Pubblicità

I 7 miti della masturbazione

Stereotipi, credenze e falsi miti associati al “sesso solitario”! 

Miti della masturbazioneCon il termine masturbazione, dal latino “masturbari”, si fa riferimento ad una pratica erotica tendente alla provocazione dell'orgasmo e del piacere sessuale, mediante l'eccitamento manuale degli organi genitali.

Nel presente articolo verrano delineati e presentati 7 miti inerenti la masturbazione; tale esigenza nasce dall'esperienza clinica del Dottor Michael Castleman, il quale ha sottolineato come molto spesso, i suoi pazienti detengano alcune credenze che possono a volte presentarsi come errate, e quindi determinare un'inibizione di alcuni comportamenti sessuali, mentre altre, come più vicine alla “verità”.

1°Mito: il 98% delle persone si masturba, il restante 2% nega di farlo

La masturbazione è comune ma non universale come il mito suggerisce; in accordo a un recente sondaggio condotto dalla Indiana University's Kinsey Institute, su un campione rappresentativo della popolazione Americana, composto da 5.865 soggetti con età compresa tra i 14 e i 94 anni, i ricercatori suggeriscono che questa dipenda dall'età.

In un range compreso tra il 67% e il 94% si evince che gli uomini hanno praticato la masturbazione almeno una volta, dal 43% al 67% lo hanno effettuato il mese precedente, e ovviamente i soggetti giovani lo fanno molto più spesso rispetto agli anziani.

Tra le donne, dal 43% all'85% si è masturbata almeno una volta, con il 21% e 43% che lo ha effettuato durante il mese precedente.

Dato che la masturbazione è ancora stigmatizzata, anche in sondaggi anonimi alcuni possono non ammetterlo, quindi è probabile che i tassi reali siano un po' più alti.

Ma chiaramente la masturbazione non è universale: se lo si fa, va bene, e se non lo si fa, va bene lo stesso!

 

2°Mito: La masturbazione può danneggiare i genitali

Gli uomini accarezzando il proprio pene, così come le donne il proprio clitoride o utilizzando vibratori, è estremamente improbabile che danneggino i propri genitali.

Psicologi in evidenza
Synesis Centro di Psicologia Dottoressa Flavia Passoni
Synesis Centro di Psicologia Via Pace, 11 Carnate - MONZA
Cell: 338 1863275
Dottoressa Ilaria Artusi
Via Lorenzetti, 15 - AREZZO
Cell.: 333 3945439

La predisposizione biologica consente la riproduzione, pertanto i genitali sono organi resilienti. Il rischio che si può correre è l'eccessivo sfregamento della cute dei genitali durante rapporti sessuali molto lunghi.

La soluzione è ovviamente quelle di lubrificare sempre le aree genitali, attraverso la saliva, oli vegetali o lubrificanti commerciali!

 

3° Mito: La masturbazione causa problemi di salute mentale

Questo pensiero è solitamente collegato ad un'educazione rigida e punitiva, in cui l'atto di masturbarsi viene etichettato come sporco, innaturale e perverso, così come da credenze religiose che vedono la masturbazione come la via che porterà all'inferno.

Tutti gli esperti di sessualità concordano sul fatto che la masturbazione sia una pratica normale, sana e che non causa problemi di salute fisica o mentale.

Detto questo, è però possibile che tempi eccessivamente prolungati e ossessivi rispetto alla masturbazione durante la giornata, potrebbero interferire con il funzionamento lavorativo, sociale e interpersonale.

La masturbazione può diventare un problema quando determina isolamento sociale, divenendo l'attività principale della giornata. Se questo dovesse accadere, il consiglio è quello di consultare un sessuologo!

 

4°Mito: La masturbazione deve essere praticata un certo numero di volte!

Non vi è un limite al numero di orgasmi che le persone vogliono esperire fisicamente. La predisposizione innata e biologica a produrre ormoni sessuali che consentono di raggiungere l'orgasmo, non è regolata da leggi rigide e inflessibili.

Sicuramente nell'uomo, la produzione di nuovi spermatozoi avviene più lentamente, e questo perchè, dopo l'orgasmo, si assiste ad un periodo refrattario, durante il quale, nonostante si possa continuare a stimolare sessualmente il pene, non si riesce a raggiungere nell'immediato un nuovo orgasmo e successiva eiaculazione.

Nella donna, tale inibizione non si verifica, infatti ella ha la possibilità e la predisposizione a raggiungere più orgasmi consecutivi.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Maria Clara Cortellazzi
Viale S. Kasman, 15 Chiavari - GENOVA
Cell: 391 4947113
Dottor Marco Zanghì
Via Scite, 3 - MESSINA
Cell: 334 2717738

Nonostante tale precisazione, è bene sottolineare che si può godere comodamente per quanto si vuole, e quindi non vi è un limite agli orgasmi che si desiderano raggiungere!

 

5° Mito: I vibratori “rovinano” le donne, quindi meglio masturbarsi senza.

Potremmo utilizzare come termine di paragone l'utilizzo della macchina e chiedersi se “guidare la macchina danneggi la nostra capacità di camminare !?”. ovviamente la risposta è NO, perchè usare la macchina consente solo di arrivare più velocemente nel posto desiderato.

Lo stesso vale per il sesso con e senza vibratori; la vulva, il clitoride, i capezzoli e altre parti del corpo rispondono alla stimolazione erotica, non importa da quali fonte provenga, se dita, lingua, pene o vibratore!

I vibratori producono sensazioni più intense, per cui la maggior parte delle donne raggiunge l'orgasmo più velocemente, ma il fatto di utilizzarli, anche di frequente, non cambia la loro capacità di rispondere ugualmente ad altri tipi di stimolazione sessuale.

I vibratori, in realtà, aiutano le donne a rispondere ad altre stimolazioni erotiche, consentendo di sperimentare l'intera gamma della propria risposta sessuale.

La maggiore conoscenza di Sè derivante dall'uso del vibratore, può inoltre aiutare le donne ad eccitarsi e partecipare attivamente ad altri tipi di giochi sessuali.

 

6° Mito: le donne possono diventare dipendenti dai vibratori

Ovviamente la risposta è NO; nel corso del tempo, alcune donne possono appassionarsi a questo tipo di stimolazione sessuale sia in solitudine che con il partner.

Si tratta semplicemente di una preferenza personale e non di “dipendenza”; e se le donne hanno bisogno di usare il vibratore per raggiungere un orgasmo più soddisfacente non c'è niente di sbagliato, anzi potrebbero proporlo come gioco alternativo durante il sesso con il proprio partner!

 

7° Mito: Se si ha una relazione seria, è sbagliato masturbarsi!

La masturbazione rappresenta la nostra sessualità originaria; è uno dei primi modi con cui i bambini sperimentano il piacere fisico. In tal senso, i bambini sono “masturbatori entusiastici”. Perchè no? È così divertente; la maggior parte dei bambini però, smette di masturbarsi o inizia a praticarla in segreto perchè gli adulti veicolano messaggi di sensi di colpa e vergogna rispetto a tale pratica.

Quando le persone intraprendono una relazione intima e duratura, alcune pensano che sia sbagliato continuare a masturbarsi, in quanto si ritiene che non sia una pratica necessaria.

È come dire che non c'è alcun motivo per andare al cinema una volta che hai Netflix!

La masturbazione è molto diversa dal rapporto sessuale con un partner, proprio come il grande e il piccolo schermo producono diverse esperienze di intrattenimento.

Ovviamente il sesso con il partner è meraviglioso, ma comporta anche delle responsabilità; bisogna essere sensibili verso di lui, fornire piacere, comunicare cosa piace di più e scendere a compromessi sessuali per mantenere il proprio partner felice.

Mentre ci si masturba invece, non vi è nessun altro che partecipa o che possa avanzare delle richieste, e ci si concentra sul compiacere esclusivamente se stessi e questo è altrettanto meraviglioso.

Quindi.. perchè rinunciare alla torta al cioccolata solo perchè hai scoperto la torta di mele?

Il sesso con il partner non sostituisce la masturbazione, perchè le due cose sono complementari!

Molti psicologi sostengono che non si può amare un'altra persona se prima non si impara ad amare sé stessi. Per lo stesso motivo, non si può avere un sesso grandioso con chiunque fino a quando non si impara a sperimentarlo da solo.

In terapia sessuale, gli esercizi sulla masturbazione sono fondamentali per il trattamento di disfunzioni quali eiaculazione precoce negli uomini e difficoltà di eccitazione e orgasmiche nelle donne.

Tuttavia, la masturbazione può rappresentare dei problemi all'interno della coppia, per via degli schemi culturali interiorizzati rispetto ad essa.

Ad esempio, gli uomini associano la masturbazione ad un modo piacevole per rilassarsi, quasi come se fosse un “auto-calmante”.

Le donne, invece, vedono spesso la masturbazione degli uomini come infedeltà; entrambi dovrebbero quindi aprirsi all'esplorazione dei significati di ognuno rispetto a tale pratica.

L'autore dell'articolo ritiene pertanto che ognuno abbia il diritto di fare sesso da solo, e che i coniugi non hanno alcun diritto di proibire il godere di un momento di piacere intimo dell'altro.

 

Tratto da Journal of Sexual Medicine

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

 

 

  |   Letto: 6763 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.