Pubblicità

I segreti sessuali maschili

Esistono delle problematiche sessuali segrete negli uomini? Quali potrebbero essere le cause? E quali i rimedi? Quanto è importante parlarne con il partner?

segreti sessuali maschiliSecondo una recente revisione della letteratura i problemi sessuali che maggiormente colpiscono gli uomini sotto la cintura sono l’eiaculazione precoce e la disfunzione erettile.

Tuttavia, si è osservato che gli uomini possono anche sviluppare un problema di cui si sente molto poco parlare, ossia la difficoltà ad esperire l’eiaculazione e l’orgasmo.

Quando si sviluppano tali difficoltà gli uomini possono mostrare una forte reticenza a parlarne, perché ritengono di essere i soli a vivere tale situazione, ma invece si sbagliano; infatti se esiste una problematica sessuale segreta negli uomini è proprio quella della non-eiaculazione.

Questa può svilupparsi a qualsiasi età, dall’adolescenza fino alla terza età; secondo le indagini del Sex in America, effettuate tra il 1999 e il 2008, questa colpisce il 28% degli uomini sotto i 50 anni, il 16% di quelli con età compresa tra i 50 ed i 60 anni, il 23% dai 65 ai 74 anni, e il 33% degli uomini dai 75 anni in poi.

Fortunatamente la difficoltà ad esperire sia l’eiaculazione che l’orgasmo può essere risolta attraverso una terapia psicosessuologica.

Per comprendere al meglio tale problematica verranno ora illustrate alcune delle possibili cause che contribuiscono al suo sviluppo.

In primo luogo è bene capire quale sia lo stile masturbatorio utilizzato dall’uomo; molti di essi infatti si auto-stimolano in modo particolare e si allenano per raggiungere l’orgasmo e l’eiaculazione solo attraverso la masturbazione.

Se tale modalità viene omessa al partner, allora questo/a non sarà in grado di favorire il raggiungimento del piacere.

Per quanto riguarda lo stress, molti terapeuti sessuali concordano sul fatto che soprattutto stress di natura emotiva possono essere associati a difficoltà eiaculatorie ed orgasmiche: la rabbia verso il proprio partner, la paura della gravidanza o infezioni sessuali, o un’educazione religiosa molto rigida, sono tutti fattori che possono aumentare tale rischio.

Fair Oaks, terapeuta sessuale presso la Louanne Weston, California, ha affermato:

“ho incontrato uomini con problemi di eiaculazione legati alla rigorosa educazione religiosa, sia essa cattolica, protestante o ebraica; il problema non è tanto la religione, quanto il fondamentalismo dal quale scaturisca una sessualità negativa”.

Un’altra problematica che spesso si può incontrare riguarda il fatto che molti uomini si concentrano eccessivamente sulla partner; fare l’amore implica dare e ricevere piacere, ma alcuni uomini credono che il loro unico compito è quello di dare.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667
Dottoressa Annalisa Di Sabatino
Via Reno, 30 - ROMA
Tel.: 06 8419950

Adottando tale prospettiva, il focalizzare l’attenzione sull’esperienza di piacere della partner determina nel maschio una perdita del “fuoco erotico” che può interferire con l’eiaculazione e l’orgasmo.

Anche l’assunzione di una terapia farmacologica può compromettere tali aspetti; è ben noto che gli antidepressivi determinano problemi sia a livello erettile, eiaculatorio ed orgasmico.

Al pari degli antidepressivi anche altri farmaci come ad esempio antidolorifici, quelli per la pressione sanguigna, benzodiazepine e antipsicotici possono determinare problematiche di questo tipo.

Rispetto ad altre sostanze, l’alcool è di solito associato con la disfunzione erettile, ma in alcuni uomini provoca problemi eiaculatori ed orgasmici.

L’invecchiamento è un altro fattore che ovviamente, in maniera anche più naturale, influenza la prestazione sessuale.

Mentre gli uomini invecchiano si accorgono che i lor peni hanno bisogno di più stimoli, a volte, molti di più, per far scattare l’eiaculazione. Questo è normale, ma spesso sconcertante.

L’invecchiamento indebolisce anche i muscoli del pavimento pelvico che sono fondamentali durante il ciclo di risposta sessuale, ma soprattutto per quanto riguarda la funzionalità erettile, eiaculatoria ed orgasmica.

Da un punto di vista medico, anche alcune condizioni neurologiche come il diabete, la paraplegia o la sclerosi multipla, possono danneggiare i nervi che controllano il riflesso eiaculatorio ed orgasmico.

Rispetto a quanto esposto, verranno ora presentati alcuni consigli utili su come affrontare tale problematica.

In prima battuta è necessario consultare il proprio medico, il quale potrà effettuare accertamenti volti a valutare la presenza di possibili infezioni,  problemi neurologici e via dicendo.  Una volta escluse patologie di natura organica, è bene consultare uno psicosessuologo, con cui iniziare a lavorare anche sugli aspetti relazionali impliciti della sessualità.

Secondariamente è importante praticare gli Esercizi di Kegel; sono dei semplici esercizi attraverso i quali è possibile tonificare i muscoli del pavimento pelvico, intensificando l’orgasmo e rafforzando i riflessi eiaculatori.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Giuseppina Grazioso
V.le Papa Giovanni XXIII, 33 - BARI
Cell: 338 7780330
Dottoressa Claudia Rampi
Viale Alessandro Volta, 89 - NOVARA
Cell: 349 3624879

È inoltre importante valorizzare il proprio contesto erotico; il mito comune è che gli uomini possono “funzionare” sessualmente in quasi tutte le circostanze, mentre le donne possono godere del sesso solo se soddisfatte tutte una serie di pre-condizioni come una bella cena fuori, dei fiori, lenzuola pulite e un uomo realmente interessato a ciò che hanno da dire.

Anche gli uomini però hanno alcune pre-condizioni per sentirsi sessualmente soddisfatti, e con il variare dell’età, il contesto diventa sempre più importante.

È quindi indispensabile identificare le proprie “pre-condizioni” e lavorare insieme al partner per soddisfarle.

All’interno di una relazione di coppia è anche importante valorizzare il proprio piacere e condividere i propri desideri e fantasie.

Così come per le donne, anche gli uomini hanno il diritto di chiedere una determinata stimolazione atta a produrre piacere.

Potrebbe riguardare una masturbazione molto vigorosa o magari una stimolazione orale; pertanto non esitate a chiedere!

Potreste, ad esempio, mostrare al vostro partner come praticate la masturbazione, e anche se questo può determinare un senso di vergogna, in realtà si stanno solo inviando al partner delle “informazioni” circa ciò di cui avete bisogno, e questo approfondirà l’intimità del vostro rapporto.

È anche importante respirare profondamente, perché in tal modo si rilassa il sistema nervoso e la stimolazione erotica potrebbe innescare l’eiaculazione e l’orgasmo.

Durante il rapporto potrebbe infine risultare anche utile il ricorso a lubrificanti, in quanto rendono i genitali più sensibili al tatto e quindi potrebbero aiutare a risolvere problematiche di questo genere.

Tratto da PsychologyToday

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Giorgia Lauro)

  |   Letto: 3082 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.