Pubblicità

Il “cervello adolescente”

La ricerca sul 'cervello adolescente' continua ad evolversi e ci fornisce risposte importanti sul perchè gli adolescenti si comportano o reagiscono in determinati modi.

il cervello adolescenteIn qualità di psicologi e psicoterapeuti, è importante per noi essere in grado di dare un senso al modo in cui i ragazzi agiscono.

Il comportamento ha senso quando comprendiamo che cosa lo provoca e le risposte più efficaci per gli adulti diventano più chiare quando viene rivelata la natura dello sviluppo dell'adolescente. In tal senso, il cervello è un ottimo punto di partenza!

L'adolescenza pone circostanze neurobiologiche uniche che, se comprese, possono aiutare a mettere in prospettiva e leggere in modo più funzionale i comportamenti degli adolescenti.

Comprendere questi aspetti della crescita adolescenziale ci aiuterà a mantenere una posizione aperta in modo da poter costruire relazioni efficaci e autentiche con gli adolescenti che riceviamo nella pratica clinica.

Fortunatamente, la ricerca sul cervello adolescente continua ad evolversi e ci fornisce risposte sul perchè gli adolescenti fanno quel che fanno.

Pertanto, perchè i ragazzi si comportano in determinati modi?

1° rmotivo: La loro corteccia prefrontale è ancora in via di sviluppo.

La corteccia prefrontale potremmo definirla l'amministratore delegato del cervello. È responsabile per la pianificazione, organizzazione e sintesi di tutte le informazioni che arrivano nel cervello, nonché della comprensione di cosa fare con esse in un modo diretto, efficiente e sistematico.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Camilla Pazzagli
Via Gioberti, 23 - FIRENZE
Cell: 331 7339589
Dottoressa Paola Grasso
Via Monte Senario, 43 - ROMA
Cell.: 338 7897667

Molti dei comportamenti tipicamente associati agli adolescenti – la detestabilità, la scarsa capacità di giudizio, la mancanza di pianificazione e previsione e l'inefficace risoluzione dei problemi – sono pesantemente influenzati dall'immaturità della corteccia prefrontale.

Studi longitudinali sul cervello degli adolescenti ci dicono che la corteccia prefrontale non è completamente sviluppata fino all'età di almeno 25 anni.

Molti dei comportamenti sopra-citati e associati agli adolescenti sono inoltre pesantemente influenzati dall'immaturità del lobo frontale.

Riconoscere che si tratta di un reale deficit di sviluppo può aiutare a minimizzare la personalizzazione dei comportamenti adolescenziali.

Lo sviluppo del cervello dipende da una serie di variabili come la genetica, l'esposizione alla stimolazione, l'ambiente sociale, il clima familiare e via dicendo.

Ma il semplice processo di crescita e maturità aiuta la corteccia prefrontale a sviluppare e guidare risposte più mature ed utili.

Fino ad allora, una risposta adulta misurata ed un feedback onesto ma rispettoso, potrebbe aiutarli ad esaminare ciò che hanno fatto ed i modi per farlo meglio la prossima volta, contribuendo così a far crescere le connessioni neuronali in quest'area del cervello.

Inoltre, l'opportunità di parlare a voce alta delle proposte circa la risoluzione dei problemi sarà un ulteriore modo efficace per modellare questa abilità e aiutarla ad evolversi.

2° motivo: L'amigdala dell'adolescente è iperattiva.

Durante l'adolescenza, la parte del cervello più attiva è l'amigdala. Si trova in profondità nel tronco cerebrale ed è responsabile della regolazione emotiva e delle reazioni primitive ed istintuali tra cui la paura e l'aggressività.

In qualità di esseri umani, questa parte del nostro cervello ci ha permesso di sopravvivere nel corso dell'evoluzione umana.

È anche coinvolta nelle modalità con cui gli adolescenti elaborano e valutano le informazioni. Quando pensiamo che gli adolescenti siano lunatici, eccessivamente reattivi o su montagne russe emozionali, queste sono esperienze molti reali per loro.

Pubblicità

Gli studi che hanno utilizzato la Risonanza magnetica funzionale (fMRI) mostrano che gli adulti interpretano le espressioni facciali usando la regione corticale del cervello, ossia la sede del pensiero, mentre gli adolescenti interpretano i volti usando l'amigdala, ossia l'emozione.

Le loro percezioni vengono cioè incanalate attraverso il loro centro emotivo. Questo processo spiega perchè gli adolescenti tendono a sovra-personalizzare le comunicazioni degli altri.

Questa comprensione ci aiuta ad essere più empatici nella nostra risposta ai giovani e lascia spazio a qualche beneficio del dubbio, ad un delicato chiarimento e alla convalida che le loro interpretazioni, anche se probabilmente sbagliate, sono percepite da loro come reali.

3° motivo: mielinizzazione, modellamento cerebrale e neuroplasticità

Un risultato importante nella ricerca sul cervello adolescente in via di sviluppo è che va incontro ad un cambiamento della forma fisica subendo un processo di specializzazione chiamato “potatura”.

Le connessioni neuronali da comportamenti non più necessari scompaiono letteralmente mentre altre si formano attraverso l'impegno in una nuova e più mirata comprensione e attività. Questo processo è facilitato dalla mielinizzazione.

La mielina è una sostanza grassa che isola le connessioni tra le cellule cerebrali, in particolare quelle vie che vengono utilizzate più spesso.

Con un uso frequente, i percorsi del cervello, diventano mielinizzati, creando cioè un percorso più veloce ed efficiente per questo compito.

Psicologi in evidenza
Dottoressa Caterina Gestri
Piazza Risorgimento, 18 Quarrata - PISTOIA
Cell: 338 1110142
Dottoressa Valeria Colasanti
Viale Regina Margherita, 157 (Studio Psicologico Alfa) - ROMA
Cell: 348 8197748

Questo è il motivo per cui, quando impariamo qualcosa di nuovo, all'inizio è difficile. La maggior parte di noi deve concentrarsi su un'abilità e praticarla più e più volte fino a quando i percorsi per quelle abilità diventano mielinizzati.

I processi che avvengono nel lobo frontale del cervello – focalizzazione, attenzione, comportamento orientato all'obiettivo, giudizio e problem-solving - combinati all'iperattività dell'amigdala, creano sfide uniche per gli adolescenti.

Il DNA, il tempo e le opportunità per la pratica e l'apprendimento consentono percorsi neuronali adattivi per la mielinizzazione ed il rafforzamento.

Le relazioni di supporto e di comprensione con gli adulti rappresentano uno strumento potente per guidare gli adolescenti verso la maturità mentre i loro cervelli sono ancora pienamente in via di sviluppo.

Volendo concludere, in qualità di adulti, più offriamo agli adolescenti opportunità di concentrarsi, prestare attenzione, praticare comportamenti diretti agli obiettivi, usare il buon senso e risolvere i problemi, mentre comprendiamo che le emozioni sono in gioco e che gli errori sono più che “naturali”, meglio sarà.

 

A cura della Dottoressa Giorgia Lauro

  |   Letto: 4460 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Il Sé nell'altro: la paranoia

Le sfumature della paranoia: Persecuzione, megalomania ed erotomania. Nancy McWilliams e la concezione psicoanalitica. Una nuova comprensione della paranoia come sindrome psichiatrica è stata acquisita negli ultimi anni, grazie anche al pensiero psicoanalitico contemporaneo. Il manuale diagnostico e ...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.