Pubblicità

Il disturbo da ansia generalizzata

Articolo a cura della Dott.ssa Caterina Padulo

ansiaIl disturbo da ansia generalizzata (GAD) è contraddistinto da una eccessiva e ingiustificata preoccupazione verso qualsiasi evento o attività, per la maggior parte del tempo per un periodo di almeno sei mesi. Tale stato non risulta associabile a determinate circostanze o eventi ed è molto difficile da controllare per chi lo sperimenta.

Si tratta di un disturbo che interessa il 5% della popolazione italiana, cioè circa tre milioni di persone. In base a quanto riportato nel DSM IV, uno stato ansioso che necessita di trattamento terapeutico prevede la presenza concomitante dei seguenti sintomi:

  • ansia e preoccupazioni eccessive (attesa apprensiva) che si manifestano per la maggior parte dei giorni da almeno sei mesi, con riferimento ad eventi o attività (come prestazioni lavorative o scolastiche);
  • difficoltà nel controllare la preoccupazione;
  • l’ansia, la preoccupazione o i sintomi fisici causano disagio clinicamente significativo o menomazione del funzionamento sociale, lavorativo o di altre aree importanti;
  • l’alterazione non è dovuta agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (come abuso di droga o di un farmaco) o di una condizione medica generale (per es., ipertiroidismo);
  • l’ansia e la preoccupazione sono associate con almeno tre dei seguenti sintomi:
    • irrequietezza, o sentirsi tesi o con i nervi a fior di pelle;
    • facile affaticabilità;
    • difficoltà a concentrarsi o vuoti di memoria;
    • irritabilità;
    • tensione muscolare;
    • alterazioni del sonno (difficoltà ad addormentarsi o a mantenere il sonno, o sonno inquieto e insoddisfacente).

Possiamo quindi asserire che i pazienti con tale disturbo risultano perennemente ansiosi e apprensivi riguardo circostanze di vita ordinarie; senza reali motivazioni, accusano preoccupazioni per la salute dei propri familiari, per la propria situazione economica e lavorativa o scolastica. Queste persone, quindi, vivono come se si aspettassero una catastrofe da un momento all’altro, in uno stato di preoccupazione quasi costante. Studi recenti hanno dimostrato che chi ha questo disturbo può trascorrere anche metà della giornata angustiandosi per situazioni che potrebbero accadere.

Le conseguenze di questo stato, a livello somatico, sono riscontrabili a livello del sistema neurovegetativo, e i principali sintomi rilevabili sono: respiro affannoso, palpitazioni, sudorazione, specialmente al palmo della mano, sensazione di nodo alla gola, secchezza delle fauci, ma anche disturbi gastroenterici, come meteorismo, nausea e diarrea.

ansiaE’ possibile evidenziare anche tensione muscolare a capo, collo e dorso, che provoca dolori e mal di testa, ma anche tremori e irrigidimenti degli arti superiori. Sono tipici anche disturbi del sonno che possono manifestarsi come difficoltà ad addormentarsi o sonno interrotto con frequenti risvegli durante le ore notturne.

Lo stato ansioso patologico ha risvolti negativi anche nell’ambito delle funzioni cognitive con: ridotta concentrazione, facile distraibilità, disturbi a carico della memoria e della vigilanza (irrequietezza, irritabilità, facilità a sobbalzare, stato di allarme).

Per effettuare una diagnosi di disturbo da ansia generalizzata è importante escludere problemi a livello cardiaco e a livello di funzionamento tiroideo; è, inoltre, importante effettuare una diagnosi differenziale considerando gli altri disturbi d’ansia e i disturbi depressivo e distimico, che spesso coesistono con il disturbo d’ansia generalizzata.

Nel trattamento di questo disturbo è probabilmente molto importante l’associazione degli approcci farmacologico, psicoterapeutico e di sostegno.

Nella terapia farmacologica vengono utilizzate principalmente benzodiazepine. Questi farmaci mostrano la loro efficacia soprattutto a breve termine, ma la loro sospensione può causare il ripristino dei sintomi del disturbo con fenomeni di astinenza in caso di sospensioni brusche, o con rischio di dipendenza nel caso di trattamenti a lungo termine.

Con pazienti del genere il rapporto con la realtà è ben conservato, quindi potrebbe essere consigliabile una terapia psicologica principalmente espressiva con elementi di supporto.
Sulla base di diversi studi empirici, il trattamento più efficace per il disturbo da ansia generalizzata è risultato essere la terapia cognitivo-comportamentale, effettuata sia individualmente che in gruppo.

labbraPer mezzo di questo tipo di approccio si cerca di lavorare sulla sostituzione di pensieri disfunzionali, fonti d’ansia, con pensieri funzionali e sulla modificazione degli schemi di risposta soliti attraverso, ad esempio, tecniche di desensibilizzazione verso gli stimoli che provocano l’ansia patologica.

E’ necessario, inoltre, dare molta importanza alla prevenzione dalle ricadute, che si traduce nell’accettazione da parte del paziente dell’evenienza che i sintomi potrebbero ripresentarsi, con la nuova consapevolezza, però, di avere a disposizione una nuova serie di strumenti acquisiti in terapia per fronteggiare il momento di crisi.
Rispetto alla terapia individuale, quella di gruppo consente ad ogni partecipante di confrontarsi con altre persone che soffrono del suo stesso disturbo, favorendo così la condivisione e lo smorzamento del problema, oltre alla riduzione della sensazione di "anormalità".

Un altro approccio nella cura del disturbo d'ansia generalizzata è quello psicodinamico, mediante il quale ci si pone l'obiettivo dell'interiorizzazione dell'immagine del terapeuta come punto di riferimento cui fare appello nei momenti di difficoltà e si mira ad un aumento dell'autostima del paziente.
Essenziale, per questo approccio al paziente, è favorire anche un processo di separazione-individuazione per mezzo dell'analisi e della rielaborazione di eventuali tematiche di dipendenza e lutto, e rendere efficace la canalizzazione da parte dell'Io dell'ansia e della pulsionalità più in generale.

Nella terapia di sostegno, infine, vengono offerti supporto e rassicurazione al paziente che possono risultare utili in fase acuta, ma che presentano dubbia efficacia a lungo termine.

Dott.ssa Caterina Padulo

 

 

  |   Letto: 10844 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

La psicoterapia individuale

La psicoterapia è una modalità di trattamento in cui lo psicoterapeuta e il/i paziente/i lavorano insieme per cambiare una situazione di sofferenza psicologica. All’interno di questa definizione generale di psicoterapia è possibile trovare diversi tipi di intervento psicoterapeutico. Essi si distinguono...

Trattamento terapeutico online: la nuova frontiera del domani?

Alcuni autori stanno proponendo che le relazioni online, in particolare quelle terapeutiche, possano rivoluzionare i servizi di salute mentale, consentendo alle persone una valida alternativa agli approcci tradizionali di trattamento. I social media hanno drammaticamente cambiato il modo in cui molti di noi ...

Psicoterapia ambulatoriale e anoressia nervosa

Un ampio studio ha dimostrato che la psicoterapia ambulatoriale è un approccio terapeutico efficace per le donne adulte con anoressia nervosa. I ricercatori hanno valutato due nuove strategie di trattamento, e hanno scoperto che anche dopo la conclusione della terapia, i nuovi approcci hanno favorito ...

Gli aspetti psicologici del mal di testa

Il mal di testa, più propriamente “cefalea”, è una patologia che in alcuni casi può rivelarsi estremamente invalidante, sia dal punto di vista individuale che in termini di costo sociale. Si può fare una prima distinzione tra cefalee “primarie” e “secondarie”: al contrario di queste ultime...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.