Pubblicità

I disturbi della forma e del contenuto del pensiero

Conoscere e riuscire ad operare una distinzione tra i disturbi della forma e del contenuto del pensiero si pone come propedeutico alla valutazione, diagnosi e prognosi all’interno dell’attività clinica.

disturbi forma contenuto pensiero

Il pensiero è la funzione psichica complessa che permette la valutazione della realtà e la formulazione di giudizi; l’ideazione è il processo che conferisce ordine e forma al pensiero.

Da un punto di vista psicopatologico i disturbi del pensiero vengono comunemente distinti in disturbi della forma e disturbi del contenuto.

I disturbi della forma comprendono classicamente le seguenti manifestazioni:

- accelerazione idetica (“fuga delle idee”): le idee si succedono l’una all’altra senza interruzione e lo scopo originario del pensiero viene perso, si trasforma continuamente. Il soggetto avverte spesso la “pressione”, la necessità di parlare. Questo quadro è tipico degli episodi maniacali e di alcune forme psico-organiche e tossiche.

- inibizione o rallentamento idetico: sono caratterizzati da una lentezza dei processi associativi e da difficoltà e lentezza dell’eloquio. La condizione in cui più frequentemente si riscontra questo disturbo è la depressione maggiore.

- circostanzialità: il pensiero circostanziato è ricco di dettagli inutili, per l’incapacità di tenere distinti gli elementi dello sfondo da quelli centrali. Può essere presenta in alcune forme organiche come l’epilessia, così come nelle psicosi primarie.

- Perseverazione: il pensiero perseverante si caratterizza per la ripetizione stereotipata di parole, idee, soggetti enunciati poco prima. Si può evidenziare nella schizofrenia, nelle sindromi demenziali e nei disturbi neurologici di tipo afasico.

- Concretismo: è un disturbo formale in cui ci è ridotta o assenza la capacità di operare astrazione o generalizzazione ed è tipico dell’insufficienza mentale o della schizofrenia.

- pensiero dissociato: considerato tipico della schizofrenia, ma in realtà presente anche nello scompenso maniacale, è provocato dalla perdita dei comuni nessi associativi tra le singole idee, che conferisce al pensiero un aspetto bizzarro e incomprensibile. All’intero di esso stati distinti i seguenti fenomeni: il deragliamento, ossia il passaggio a pensieri privi di qualsiasi legame con i precedenti; la tangenzialità, in cui la risposta a una domanda appare solo parzialmente collegata alla domanda stessa; la fusione, in cui due o più idee eterogenee sono fuse in maniera incomprensibile; l’iperinclusione, cioè la comparsa di concetti inappropriati in un discorso logico; e infine il blocco, in cui si ha l’interruzione del pensiero per il suo “ritiro” dal campo di coscienza.

- illogicità: è un disturbo della forma, tipico della schizofrenia, in cui i soggetti si servono di una logica alternativa e deviante che non conduce a conclusioni condivisibili e decifrabili.

- pensiero ossessivo (anancastico): il pensiero è pervaso da idee irrazionali, ripetitive, riconosciute dall’individuo come proprie, ma rifiutate per la loro estraneità e intrusività.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Cristina Bergia
Viale dei Mille, 1 - FIRENZE
Cell.: 339 7067867

I disturbi del contenuto del pensiero sono invece rappresentati dall’idea prevalente e dal delirio; nel primo caso si assiste ad un’idea che predomina, temporaneamente o permanentemente, su ogni altro tipo di pensiero, causando sofferenza o interferendo nel funzionamento dell’individuo.

Quando si parla invece di idea delirante si fa riferimento a un’idea incorreggibile, non giustificata dal contesto culturale e sociale del soggetto, mantenuta con straordinaria convinzione e certezza soggettiva.

In relazione allo stato di coscienza si può riscontrare un delirio lucido, nei soggetti vigili e con normale stato di coscienza, e un delirio confuso, in condizioni di stati febbrili, tossici, dismetabolici.

Il delirio è considerato primario quando è indipendente da qualsiasi esperienza psichica e quindi incomprensibile; il delirio secondario deriva invece, in maniera comprensibile, da stati affettivi, avvenimenti vissuti, esperienze psicosensoriali ed è in genere transitorio.

Le esperienze alla base del delirio sono:

- L’intuizione delirante ossia una convinzione che insorge improvvisamente e che non può essere compresa a livello empatico da un osservatore esterno.

- la percezione delirante si verifica quando a una normale percezione viene attribuito un significato delirante. È caratterizzata spesso dall’autoriferimento e da un sentimento di urgenza e importanza personale. I suoi successivi sviluppi prendono il nome di interpretazione delirante;

- nell’atmosfera delirante il soggetto esperisce il cambiamento della realtà che lo circonda. Tutto appare nuovo, incomprensibile, determinando uno stato di perplessità e di angoscia destinato a risolversi soltanto con la strutturazione completa del delirio;

- la rappresentazione o memoria delirante riguarda un avvenimento del passato spiegato in un modo delirante: per esempio un paziente schizofrenico di 50 anni po’ asserire di essere malato da 20 anni a seguito di un intervento chirurgico in cui gli è stato impiantato un microfono nell’intestino. È quindi una rappresentazione o immagine mnesica, alla quale viene conferito un significato abnorme.

I contenuti del delirio sono molto vari e determinati essenzialmente dal retroterra emozionale, sociale e culturale del paziente. Possono pertanto essere raggruppati nei seguenti gruppi:

a)   deliri di persecuzione: sono i più comuni e si caratterizzano per il convincimento del paziente di essere circondato da un ambiente ostile. I persecutori possono essere animati o inanimati, persone oppure oggetti, organizzazioni o singoli individui. Il tono affettivo associato a queste idee deliranti può oscillare dall’indifferenza e apatia tipica dei pazienti schizofrenici al terrore proprio dei soggetti affetti da delirium tremens.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Arianna Grazzini
Corso Trieste, 59 - ROMA
Cell: 334 7666763

b) i deliri di trasformazione possono riguardare sia l’ambiente esterno sia il proprio corpo o parti di esso. Nel delirio metempsicosico il paziente è convinto di vivere nel corpo di un’altra persona, mentre nel delirio zooantropico il paziente è certo che il proprio corpo si sia trasformato in quello di un animale.

C) i deliri palignostici sono rappresentati dalla Sindrome di Capgras, ossia una rara condizione clinica in cui il paziente crede che una persona familiare sia stata sostituita da un impostore, e dalla Sindrome di Fregoli, dove al contrario, vi è la convinzione delirante di riconoscere persone familiari in sconosciuti.

d) i deliri religiosi sono meno comuni rispetto al passato e possono comparire nel corso del disturbo bipolare o dei disturbi schizofrenici.

e) i deliri depressivi sono caratterizzati da un cupo pessimismo che investe temi di colpa, di indegnità, di rovina economica, di malattia fisica (deliri ipocondriaci) e di negazione (deliri nichilistici in cui il paziente può negare la propria realtà corporea o l’esistenza del mondo esterno). La Sindrome di Cotard è un quadro tipico della depressione delirante dell’anziano e si presenta con deliri di negazione bizzarri e grandiosi accompagnati da agitazione psicomotoria e tono dell’umore deflesso.

f) i deliri di grandezza possono rimanere nell’ambito del possibile, come nel delirio erotomane (certezza di essere amati da una persona di ceto superiore), o disancorarsi completamente dalla realtà, come nel delirio di potenza (il soggetto si identifica con personaggi famosi) e in quello genealogico (il paziente crede di essere un membro di una famiglia reale).

G) il delirio di gelosia riguarda la certezza di essere stato la vittima di un’infedeltà del partner; è presente di solito in soggetti, sia uomini che donne, con dipendenza da alcool o in soggetti con un alto grado di dipendenza dal partner;

h) nei deliri di influenzamento il paziente ha la convinzione che i propri sentimenti, pensieri e volontà vengano influenzati o provati da altri.

Infine è bene anche sottolineare che nel furto del pensiero, il paziente crede che i pensieri gli vengano sottratti; nell’inserzione del pensiero avverte i propri pensieri come estranei, inseriti dall’esterno; nella trasmissione del pensiero è presente il convincimento delirante che i pensieri vengano sottratti dalla mente e in qualche modo resi pubblici.

Tratto da “Manuale di psichiatria e psicologia clinica – Mc Graw-Hill”

(Adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 12880 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.