Pubblicità

Il Disturbo da Stress Post Traumatico

Disturbo post traumatico da stress

Il Disturbo da Stress Post Traumatico è stato inserito ufficialmente nel DSM nel 1980, ma già nella letteratura del Novecento gli sono stati attribuiti nomi diversi, come nevrosi da guerra, cuore del soldato o shock post-traumatico, proprio per indicare una patologia che insorge in maniera acuta dopo l'esposizione ad eventi gravi ed estremamente stressanti che mettono a repentaglio la propria o altrui integrità. Mentre nei primi anni '80 si faceva per lo più riferimento alle conseguenze psicologiche vissute da persone con esperienze di guerra, da diversi anni vengono considerate molte altre situazioni come potenziali cause per lo sviluppo del PTSD, mantenendo nel DSM il riferimento alla gravità oggettiva della situazione (Fullerton e Ursano 2001).

Caratteristica principale dei soggetti con tale disturbo è la risposta che ne consegue che prevede un aumento considerevole del livello di ansia, l'evitamento degli stimoli che in qualche modo sono associati al trauma e una diminuzione significativa della reattività emozionale. Ovviamente l'evento causa del trauma e del conseguente disturbo deve essere stato fonte di paura intensa, orrore e senso di impotenza. 

I criteri diagnostici previsti dal DSM sono i seguenti:

A. La persona è stata esposta ad un evento traumatico con le seguenti caratteristiche:
- la persona ha assistito o ha vissuto uno o più eventi che hanno implicato morte, minaccia di morte, lesioni o minaccia all'integrità fisica propria o di altri
- la risposta della persona è stata caratterizzata da paura intensa, orrore, senso di impotenza.

B. L'episodio traumatico viene rivissuto in uno o più dei seguenti modi:
- ricordi intrusivi e ricorrenti dell'evento (immagini, pensieri o percezioni)
- incubi ricorrenti sull'evento
- sentire o agire come se l'evento stesse per ripresentarsi (ad es. rivivere l'esperienza, allucinazioni, illusioni, episodi dissociativi di flashback)
- notevole disagio psicologico in seguito all'esposizione a fattori scatenanti interni o esterni associati all'evento traumatico
- reattività fisiologica a fattori scatenanti interni o esterni associati all'evento trumatico

C. Continuo evitamento degli stimoli associati con il trauma e ridotta modulazione delle risposte affettive (presenza di almento tre dei seguenti elementi):
- evitamento di sensazioni, pensieri e conversazioni associate al trauma
- evitamento di luoghi, persone, attività che rievocano in qualche modo l'evento traumatico
- incapacità di ricordare alcuni aspetti dell'evento traumatico
- marcata riduzione di partecipazione e interesse ad attività significative
- distacco e/o estraneità verso gli altri
- riduzione dell'affettività (es. incapacità di provare amore)
- pensieri negativi riguardo prospettive future.

D. Sintomi persistenti di aumentata attivazione fisiologica (presenza di almeno due tra i seguenti):
- difficoltà ad addormentarsi o sonno con frequenti risvegli notturni
- irritabilità o collera improvvise
- risposte eccessive di allarme
- difficoltà di concentrazione
- ipervigilanza.

PTSDI sintomi appena esposti devono essere presenti da almeno un mese e devono causare elevato disagio con compromissione dei diversi ambiti della vita del soggetto preso in esame. E' necessario anche differenziare tra PTSD "acuto" (durata dei sintomi inferiore a tre mesi), "cronico" (durata dei sintomi uguale o maggiore a tre mesi) o "a esordio ritardato" (esordio dei sintomi a distanza di almeno sei mesi dall'episodio traumatico).

I soggetti con PTSD possono sviluppare dipendenza da alcool o da droghe come tentativo di automedicazione per smorzare i sintomi e cercare di dimenticare il trauma, oltre ad elevato rischio di comportamenti suicidari, accompagnati da forti sentimenti di colpa per essere sopravvissuti ad eventi catastrofici in cui altre persone, soprattutto conoscenti, parenti o amici, hanno potuto perdere la vita.

Grazie ai diversi studi effettuati sull'argomento, oggi è possibile affermare comunque che non è sufficiente l'esposizione ad un evento traumatico per lo sviluppo del PTSD, ma vanno presi in considerazione una serie di fattori di rischio, tra cui: predisposizione genetica e familiarità, esposizione a precedenti eventi stressanti, altri disturbi psichiatrici, fattori di rischio biologici, caratteristiche del trauma etc...

Nell'effettuare una diagnosi di PTSD, inoltre, è fondamentale valutare la possibilità della presenza di quadri psicopatologici frequentemente associati, tra cui soprattutto depressione, disturbi d'ansia e abuso di sostanze. La depressione maggiore sembrerebbe essere il disturbo più frequentemente associato al PTSD nonostante la sovrapposizione di diversi sintomi comuni (anedonia, ritiro sociale, difficoltdi concentrazione irritabilite agitazione). Questa sovrapposizione è riscontrabile anche per i disturbi d'ansia; quindi è necessario porre molta attenzione in fase di diagnosi.

Nel valutare il paziente, è anche opportuno indagare se e in che termini, in seguito al trauma, è stata modificata l'immagine di sé, la propria autostima, il grado di strutturazione dell'Io ed individuare le strategie difensive e le risorse interne ed esterne messe in atto per far fronte al trauma.

Trattamento PSTDNel trattamento di questo disturbo assumono molta importanza la terapia farmacologica insieme ad approcci psicoterapici e ad interventi preventivi e di comunità.

La terapia farmacologica può considerarsi fondamentale, specie nelle fasi iniziali. Anche se non sono disponibili ancora molti studi che abbiano valutato l'efficacia dei diversi farmaci, soprattutto a lungo termine, una proposta di trattamento farmacologico del PTSD fa riferimento principalmente all'utilizzo di antidepressivi.

In particolare, vengono utilizzati gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) che pare apportino miglioramento della sintomatologia, specialmente con riferimento all'ottundimento emotivo, e gli inibitori delle monoaminoossidasi (IMAO) che sembrerebbero migliorare i sintomi di riesperienza dell'evento traumatico. Vengono utilizzati anche gli ansiolitici, soprattutto benzodiazepine che, sebbene pare riducano l'ansia generalizzata manifestata generalmente dal paziente, non hanno alcun effetto sui sintomi centrali del disturbo e pare addirittura possano ostacolare la guarigione se assunti nelle prime settimane successive al trauma. Infine, pare si utilizzino anche anticonvulsivanti probabilmente per i contributi apportati soprattutto nel miglioramento dei sintomi da iperattivazione del sistema nervoso autonomo.

I trattamenti psicoterapeutici che possono essere utilizzati sono molteplici, ma tutti mirano al conseguimento dell'espressione delle emozioni collegate al trauma e al raggiungimento della fiducia in se stessi e di un contatto con il mondo esterno che sia positivo e funzionale.

Indipendentemente dalla tecnica utilizzata sarebbe sempre opportuno supportare il soggetto, specie nelle fasi iniziali della terapia, per rafforzare l'Io traumatizzato e per evitare che ci sia un peggioramento del distacco dalla realtà che, abbiamo detto, si verifica solo in alcuni momenti.

Un approccio adatto a questo tipo di pazienti è quello ad orientamento psicodinamico che permette di ottenere consapevolezza degli aspetti peculiari del vissuto degli stessi. Obiettivi da raggiungere in questo tipo di terapia sono il rafforzamento dei diversi aspetti della personalità che hanno subito modificazioni e lo sviluppo e l'utilizzo efficace di strategie di coping positive e funzionali.

Le terapie cognitivo-comportamentali, anch'esse utilizzate, si basano invece sulla teoria dell'apprendimento e puntano al decondizionamento e ricondizionamento positivo verso gli stimoli traumatici. Sono ovviamente effettuate in ambienti protetti e attraverso piccoli passi, per ottenere un progressivo controllo su se stessi e la propria reattività fisica e psichica.

E' possibile, infine, fare affidamento anche su psicoterapie di gruppo che pare siano anche molto utilizzate proficuamente, soprattutto negli Stati Uniti, per il trattamento di reduci di guerra.

 

Dott.ssa Caterina Padulo

 

 

 

  |   Letto: 5357 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il Sè sessuale

Il concetto di Sè sessuale fa riferimento alle modalità con cui si pensa a sé stessi come esseri sessuali e si sviluppa sia in risposta alle interpretazioni soggettive delle esperienze sessuali che dai feedack provenienti dal mondo esterno. L'individualità sessuale è defini...

Disturbo bipolare: sintomi e opzioni di trattamento

Il disturbo bipolare è un disordine caratterizzato da spostamenti insoliti nell'umore, nell'energia, nei livelli di attività e nella capacità di svolgere compiti quotidiani. I sintomi del disturbo bipolare sono abbastanza gravi; oscillano da livelli bassi ad alti, e la sintomatologia pu&...

La teoria della separazione

La teoria della separazione integra i sistemi psicoanalitici ed esistenziali del pensiero, mostrando quanto il dolore interpersonale precoce e l'ansia di separazione, e in seguito, l'ansia di morte, portino alla formazione di forti difese psicologiche. “La teoria della separazione è integrativa ...

Storia della Psicoterapia Breve Corporea PBC

Secondo il modello della Psicoterapia Breve Caratteroanalitica di Xavier Serrano Hortelano “La brevità è l’anima della saggezza”.Shakespeare, Amleto (atto II, scena II) 1. Introduzione Prima di definire i contorni della Psicoterapia Breve Corporea – PBC Caratteroanalitica, secondo il modello di X...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.