Pubblicità

Il grande potere della musica

Articolo a cura della Dottorressa Angela Chiara Leonino

musica

A tutti noi sarà capitato di ascoltare una melodia e di non riuscire più a scacciarla dalla testa oppure di aver percepito una sensazione piacevole o spiacevole collegata a quella musica.

Perché quella musica vi ha rapito fino a quel punto?

La musica è l’elemento principale che accompagna molti momenti della nostra vita, ci porta e rievocare dei ricordi lontani e può condizionare il nostro umore attraverso sensazioni piacevoli o spiacevoli.

La musica abbassa il livello di cortisolo, l’ormone dello stress, e alza i livelli delle endorfine, responsabili del buon umore e della felicità.

Il neuroscienziato Daneil J Levitin, all’interno dell’opera ‘Life Soundracks’, spiega come la musica faccia attivare numerose aree cerebrali deputate al cambiamento del ritmo cardiaco, della respirazione, della pressione del sangue, delle onde cerebrali, della conduttanza della pelle.

Il neuroscienziato ci illustra come l’attivazione del sistema reticolare attivatore ascendente può produrre delle reazioni fisiche, come sudore, eccitazione sessuale e ‘brividi lungo la schiena’. Inoltre, l’attivazione dei circuiti neuronali coinvolti nella ricompensa aiutano a regolare i livelli di dopamina nel cervello, cioè, il cosiddetto ‘ormone del benessere’.

L’apprendimento musicale inizia fin dai primi giorni di vita di un bambino, coinvolge diverse aree cerebrali come ad esempio: le aree preposte all’udito, quelle importanti per il linguaggio (canto) e quelle per la motricità (quando si impara a suonare uno strumento).

Molte ricerche confermano l’ipotesi che la musica sia importante per le funzioni cognitive quali la percezione spaziale, la memoria e l’attenzione.

Per capire meglio i meccanismi coinvolti, sono state condotte delle indagini tramite la valutazione elettroencefalografica su musicisti dilettanti e professionisti, e su bambini di 4 e 5 anni prima e dopo un anno di studio di pianoforte, per poi confrontarli con bambini che non avevano ricevuto alcuna educazione. In risposta agli stimoli musicali si è registrata l’attività neuronale nella banda gamma (30-100Hz), cioè quella che coinvolge una vasta gamma di processi cognitivi, tra cui l’apprendimento e la formazione della memoria.

La risposta maggiore si è avuta: negli adulti professionisti, nei musicisti rispetto ai non musicisti e nei bambini che avevano studiato pianoforte. Gli studiosi ritengono che, quindi, l’attivazione della banda gamma sia una risposta scatenata dall’attivazione dei meccanismi mnemonici e dell’attenzione legati all’educazione musicale. I bambini che imparano la musica mostrano anche un miglioramento delle prestazioni linguistiche, matematiche e nel gioco degli scacchi.

Il ritmo agisce su cuore e cervello. Ecco come.

Lo studio che ce lo dimostra è stato pubblicato sulla rivista “Heart”, esso mostra come siano il tempo e il ritmo dei brani, più che il loro stile, a combattere maggiormente lo stress.

Luciano Bernardi dell'Università di Pavia, Peter Sleight dell'Università di Oxford e colleghi hanno esaminato diversi aspetti della respirazione e della circolazione in 24 giovani volontari, maschi e femmine, prima e durante l'ascolto di brevi brani musicali. Metà dei partecipanti erano musicisti che suonavano uno strumento da almeno sette anni, mentre gli altri non avevano ricevuto alcun tipo di istruzione musicale.

I partecipanti hanno ascoltato musica di vario tipo e in diverse sequenze: musica raga (meditativa indiana), classica lenta (l’Adagio della Nona sinfonia di Beethoven), dodecafonica (Anton Webern), rap (I Red Hot Chili Peppers), tecno (Gigi D’Agostino), classica veloce (Presto da l’Estate di Antonio Vivaldi).

I volontari, mentre ascoltavano i brani musicali, erano monitorati con macchine per valutare l’andamento del respiro, del cuore, della pressione arteriosa, della velocità del flusso del sangue arterioso nel cervello.

I risultati dicono che, aumentando il ritmo della musica, aumentano, parallelamente, la ventilazione polmonare, la frequenza del respiro, la frequenza cardiaca, la pressione arteriosa, la velocità del flusso di sangue nel cervello.
Più il tempo musicale è rapido e più accelerano respirazione, attività cardiocircolatoria e pressione, come conseguenza dell’attivazione del sistema nervoso simpatico.
L’unica musica che non fa aumentare il respiro e la pressione arteriosa è quella classica indiana, che viene usata anche per favorire il rilassamento e la meditazione.
Il dato interessante è che, per il cervello, non c’è differenza tra Rap, Tecno e Vivaldi: in tutti questi casi, esso mette in campo un meccanismo di allerta e di attivazione del simpatico.

C’è invece differenza tra l’Adagio della Nona di Beethoven e l’Estate di Vivaldi. Questo vuol dire che quello che conta è il tempo della musica, la sua velocità piuttosto che lo stile e il significato artistico.

musica2A riprova di questa conclusione ci sono due dati. Innanzitutto, non c’è relazione tra modificazioni biologiche e preferenze musicali dei volontari. Quindi, può anche non piacere la Tecno, ma il cervello (e con esso cuore e polmoni) saranno attivati come se ascoltassero l’amato Vivaldi.

Inoltre, si può affermare che anche i musicisti si lasciano travolgere dal ritmo. Anzi, in questo esperimento, sono molto più attivati dei non musicisti, ma è interessante che i musicisti sanno godere più degli altri delle pause, non solo tra una musica e l’altra, ma anche all’interno del singolo brano.

Le pause, infatti, nell’esperimento di Bernardi, producono il massimo di beneficio in termini di riduzione del respiro, battito cardiaco, pressione sanguigna. Questo vuol dire che ogni applicazione terapeutica della musica dovrebbe tener conto non solo del ritmo della musica scelta, ma anche della sua struttura interna e cioè dell’alternanza tra tempo veloce e tempo lento e delle pause inserite nella struttura del brano.

Musica e dislessia

Un particolare studio dimostra come la musica sia addirittura in grado di aiutare nel trattamento di un disturbo sempre più diffuso, la dislessia. La ricerca è stata pubblicata sulla rivista “Neuropsychologia”, condotta da ricercatori italiani dell’Istituto di Bioimmagini e Fisiologia molecolare del CNR di Milano, ha dimostrato inoltre che chi è abituato a leggere il pentagramma legge più velocemente anche le parole e durante la lettura mostra un’attivazione cerebrale diversa dai non esperti.

I ricercatori hanno ricostruito, attraverso la tomografia elettromagnetica a bassa risoluzione, il segnale bioelettrico emesso dal cervello di un gruppo di quindici musicisti. Durante l’elaborazione delle note e della lettura i quindici musicisti professionisti e altrettante persone di uguale scolarizzazione ed età, sono stati studiati e comparati i segnali bioelettrici.

È emerso che, nel leggere le note e le parole, i musicisti attivavano delle aree cerebrali diverse da quelle osservate nelle persone senza conoscenze musicali.

I ricercatori hanno spiegato che quando leggono un testo musicale le persone prive di conoscenza specifica attivavano la corteccia occipito-temporale di sinistra e il giro occipitale inferiore di sinistra.

Nei musicisti, invece, queste stesse regioni sono risultate attive sia sull’emisfero sinistro, come nei non musicisti, sia sull’emisfero destro.

La scoperta potrebbe aiutare i bambini dislessici in cui la regione cerebrale normalmente reclutata per l’analisi visiva delle parole si attiva in modo atipico o insufficiente.

Questi studi ci dicono che l’ascolto e lo studio della musica sono fondamentali per la vita dell’uomo.

L’arte musicale è un ottimo strumento per le abilità cognitive , un'alleata per combattere lo stress e le situazioni di ansia e contiene in sé uno straordinario potenziale socio-educativo.

 

Bibliografia

  • Cervello e musica. Enrico Granieri, Patrik Fazio. Sezione di Clinica Neurologica. Dipartimento di Neuroscienze. Università di Ferrara
  • Dynamic Interactions between Musical, Cardiovascular, and Cerebral Rhythms in Man. Luciano Bernardi, Cesare Porta, Gaia Casucci, Rossella Balsamo, Nicolò F. Bernardi, Roberto Fogari, Peter Sleight.
  • La musica aiuta il bimbo dislessico. Lo racconta uno studio italiano. Sahalima Giovannini
  • Speciale il potere della musica. Mente e Cervello Aprile 2005
  • Tecno, Rap o Vivaldi pari sono: per il cervello è il ritmo che conta. Francesco Bottaccioli.


(A cura della dottoressa Angela Chiara Leonino)

 

 

 

  |   Letto: 10728 volte
Pin it


Potrebbero interessarti anche....

Il disturbo da stress post-infedeltà

Secondo lo psicologo Dennis Ortman il disturbo da stress post-infedeltà può avere conseguenze fisiche così come emotive; lo stress legato all'aver scoperto l'infedeltà del partner può portare a ciò che è stato soprannominato “sindrome del cuore spezzato&r...

Perché andare in terapia da uno psicoterapeuta?

Si riduce tutto a questo: una persona decide di andare in terapia perché è bloccata.Il paziente si potrebbe domandare: "Cos'ha questo a che vedere con ansia, depressione, panico, fobie, disturbi ossessivo-compulsivi, adolescenti ribelli, abuso di sostanze, bullismo e altro?" La risposta è: tutto quanto. Q...

Nuovi trattamenti per il Disturbo Post-Traumatico da Stress

Dai farmaci al mondo digitale: approcci innovativi per la gestione del Disturbo Post-Traumatico da Stress In un’era in cui si assiste sempre più a disastri, incidenti, abusi e guerra, i sopravvissuti al trauma non sono sempre in grado di affrontare una serie di problemi emotivi come i ricordi intrusivi, i...

La Psicoterapia può “riparare” il DNA?

La psicoterapia è in grado di invertire l’aumento dei livelli endogeni di rottura di DNA nei soggetti con Disturbo post-traumatico da stress, riportandoli ad un livello normale. Precedenti ricerche hanno rivelato un’associazione tra stress traumatico e incremento del rischio per lo sviluppo di numerosi ...

Copyright © 2018 Psicologi Italiani. Tutti i diritti riservati. Psiconline srl. - P.IVA 01925060699 - web design - web agency -

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. - ULTERIORI INFORMAZIONI

Cookie e relative funzionalità

A seconda dei singoli obiettivi, si utilizzano cookie differenti.
Di seguito viene fornito un elenco dei tipi di cookie più diffusi e degli scopi per cui vengono utilizzati.

Cookie di sessione
I cookie di sessione vengono archiviati temporaneamente nella memoria del computer durante l'esplorazione di un sito, ad esempio, per tenere traccia della lingua scelta. I cookie di sessione rimangono memorizzati nel computer per un breve periodo di tempo. Vengono infatti eliminati non appena l'utente chiude il browser Web.

Cookie permanenti o traccianti
I cookie permanenti salvano un file sul computer per un lungo periodo di tempo. Questo tipo di cookie possiede una data di scadenza. I cookie permanenti consentono ai siti Web di ricordare informazioni e impostazioni alle successive visite degli utenti, rendendo così l'esplorazione più pratica e rapida, poiché, ad esempio, non è più necessario effettuare l'accesso.
Alla data di scadenza, il cookie viene automaticamente eliminato quando si effettua il primo accesso al sito Web che lo ha creato.

Cookie di prime parti
Questi cookie vengono impostati dai siti Web stessi (con dominio uguale a quello indicato nella barra degli indirizzi del browser) e possono essere letti solo da tali siti. Vengono comunemente utilizzati per archiviare informazioni quali le preferenze, da utilizzare alle successive visite al sito.

Cookie di terze parti
Questi cookie vengono impostati da domini diversi da quello indicato nella barra degli indirizzi del browser, ovvero da organizzazioni che non corrispondono ai proprietari dei siti Web.
I cookie utilizzati, ad esempio, per raccogliere informazioni a fini pubblicitari e di personalizzazione dei contenuti, oltre che per elaborare statistiche Web, possono essere "cookie di terze parti".
I cookie di terze parti consentono di ottenere sondaggi più completi delle abitudini di esplorazione degli utenti e si ritiene che siano più sensibili dal punto di vista dell'integrità. Per questo motivo, la maggior parte dei browser Web permette di modificare le impostazioni in modo che tali cookie non vengano accettati.

Di seguito un elenco dei servizi utilizzati sul sito Psicologi Italiani che impostano cookie di terze parti:

Google Analytics (Google)
Google Anayltics è un servizio di analisi web fornito da Google, Inc. ("Google") che utilizza dei "cookie" mediante i quali raccoglie Dati Personali dell'Utente che vengono trasmessi a, e depositati presso i server di Google negli Stati Uniti. Google utilizza queste informazioni allo scopo di tracciare e esaminare il vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito web per gli operatori del sito web e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all'utilizzo di Internet. Google non associa l'indirizzo IP dell'utente a nessun altro dato posseduto da Google. L'eventuale rifiuto di utilizzare i cookies, selezionando l'impostazione appropriata sul vostro browser, può impedire di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web.

Social Widgets/Buttons
Servizi che consentono agli utenti di interagire con i social network direttamente all'interno di altri siti web.

Facebook social buttons/widgets (Facebook)
Servizio gestito da Facebook Inc. società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Facebook, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Facebook non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Facebook Inc. si prega di consultare il seguente link: www.facebook.com/privacy/explanation.php

Twitter social buttons/widgets (Twitter)
Servizio gestito da Twitter, società che aderisce all'iniziativa Safe Harbor Privacy Policy Framework, garantendo un trattamento dei Dati Personali in linea con gli standard di sicurezza europei. Il servizio consente all'Utente di interagire con il social network tramite questo sito web. Twitter, grazie al click dell'Utente, acquisisce i dati relativi alla visita dello stesso sul Sito. Twitter non condivide alcuna informazione o dato in suo possesso con il Sito o il Titolare del Trattamento. Per maggiori informazioni sull'utilizzo dei Dati Personali da parte di Twitter si prega di consultare il seguente link: twitter.com/privacy

Gestione dei cookie

Poiché i cookie sono normali file di testo, è possibile accedervi utilizzando la maggior parte degli editor di testo o dei programmi di elaborazione testi. Per aprirli, è sufficiente fare clic su di essi. Di seguito è riportato un elenco di collegamenti che spiegano come visualizzare i cookie all'interno dei vari browser. Se il vostro browser non è presente, fate riferimento alle informazioni sui cookie fornite dal browser stesso. Se utilizzate un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Firefox
https://support.mozilla.org/en-US/kb/cookies-information-websites-store-on-your-computer

Chrome
https://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en&answer=95647&topic=14666&ctx=topic

Internet Explorer
http://windows.microsoft.com/en-US/internet-explorer/delete-manage-cookies

Safari
http://support.apple.com/kb/PH17191?viewlocale=it_IT

Disattivazione/attivazione o eliminazione dei cookie

I cookie possono essere limitati o bloccati mediante le impostazioni del browser.

Se preferite che i siti Web non memorizzino alcun cookie nel vostro computer, impostate il browser in modo da ricevere una notifica prima dell'archiviazione di ogni cookie. In alternativa, potete impostare il browser in modo che rifiuti tutti i cookie o solo i cookie di terze parti. Potete anche eliminare tutti i cookie già presenti nel sistema. È importante sottolineare che le impostazioni devono essere modificate separatamente in ogni browser e computer utilizzato.

Se impostate il blocco della memorizzazione dei cookie, Psicologi Italiani non può garantire un corretto funzionamento del sito Web. Alcune funzioni del sito potrebbero risultare non disponibili e potrebbe non essere più possibile visualizzare determinati siti Web. Inoltre, il blocco dei cookie non elimina la visualizzazione degli annunci pubblicitari. Semplicemente, questi non saranno più personalizzati in base ai vostri interessi e verranno riproposti con maggiore frequenza.

In ogni browser le impostazioni vengono modificate seguendo una diversa procedura. Se necessario, per definire impostazioni corrette utilizzate la funzione di Guida del browser.

Per disattivare i cookie su un telefono cellulare, consultate il relativo manuale per reperire ulteriori informazioni.

Informazioni più dettagliate relative ai cookie su Internet sono disponibili all'indirizzo http://www.aboutcookies.org/

Altri cookie/cookie imprevisti

Considerando il funzionamento di Internet e dei siti Web, non sempre siamo in grado di controllare i cookie che vengono memorizzati da terze parti attraverso il nostro sito Web. Questo vale soprattutto nei casi in cui la pagina Web contenga i cosiddetti elementi incorporati: testi, documenti, immagini o brevi filmati che sono archiviati altrove, ma vengono visualizzati nel o attraverso il nostro sito Web.
Di conseguenza, qualora nel sito Web venisse rilevato un cookie non imputabile ad uno dei servizi di terze parti elencato, vi preghiamo di comunicarcelo. In alternativa, potete contattare direttamente le terze parti interessate e chiedere informazioni sui cookie che inviano, a quali scopi, qual è la loro durata e come garantiscono la privacy degli utenti.