Pubblicità

I disturbi percettivi non sono predittori della schizofrenia

Un nuovo studio ha trovato che i disturbi percettivi, una forma più leggera rispetto alle allucinazioni vere e proprie, che comprendono il vedere le ombre o il sentire dei rumori con la sensazione che queste esperienze siano "irreali", non sono necessariamente sintomi predittivi della schizofrenia.

distubi percettivi

Secondo i ricercatori, nonostante molte persone che presentano tale tipo di disturbi finiscano per sviluppare una Psicosi, ci sono anche individui per i quali ciò non avviene.

Infatti, gli autori dello studio hanno scoperto che è un contenuto del pensiero di tipo sospettoso ed inusuale ad avere maggiori probabilità di segnalarne l’inizio e che il rischio è maggiore se la persona mostra difficoltà di attenzione e concentrazione.

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato quali sintomi possono predire l’insorgere della Psicosi, durante un periodo di follow-up di 2 anni in un gruppo di 296 individui, che presentavano un alto rischio di sviluppare tale disturbo, poiché ne avevano esperito i sintomi più leggeri, ovvero quelli che potrebbero essere un segnale d’allarme precoce.

L’analisi dei dati ha rivelato che il contenuto del pensiero di tipo sospettoso ed inusuale, che include la sensazione di essere guardati o che gli altri stanno parlando di te sapendo che questo “non può essere vero”, il fissarsi su coincidenze che non sono effettivamente connesse, il cercare “segni” in alcune esperienze, oppure avere un senso distorto del tempo, era l’elemento che segnalava maggiormente questa probabilità. Inoltre, le difficoltà di attenzione e concentrazione ed una ridotta ricchezza di idee, la quale si manifesta con la difficoltà di seguire le conversazioni o con l’essere occupati nel pensiero astratto, aumentavano la prevedibilità del rischio di tale patologia.

La Schizofrenia è una malattia mentale invalidante che colpisce più di 3 milioni di persone negli USA. Tipicamente emerge durante la tarda adolescenza e nella prima età adulta e rimane un disturbo cronico e disabilitante per molti pazienti.
La Psicosi, esperita da più di 6 milioni di americani, si riferisce ad un gruppo di sintomi che comprende paranoia, illusioni (false credenze), allucinazioni e disorganizzazione del pensiero e del comportamento, e si manifesta sempre nel corso della Schizofrenia, ma anche nelle persone con Disturbo Bipolare o altre condizioni mediche.

I segnali di allarme per la Schizofrenia includono sintomi leggeri simili a quelli per la Psicosi di forma meno grave, come pensiero illogico, pensiero disorganizzato o disturbi percettivi, con frequenza e gravità sufficienti a compromettere la funzionalità del soggetto. Comunque, solo circa il 15 – 20% delle persone che li manifestano sviluppano effettivamente la Schizofrenia o altri disturbi psicotici veri e propri.

“Se riuscissimo ad identificare quelle persone che hanno un alto rischio di sviluppare la Psicosi, potremmo allora strutturare interventi per prevenire lo sviluppo della Schizofrenia e dei deficit funzionali associati ad essa”, ha detto Diana Perkins, medico e professoressa di Psichiatria alla Scuola di Medicina dell’Università del North Carolina (UNC) ed uno degli autori principali dello studio. “Penso che questo studio mostra che, per poter valutare il rischio di Psicosi, abbiamo bisogno di enfatizzare il processo di pensiero della persona e renderci conto che i disturbi percettivi potrebbero non essere un segnale precoce di pericolo, influenzando, nel futuro, il nostro stesso sistema di diagnosi”. E conclude: “Prima si riuscirà ad identificare ed offrire un trattamento a quelle persone che rischiano di sviluppare la Schizofrenia, migliore sarà la loro prognosi”.

 

Tratto da: psychcentral.com

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2660 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Desiderio e psicosi: una prospettiva Lacaniana

E' il desiderio il patrimonio esclusivo della dicotomia nevrosi/perèversion? Quali sarebbero gli argomenti lacaniani a sostegno dell’assenza del desiderio nella psicosi? In secondo luogo, quale potrebbe essere invece il tipo di desiderio che opera nella psicosi? La prospettiva Lacaniana re-intro...

Psicosi e proiezione

L’individuo psicotico costruisce i suoi deliri sulle allucinazioni e le sue allucinazioni sui deliri in termini di rievocazione dinamica delle relazioni oggettuali indistinte e indefinibili. Quando si parla di psicosi, da un punto di vista teorico, molti autori degni di nota hanno cercato di offrire il...

Apertura, autenticità ed efficacia terapeutica

Le ricercatrici Galbusera e Kyselo sostengono che l'apertura e l'autenticità sono le “condizioni necessarie e sufficienti per un atteggiamento dialogico” che mira a rafforzare l'efficacia terapeutica. I ricercatori, la Dottoressa Laura Galbusera e la Dottoressa Miriam Kyselo dell'Universit...

Incubi e disturbi nel sonno nella psicosi

Le persone affette da psicosi esperiscono frequenti disturbi del sonno e incubi che, conseguentemente, determinano un'efficienza del sonno più povera, nonché una maggiore presenza di deliri, depressione, ansia, stress e scarsa memoria di lavoro. Negli ultimi cinque anni la ricerca ha focalizza...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.