Pubblicità

I ritiri spirituali modificano mente e corpo!

I cambiamenti a livello cerebrale che predispongono alle esperienze spirituali.


spiritualeVi siete mai chiesti: “Quanto tempo dedico a me stesso in una giornata?”.

Non è molto difficile calcolare questa percentuale: poco più di zero!

Riflettiamoci un attimo: appena apriamo gli occhi ogni mattina, ci si palesa subito davanti la lista delle cose da fare.. e tra queste non c’è mai qualcosa rivolto al nostro benessere!

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Benedetto
Via del Vascello, 34 - ROMA
Cell: +39 339 6306112
Dottoressa Tiziana Casazza
Via Giambellino, 26 - MILANO
Cell: 347 7917019

Vi riporto un esempio (reale):

-    Andare a lavoro;

-    Preparare il pranzo;

-    Essere puntuale alla riunione d’equipe;

-    Riprendere il lavoro;

-    Fare la spesa;

-    Preparare la cena;

-    Sbrigare le faccende più urgenti;

-    Predisporre per il pranzo di domani;

-    Preparare il materiale di lavoro per domani;

-    Parlare con il mio compagno (possibilmente, eh!!).


Come vedete, la persona in questione non aveva proprio tempo per fare qualcosa per se stessa…

Ma sicuramente molti di voi si rivedono perfettamente in questa scenetta!!

Non ci accorgiamo, però, che così facendo trascuriamo una parte fondamentale di noi stessi: la spiritualità!

Molte persone iniziano ad avvertire sempre più questa necessità e si stanno impegnando in vacanze dedicate più allo spirito, che al corpo!!

Ad esempio, è emerso che molti americani si stanno dedicando, più che mai, ai ritiri spirituali, meditativi e religiosi, perché trovano in essi quegli strumenti attraverso cui resettare la loro vita quotidiana e migliorare il proprio benessere.
    
I ricercatori del Marcus Institute of Integrative Health, presso la Thomas Jefferson University, hanno dimostrato, a tal proposito, che vi sono dei cambiamenti nei sistemi cerebrali della Dopamina e della Serotonina dei partecipanti ai ritiri, che sottostanno a questa scelta.

Il gruppo ha pubblicato i suoi risultati su “Religion, Brain & Behavior”.

Poiché Serotonina e Dopamina fanno parte dei sistemi di ricompensa ed emozionale del cervello, ciò ci aiuta a capire perché queste pratiche si traducono in forti esperienze emozionali positive”, ha spiegato il Dott. Andrew Newberg. "Il nostro studio ha mostrato cambiamenti significativi nei trasmettitori di queste due molecole, dopo un ritiro di sette giorni, il che potrebbe preparare i partecipanti alle esperienze spirituali che hanno riferito”.

Le scansioni effettuate dopo la fine del ritiro hanno rivelato, in particolare, diminuzioni del legame nei trasmettitori della Dopamina (5-8%), che è responsabile di mediare cognizione, emozioni e movimento, e della Serotonina (6,5%), coinvolta nella regolazione di emozioni ed umore, il che potrebbe rendere disponibili più neurotrasmettitori nel cervello.

Ciò si associa con le emozioni positive ed i sentimenti spirituali.


Lo studio ed i risultati.


Lo studio ha incluso 14 partecipanti cristiani, con età compresa tra 24 e 76 anni.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Daniela Ciccarelli
Via Luigi Dallapiccola, 20 San Sisto - PERUGIA
Cell: 339 2860568
Dottoressa Marialuisa Fabbro
Via G. Garibaldi, 18 - VERONA
Cell: 347 4193619

Essi hanno partecipato ad un ritiro ignaziano, sulla base degli esercizi spirituali sviluppati da S. Ignazio da Loyola, fondatore dei Gesuiti: a seguito della messa del mattino, i soggetti trascorrevano gran parte della giornata in contemplazione, preghiera e raccoglimento.

In più, ogni giorno costoro prendevano parte ad un incontro con il loro direttore spirituale, che li guidava nel processo di riflessione e conoscenza di se stessi.
    
Alla fine di questa esperienza, questi individui hanno effettuato una serie di esami, i quali hanno mostrato notevoli miglioramenti nell’autopercezione di salute fisica, tensione e fatica ed hanno riferito un maggior senso di autotrascendenza, correlabile alla variazione del legame della Dopamina.

Il nostro team è curioso di sapere quali aspetti di un ritiro spirituale possano causare i cambiamenti osservati nei sistemi di neurotrasmissione e se più ritiri consecutivi possano produrre risultati diversi. Speriamo che gli studi futuri possano rispondere a queste domande”, ha concluso il Dott. Newberg.
     

 

Fonte: Science Daily

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Alice Fusella)

 

 

  |   Letto: 2841 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La neurobiologia dell'attaccamento

In un articolo pubblicato sul British Journal of Psychotherapy si è cercato di promuovere un incontro tra il modello psicoanalitico della teoria dell'attaccamento con i modelli psicobiologici Comprendere la neurobiologia dell'attaccamento nasce dall'esigenza di ricercare un connubio tra disc...

Aspetti psicosociali e biologici della pedofilia

Nel presente articolo pubblicato sulla rivista "Biological Psychiatry" i ricercatori hanno cercato di delineare i fattori psicosociali e neurali della pedofilia, esaminando le alterazioni funzionali e strutturali del cervello di soggetti pedofili. Il termine “pedofilia” è una parola deriva...

Promozione del benessere e psicoterapia

Mentre l'obiettivo tradizionale della psicoterapia per i disturbi di personalità è quello di alleviare la psicopatologia ed i sintomi negativi, la promozione del benessere sta acquisendo sempre maggiore attenzione nella pratica psicoterapeutica. Gli individui con disturbi di personalità ...

Mindfulness: una tecnica sovrastimata?

In un recente articolo pubblicato sulla rivista “Perspectives on Psychological Science”, diversi psicologi e scienziati cognitivi hanno sottolineato che i dati scientifici sulla Mindfulness sono assolutamente carenti. Quando si parla di Mindfulness si fa riferimento ad un concetto che richiama l'...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.