendenza da alcol.

È stato messo a punto un nuovo approccio, che agisce direttamente sui neuroni collegati all’abuso di alcol.

dipendenza-alcolPiù una persona beve, più si rinforza l’attivazione del “circuito” neuronale corrispondente, più egli berrà e ne diventerà dipendente.

È come se il cervello scolpisse questa via speciale tra alcol e ricompensa.

In un nuovo studio, effettuato su modelli animali, e condotto dagli studiosi del The Scripps Research Institute (TSRI), è emerso che potrebbe esserci un modo per spegnere l’urgenza che deriva dal bere compulsivo.

Possiamo invertire completamente la dipendenza da alcol concentrandoci su una rete di neuroni”, ha affermato il Dr. Olivier George, assistente professore del TSRI, che ha condotto lo studio.

La ricerca, pubblicata su “The Journal of Neuroscience”, è stata costruita su studi precedenti, i quali avevano già dimostrato che un’assunzione frequente di alcol può attivare specifici gruppi di neuroni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Sara Ruiba
Via Cortevecchia, 59 - FERRARA
Cell.: 338 2315061
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142


Lo studio.

Per il nuovo studio, i ricercatori indagarono se ci fosse un modo per influenzare solo i neuroni specifici, che formano questi circuiti, ed i quali compongono, sia negli uomini che nei topi, il 5% circa di quelli presenti nell’Amigdala centrale.

Il Dr. Giordano de Guglielmo, ricercatore associato del TSRI, ha condotto l’esperimento su topi modello dipendenti dall’alcol, nei quali fu tracciata una speciale proteina per distinguere solo i neuroni attivati da esso.

Ai topi, poi, fu iniettata una miscela, che poteva inattivare, nello specifico, solo i neuroni collegati all’alcol.

Il Dr. George ed il suo team furono sorpresi nel vedere che questi ratti cessavano completamente il loro bere compulsivo, un cambiamento che durava per tutto il tempo in cui furono monitorati.
“Non abbiamo mai visto un effetto così forte e che durava per diverse settimane”, ha commentato il Dr. George. “Non riuscivamo a crederci!”.

I ricercatori ripeterono, allora, l’esperimento una seconda e, poi, una terza volta.
I topi cessarono, sempre, di bere in modo compulsivo.
Era come se si dimenticassero di avere questa dipendenza”, ha aggiunto il Dr. George.

Altro risultato interessante fu che questi topi erano ancora motivati a bere acqua zuccherata, il che indica che i ricercatori avevano toccato, con successo, solo i neuroni attivati dall’alcol, non tutto il sistema di ricompensa del cervello.

Infine, sembrava che gli animali fossero protetti dai sintomi fisici dovuti all’astinenza da alcol, come, ad esempio, il tremore.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667


Considerazioni finali.

Questi risultati, dunque, hanno aperto ai ricercatori una nuova potenziale finestra su come si potrebbero formare le connessioni neuronali, responsabili della dipendenza da alcol, nei cervelli umani, anche se sono più difficili da identificare.

La nuova ricerca, inoltre, ha fatto luce sulle differenze di ciò che avviene nel cervello quando si parla di “binge drinking” e quando c’è, invece, un consumo da dipendenza: nel primo caso, infatti, spegnere i neuroni collegati all’abuso di alcol aveva poca influenza sul bere futuro, come se il cervello accendesse solo un nuovo gruppo di neuroni, poiché non era stata ancora stabilita una via che collegasse l’abuso di alcol al sistema di ricompensa.

I ricercatori hanno affermato che i loro prossimi obiettivi saranno tracciare la formazione dei circuiti neuronali attivati dall’alcol nel tempo e trovare il modo di trasferire questo lavoro sugli uomini.
E’ veramente stimolante focalizzarsi su una popolazione così piccola di neuroni e questo studio aiuta ad aumentare la nostra conoscenza di una parte del cervello che è ancora un mistero”, ha concluso il Dr. De Guglielmo.       

 

 

 

 

Fonte: ScienceDaily.com           

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2868 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La dissociazione come difesa dal trauma

Estraniarsi da sé stessi, dal mondo esterno e dal proprio corpo nel tentativo di difendersi da un trauma. I sintomi di dissociazione, depersonalizzazione e derealizzazione sono spesso associati a traumi fisici e mentali che si manifestano solitamente durante l’infanzia. Molti di questi segni ...

Il ruolo del trauma nel disturbo bipolare

La presenza di un trauma infantile sembrerebbe associato con risultati negativi di salute, maggiori episodi depressivi, maggiore gravità degli episodi maniacali con insorgenza precoce, ideazione suicidaria, abuso di sostanze e deterioramento delle performance ai test neuropsicologici. Il disturbo bipo...

Trauma, attaccamento e depressione: il ruolo dell'alessitimia

L’obiettivo del presente lavoro è quello di delineare il ruolo mediatore dell’alessitimia e la sua relazione con traumi infantili e stile di attaccamento associati a sintomi depressivi durante l’età adulta. È abbastanza noto che la comprensione e la consapevolezza delle...

La psiche dell'esibizionista

Se si vuole comprendere perchè un esibizionista si eccita masturbandosi davanti ad un partner, la risposta non è da ricercare nel potere che sta esercitando, ma nell'ansia che sta tentando di placare. Tra i più bizzarri peccati che emergono nel recente diluvio di storie di molestie sessu...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.